Oggi è sab gen 20, 2018 23:09 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: basta, assurdo! prevenzione responsabile!
MessaggioInviato: sab feb 23, 2008 10:30 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 52
ma stiamo veramente dando i numeri! dove siamo ritornati?,all'inquisizione?
ammazzalo, allora, lo fai piu' contento!
evviva le narcosalas e i paesi civili che trattano queste persone come cristiani e non come errori genetici o peggio immondizia elettorale........
Fonte:Aduc

Italia. Cassazione condanna genitore che incatenava figlio tossicodipendente. Muccioli: non sempre e' sbagliato farlo

Aveva tenuto legato al letto per piú di una settimana il figlio drogato con lo scopo di farlo disintossicare: per questo -nonostante le buone intenzioni- un padre pugliese è stato condannato, per sequestro di persona, a nove mesi di reclusione dalla Cassazione che, confermando la sentenza della Corte di appello di Lecce, dice 'no' ai metodi antidroga 'fai da te' adottati da genitori che non sanno piú cosa fare con i figli tossici. Voleva mettere fine alla spirale dell'uso di stupefacenti e si era limitato a salvaguardare l'integrita' psicofisica del figlio, insomma aveva agito per motivi di elevato significato etico e sociale: cosí ha tentato di giustificarsi il padre 'sequestratore'. L'uomo ha poi ricordato che 'nella prestigiosa Comunità di S. Patrignano era stato piú volte adoperato il sistema della coazione a fin di bene', la cui liceità era stata riconosciuta dalla Corte di Appello di Bologna'. Non solo, secondo il padre poi non si trattava di coercizione perchè il figlio aveva una mano libera ed il telefono a disposizione e non aveva mai chiesto aiuto.
La Quinta sezione penale della Cassazione (sentenza n.8276) non ha condiviso questa linea difensiva e ha ricordato che: 'non è configurabile un parallelismo con la situazione di chi, tossicodipendente, accettando la condizione di essere trattenuto a forza in una comunità, ha anticipatamente previsto e consentito di accettare la privazione della propria libertà personale'. Inoltre mai il sequestro di persona - concludono gli 'ermellini' - puó meritare di non essere punito, anche nel caso del tossicodipendente sottoposto, in comunità di recupero, a programmi terapeutici comprendenti la restrizione della libertà personale, allorchè la privazione della libertà venga attuata con modalità tali, ad esempio l'incatenamento, da lederne la dignità di persona umana'.

Per il responsabile della comunita' di San Patrignano Andrea Muccioli occorre 'non generalizzare e verificare se, da un parte, ci siano state reali condizioni di incapacita' di volere da parte delle persona, nel caso da parte del figlio dell'uomo condannato dai giudici. Dall'altra le reali preoccupazioni e intenzioni del genitore ad agire esclusivamente a difesa e tutela della vita della dignita' del figlio'. 'Se queste ultime erano le condizioni nella quali i fatti sono avvenuti, a mio parere la decisione della Corte di Cassazione non e' corretta. Nel caso contrario, ovviamente, i giudici hanno ragione'.


se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo di questo mondo!
F.DeAndre


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010