Oggi è sab ott 21, 2017 23:17 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: IL MINISTRO GELMINI CAMBI LA SUA POLITICA OPPURE SI DIMETTA
MessaggioInviato: mer ago 27, 2008 01:12 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 86
[b][b]IL MINISTRO GELMINI CAMBI LA SUA POLITICA OPPURE SI DIMETTA[/b][/b]

ONOREVOLE GELMINI,

bando ai convenevoli! Non la chiamiamo gentile, sia per non offendere il suo illustre predecessore, sia perchè nelle sue esternazione dell'ultima ora non troviamo nulla di garbato, malgrado i suoi modi e i suoi sorrisi!
Ma si sa, il diavolo veste Prada!

Riteniamo che le notizie di questi ultimi giorni siano veramente ALLARMANTI!
E che le piaccia o no, vogliamo esprimerle L'ENNESIMA VOLTA tutto il nostro disappunto (per usare un'espressione politicamente corretta che eviti ULTERIORMENTE la censura dei media a lei collusi!).

In una nostra lettera al Presidente della Repubblica avevamo già denunciato il nostro sdegno verso gli attacchi “razzisti” che gli esponenti politici della Lega avevano sferrato contro i docenti del Sud.
A distanza di un mese la storia si ripete, e questa volta parole razziste vengono pronunciate proprio da chi, in qualità di Ministro dell’Istruzione, dovrebbe essere portatrice di messaggi di coesione e giustizia sociale.

Qualche tempo fa lei ha dichiarato che le tremano le gambe per il ruolo che riveste, e sa perché?
Perché con le sue gravissime affermazioni, per niente mitigate dalle "comode" smentite, ha dimostrato di non essere all'altezza del prestigioso ruolo di Ministro della Repubblica Italiana UNITA!
Le sue smentite, infatti, ci dimostrano che, oltre che ignoranti, ci ritiene stupidi, se vuol farci credere che i "corsi intensivi" da lei ipotizzati fossero rivolti alle strutture. Per fortuna i video parlano chiaro!

Ci complimentiamo inoltre per come riesce a dire tutto e il contrario con una disinvoltura invidiabile!
Ha iniziato il suo mandato sciorinando indagini Ocse, che continua ad "interpretare liberamente" per suo comodo, dicendo di non volere "riformare" ma applicare meglio, PER AVERE UNA SCUOLA DI QUALITA' FONDATA SUL MERITO!
Bene, in base a quelle indagini, lei sta livellando verso il basso le uniche cose buone che avevamo (primaria e sostegno, nello specifico), malgrado avesse affermato che ciò che funziona non sarebbe stato toccato.
Non sta riformando, si sta abbattendo come uno tsunami sulla scuola pubblica, con una marcia indietro SENZA PRECEDENTI!
Sta togliendo tutto alla scuola, compresa l'anima, con la sua caccia alle streghe, dove le streghe sono la pedagogia e la didattica.

E lei, che è stata nominata Ministro senza avere alcun merito e competenza in materia di scuola, forse per riscattare un passato "inoperoso", si sta dando veramente da fare.
Voto in condotta, grembiule, ritorno al maestro unico: se fossi in lei rivaluterei le bacchettate, penna e calamaio). E giustifica questo tornado involutivo e la sua mancanza di inventiva citando Verdi!
Si guarda bene dal citare Visalberghi, Frabboni, Pontecorvo, malgrado più attinenti al settore, sia perché non li conosce, sia perché - a suo avviso- sono rei di averle segnato il percorso scolastico (POVERA STELLA SEGNATA DA UNA SCUOLA DEMOCRATICA!).

A proposito di maestro unico: appena un mese fa affermava "spero non doverci ritornare", riconoscendo velatamente la gravità di tale decisione; oggi, trionfante, lo annovera tra le sue conquiste!
E, parlando di meritocrazia, lascia noi insegnanti precari (che al contrario di molti politici abbiamo il MERITO di essere preparati e l'esperienza necessaria per svolgere il nostro lavoro) a lavare scale, o vivere di qualche lavoretto occasionale RIGOROSAMENTE IN NERO!

Del resto, dagli ultimi rapporti sull'iva sembra che l'evasione fiscale si sposi bene con questo governo che taglia sui servizi minimi, scuola, sanità, sicurezza, ed elargisce soldi a destra e manca per garantire le tasche di chi sta già bene!

Ma torniamo a parlare di scuola, la "pesante macchina" per la cui manutenzione non ci sono soldi
perché il "97% dei fondi se ne vanno in stipendi", come lei ripete SEMPRE (quando lo dice viene ormai spontaneo assicurarsi che alle sue spalle non si erga l’ombra del nostro Tremonti!).
Pensi: i fondi della scuola Italiana coprono appena gli stipendi, seppur inferiori della metà di quelli dei colleghi europei!
E certo non siamo il doppio degli insegnanti!

Lei ritiene GRANDI COMPETENZE il "leggere, scrivere e far di conto", che già nel '72 il rapporto Faure definì NUOVO ANALFABETISMO!
Ma, del resto, solo lei che lavora 15 ore al giorno per "inventare" la scuola di 80 anni fa e che vede bambini forse solo al bar, può pensare che questo possa bastar loro!
Un bambino di 3 anni oggi gioca già con i computer, ti risponde a tono e canta in inglese!
E a volte ci sentiamo ridicoli quando a sei anni somministriamo schede sui prerequisiti (seppur importanti) "sopra/sotto, dentro/fuori", che spesso hanno fatto per 6 anni tra nido e scuola dell'infanzia!

E ricordi, Ministro: se lei non capisce la frase padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti, non vuol dire che non abbia senso!
Non cercate allora, lei o l'onorevole Bossi, che non è tanto più disinformato di lei, di cercare giustificazioni "pedagogiche" a quello che state facendo!
State solo battendo cassa!
I bambini non hanno bisogno di "un punto di riferimento" (se ogni giorno ci denigrate come potremmo diventarlo?). Hanno bisogno di una scuola PUBBLICA che sia autorevole e che funzioni.
E per funzionare ci vogliono soldi!
Non hanno bisogno di una scuola dove, per imparare che siamo tutti uguali, debbano indossare un grembiule!
Quando poi uscirà, che cosa farà chi veste o la pensa diversamente? Il cecchino?
Affermava Bettelheim, quando lo si rimproverava che le fiabe sono spesso cruente e dovevano essere censurate, che il mondo è cruento!
Bisogna educare il bambino alla realtà che c'è, non costruirne una fittizia migliore!
E' poi nella magia delle parole, nella presenza rassicurante di chi racconta, e nella speranza del lieto fine che si educa.
Solo Lei può pensare che la giustizia sociale sia attuabile mediante l’uso di divise!

Poco importa se un ragazzino del nord insulta un coetaneo chiamandolo “terrone”.
Questo come lo chiama lei, bullismo o razzismo?
Lei vuole sconfiggere il bullismo proponendo un 5 in condotta, ma nel contempo offre un mero esempio di come sia possibile essere incivili e anticostituzionali usando parole a dir poco disdicevoli.
Le sue parole, infatti, generano pregiudizi, e questi a lungo andare si consolidano e si trasmettono da una generazione all’altra sfociando in quei comportamenti che lei definisce bullismo.

Il bullismo non è fatto solo di atti fisici violenti, ma anche di offese verbali, criticismo scorretto, insulti e soprannomi offensivi: atteggiamenti che da due mesi si verificano puntualmente bersagliando un’ intera classe di seri professionisti.
E’ bene che sappia che i bambini non nascono bulli, ma spesso imparano a comportarsi da bulli grazie agli atteggiamenti e al modo di fare di genitori, fratelli, coetanei o di altre figure adulte che magari vedono in TV.
Inoltre etichettare e bocciare un bambino (il bullismo si sta verificando già all’interno delle classi della scuola primaria) o un ragazzino è controproducente: significa tagliarlo fuori dalla società e generare futuri delinquenti.

E allora continuate per la vostra strada, consapevoli che nessuno potrà fermarvi, ma sappiate che al di là delle parole di circostanza, chi ha un minimo di competenza sa che quella che ci state propinando è una scuola "economica", non di qualità! E anche i genitori se ne stanno accorgendo.

Sappiamo che non risponderà a questa lettera; lei finora ha risposto solo sugli argomenti "convenienti". Del resto, come afferma il PEDAGOGISTA onorevole Fini (che un po' mi ricorda il MAESTRO ELEMENTARE Mussolini), noi, in qualità di impiegati statali, non dovremmo poter esprimere le nostre idee né tanto meno diffonderle!
Ma desideriamo che lei sappia che noi insegnanti siamo armati di cervello e cultura e non abbiamo paura di usarli!

E ricordi infine che non è il ’68 la "metastasi della nostra società", ma gli atteggiamenti dei potenti, la loro bramosia di potere, gli esempi scellerati di come ci si arricchisce a danno dei più deboli, la non tutela da parte dello Stato dei propri cittadini, il vedersi privati dei diritti fondamentali: il lavoro ed una vita dignitosa.

Concludendo: noi che entriamo in classe con sicurezza, perché sappiamo quello che facciamo e soprattutto sappiamo di farlo bene, la invitiamo, passata l'ubriacatura di potere che le dà sedere su quella poltrona, a fare qualcosa di veramente buono, per sé stessa e per la Repubblica Italiana.
CAMBI LA SUA POLITICA, SI OCCUPI DI RISOLVERE I PROBLEMI REALI DELLA SCUOLA SENZA INSULTARNE GLI OPERATORI, OPPURE SI DIMETTA SUBITO!
Solo così potrà cancellare con eleganza intellettuale, non quella dei suoi graziosi tailleur, la gravità delle sue affermazioni. A meno che la politica di questo governo non miri a portare agli estremi il divario tra nord e sud e strumentalizzi la scuola a tale scopo.

In attesa di buone e sensate notizie!

FORUM PRECARISCUOLA ( http://precariscuola.135.it )


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: IL MINISTRO GELMINI CAMBI LA SUA POLITICA OPPURE SI DIME
MessaggioInviato: gio ago 28, 2008 13:54 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
Vaccinato ha scritto:
[b][b]IL MINISTRO GELMINI CAMBI LA SUA POLITICA OPPURE SI DIMETTA[/b][/b]

ONOREVOLE GELMINI,

bando ai convenevoli! Non la chiamiamo gentile, sia per non offendere il suo illustre predecessore, sia perchè nelle sue esternazione dell'ultima ora non troviamo nulla di garbato, malgrado i suoi modi e i suoi sorrisi!
Ma si sa, il diavolo veste Prada!

Riteniamo che le notizie di questi ultimi giorni siano veramente ALLARMANTI!
E che le piaccia o no, vogliamo esprimerle L'ENNESIMA VOLTA tutto il nostro disappunto (per usare un'espressione politicamente corretta che eviti ULTERIORMENTE la censura dei media a lei collusi!).

In una nostra lettera al Presidente della Repubblica avevamo già denunciato il nostro sdegno verso gli attacchi “razzisti” che gli esponenti politici della Lega avevano sferrato contro i docenti del Sud.
A distanza di un mese la storia si ripete, e questa volta parole razziste vengono pronunciate proprio da chi, in qualità di Ministro dell’Istruzione, dovrebbe essere portatrice di messaggi di coesione e giustizia sociale.

Qualche tempo fa lei ha dichiarato che le tremano le gambe per il ruolo che riveste, e sa perché?
Perché con le sue gravissime affermazioni, per niente mitigate dalle "comode" smentite, ha dimostrato di non essere all'altezza del prestigioso ruolo di Ministro della Repubblica Italiana UNITA!
Le sue smentite, infatti, ci dimostrano che, oltre che ignoranti, ci ritiene stupidi, se vuol farci credere che i "corsi intensivi" da lei ipotizzati fossero rivolti alle strutture. Per fortuna i video parlano chiaro!

Ci complimentiamo inoltre per come riesce a dire tutto e il contrario con una disinvoltura invidiabile!
Ha iniziato il suo mandato sciorinando indagini Ocse, che continua ad "interpretare liberamente" per suo comodo, dicendo di non volere "riformare" ma applicare meglio, PER AVERE UNA SCUOLA DI QUALITA' FONDATA SUL MERITO!
Bene, in base a quelle indagini, lei sta livellando verso il basso le uniche cose buone che avevamo (primaria e sostegno, nello specifico), malgrado avesse affermato che ciò che funziona non sarebbe stato toccato.
Non sta riformando, si sta abbattendo come uno tsunami sulla scuola pubblica, con una marcia indietro SENZA PRECEDENTI!
Sta togliendo tutto alla scuola, compresa l'anima, con la sua caccia alle streghe, dove le streghe sono la pedagogia e la didattica.

E lei, che è stata nominata Ministro senza avere alcun merito e competenza in materia di scuola, forse per riscattare un passato "inoperoso", si sta dando veramente da fare.
Voto in condotta, grembiule, ritorno al maestro unico: se fossi in lei rivaluterei le bacchettate, penna e calamaio). E giustifica questo tornado involutivo e la sua mancanza di inventiva citando Verdi!
Si guarda bene dal citare Visalberghi, Frabboni, Pontecorvo, malgrado più attinenti al settore, sia perché non li conosce, sia perché - a suo avviso- sono rei di averle segnato il percorso scolastico (POVERA STELLA SEGNATA DA UNA SCUOLA DEMOCRATICA!).

A proposito di maestro unico: appena un mese fa affermava "spero non doverci ritornare", riconoscendo velatamente la gravità di tale decisione; oggi, trionfante, lo annovera tra le sue conquiste!
E, parlando di meritocrazia, lascia noi insegnanti precari (che al contrario di molti politici abbiamo il MERITO di essere preparati e l'esperienza necessaria per svolgere il nostro lavoro) a lavare scale, o vivere di qualche lavoretto occasionale RIGOROSAMENTE IN NERO!

Del resto, dagli ultimi rapporti sull'iva sembra che l'evasione fiscale si sposi bene con questo governo che taglia sui servizi minimi, scuola, sanità, sicurezza, ed elargisce soldi a destra e manca per garantire le tasche di chi sta già bene!

Ma torniamo a parlare di scuola, la "pesante macchina" per la cui manutenzione non ci sono soldi
perché il "97% dei fondi se ne vanno in stipendi", come lei ripete SEMPRE (quando lo dice viene ormai spontaneo assicurarsi che alle sue spalle non si erga l’ombra del nostro Tremonti!).
Pensi: i fondi della scuola Italiana coprono appena gli stipendi, seppur inferiori della metà di quelli dei colleghi europei!
E certo non siamo il doppio degli insegnanti!

Lei ritiene GRANDI COMPETENZE il "leggere, scrivere e far di conto", che già nel '72 il rapporto Faure definì NUOVO ANALFABETISMO!
Ma, del resto, solo lei che lavora 15 ore al giorno per "inventare" la scuola di 80 anni fa e che vede bambini forse solo al bar, può pensare che questo possa bastar loro!
Un bambino di 3 anni oggi gioca già con i computer, ti risponde a tono e canta in inglese!
E a volte ci sentiamo ridicoli quando a sei anni somministriamo schede sui prerequisiti (seppur importanti) "sopra/sotto, dentro/fuori", che spesso hanno fatto per 6 anni tra nido e scuola dell'infanzia!

E ricordi, Ministro: se lei non capisce la frase padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti, non vuol dire che non abbia senso!
Non cercate allora, lei o l'onorevole Bossi, che non è tanto più disinformato di lei, di cercare giustificazioni "pedagogiche" a quello che state facendo!
State solo battendo cassa!
I bambini non hanno bisogno di "un punto di riferimento" (se ogni giorno ci denigrate come potremmo diventarlo?). Hanno bisogno di una scuola PUBBLICA che sia autorevole e che funzioni.
E per funzionare ci vogliono soldi!
Non hanno bisogno di una scuola dove, per imparare che siamo tutti uguali, debbano indossare un grembiule!
Quando poi uscirà, che cosa farà chi veste o la pensa diversamente? Il cecchino?
Affermava Bettelheim, quando lo si rimproverava che le fiabe sono spesso cruente e dovevano essere censurate, che il mondo è cruento!
Bisogna educare il bambino alla realtà che c'è, non costruirne una fittizia migliore!
E' poi nella magia delle parole, nella presenza rassicurante di chi racconta, e nella speranza del lieto fine che si educa.
Solo Lei può pensare che la giustizia sociale sia attuabile mediante l’uso di divise!

Poco importa se un ragazzino del nord insulta un coetaneo chiamandolo “terrone”.
Questo come lo chiama lei, bullismo o razzismo?
Lei vuole sconfiggere il bullismo proponendo un 5 in condotta, ma nel contempo offre un mero esempio di come sia possibile essere incivili e anticostituzionali usando parole a dir poco disdicevoli.
Le sue parole, infatti, generano pregiudizi, e questi a lungo andare si consolidano e si trasmettono da una generazione all’altra sfociando in quei comportamenti che lei definisce bullismo.

Il bullismo non è fatto solo di atti fisici violenti, ma anche di offese verbali, criticismo scorretto, insulti e soprannomi offensivi: atteggiamenti che da due mesi si verificano puntualmente bersagliando un’ intera classe di seri professionisti.
E’ bene che sappia che i bambini non nascono bulli, ma spesso imparano a comportarsi da bulli grazie agli atteggiamenti e al modo di fare di genitori, fratelli, coetanei o di altre figure adulte che magari vedono in TV.
Inoltre etichettare e bocciare un bambino (il bullismo si sta verificando già all’interno delle classi della scuola primaria) o un ragazzino è controproducente: significa tagliarlo fuori dalla società e generare futuri delinquenti.

E allora continuate per la vostra strada, consapevoli che nessuno potrà fermarvi, ma sappiate che al di là delle parole di circostanza, chi ha un minimo di competenza sa che quella che ci state propinando è una scuola "economica", non di qualità! E anche i genitori se ne stanno accorgendo.

Sappiamo che non risponderà a questa lettera; lei finora ha risposto solo sugli argomenti "convenienti". Del resto, come afferma il PEDAGOGISTA onorevole Fini (che un po' mi ricorda il MAESTRO ELEMENTARE Mussolini), noi, in qualità di impiegati statali, non dovremmo poter esprimere le nostre idee né tanto meno diffonderle!
Ma desideriamo che lei sappia che noi insegnanti siamo armati di cervello e cultura e non abbiamo paura di usarli!

E ricordi infine che non è il ’68 la "metastasi della nostra società", ma gli atteggiamenti dei potenti, la loro bramosia di potere, gli esempi scellerati di come ci si arricchisce a danno dei più deboli, la non tutela da parte dello Stato dei propri cittadini, il vedersi privati dei diritti fondamentali: il lavoro ed una vita dignitosa.

Concludendo: noi che entriamo in classe con sicurezza, perché sappiamo quello che facciamo e soprattutto sappiamo di farlo bene, la invitiamo, passata l'ubriacatura di potere che le dà sedere su quella poltrona, a fare qualcosa di veramente buono, per sé stessa e per la Repubblica Italiana.
CAMBI LA SUA POLITICA, SI OCCUPI DI RISOLVERE I PROBLEMI REALI DELLA SCUOLA SENZA INSULTARNE GLI OPERATORI, OPPURE SI DIMETTA SUBITO!
Solo così potrà cancellare con eleganza intellettuale, non quella dei suoi graziosi tailleur, la gravità delle sue affermazioni. A meno che la politica di questo governo non miri a portare agli estremi il divario tra nord e sud e strumentalizzi la scuola a tale scopo.

In attesa di buone e sensate notizie!

FORUM PRECARISCUOLA ( http://precariscuola.135.it )



non credo che si dimettera'.
pero' bisogna anche essere onesti tre cose sono giuste:

7 in condotta: di certo non lo prendera' chi e' civile ed educato.

grembiule: giusto , cosi' basta sciorinare le supide griffes di alta moda

educazione civica: un modo di far capire/meditare che lo stato/nazione siamo noi e non solo 'loro'.

noi della sinistra ci siamo sempre perduti per le piccole cose che poi sono quelle che fanno felici tutti....la destra lo ha capito bene anzi benissimo.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010