Oggi è gio lug 19, 2018 11:51 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Una nuova legge elettorale è possibile
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 01:29 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 1
Credo ancora possibile una legge elettorale che semplifichi il quadro politico e metta d'accordo il paese, o almeno buona parte di esso. L'idea è questa:
Una quota di collegi uninominali assegnati direttamente in caso di superamento del 50% oppure assegnati per metà ai primi esclusi e per metà a recupero proporzionale di lista con collegio unico nazionale senza scorporo.
Una quota aggiuntiva di seggi per integrare la quota proporzionale nazionale.
Prevedere almeno un terzo delle candidature riservate a ciascun sesso.
Possibilità di votare il candidato del collegio o gli altri candidati della lista presenti nei collegi vicini, dividendo la lista in due parti. Se la lista raggiunge il 50% con l'insieme dei voti diretti e indiretti, allora si assicura comunque uno dei seggi locali, da assegnare al primo escluso. In questo modo se voglio comunque sostenere il partito voterò la parte della lista che preferisco, ma non necessariamente il candidato presentato nel mio collegio. Certo, un voto anche al candidato collegiale dà più chances di vittoria, ma nel complesso una lista riesce ad ottenere più consensi se non si è costretti a “turarsi il naso” di fronte a un candidato sgradito. Inoltre è più facile che linee politiche vicine possano costituire un'unica lista con un chiarimento trasparente dei rapporti di forza grazie alle preferenze ricevute.
Uno sbarramento al 5% e un premio di maggioranza per la lista maggioritaria a livello nazionale. Può non piacere, ma davvero non ce la facciamo più a vedere partiti che si dividono e dividono le coalizioni, senza sforzarsi di fare invece un'unica lista con una base programmatica condivisa e migliore selezione dei candidati. Il premio di maggioranza poi non deve essere una quota troppo alta da “asso pigliatutto” per chi arriva primo anche con un 30%, ma deve consentire a chi è vicino al 50% di non dover dipendere da ricatti politici estemporanei.
Le preferenze indirette ricevute dalle liste potrebbero essere assegnate una ad una a rotazione ai candidati della parte di lista votata. Nel complesso dei vari collegi emergerebbero comunque i più votati. Si può pensare anche ad altri meccanismi per le preferenze, ma per favore evitiamo liste bloccate o preferenze plurime a pioggia, che possono favorire controlli mafiosi del voto locale registrando tutte le combinazioni di voto ricevute.
Ritengo che una distribuzione su base regionale dei collegi, dei candidati e dell'assegnazione dei seggi sia sufficiente per rendere il collegio unico nazionale compatibile con il dettato costituzionale. Senza collegio unico nazionale potremo riavere al Senato situazioni di pareggio, a meno di non modificare comunque la Costituzione assegnando alle regioni quote di seggi tali da consentire, a chi vincesse con una sola regione di differenza, un vantaggio sufficiente per governare. Meccanismo questo però poco applicabile alla nostra realtà.

Credo che i piccoli partiti avrebbero comunque un ruolo importante nel concorrere alla riduzione del numero di seggi maggioritari assegnati, all'aumento di quelli proporzionali e anche a un'opera di scrematura dei candidati meno graditi. I grandi partiti potrebbero riuscire a governare anche solo con un 40-45% proporzionale, grazie ai seggi maggioritari, al premio di maggioranza e all'assenza dello scorporo. Inoltre una legge così impostata verrebbe incontro ad alcune delle istanze espresse dai Referendum recentemente ammessi dalla Consulta e non dovrebbe comportare modifiche alla Costituzione.
Mi rendo conto che sarebbero opportune anche riforme dei regolamenti parlamentari e riforme costituzionali sul bicameralismo, sul numero dei parlamentari e sul ruolo del Capo dello Stato; ma non è credibile che si riesca a far ciò in poche settimane, mentre una discussione proficua sarebbe possibile nella prossima legislatura con un parlamento rinnovato sulla base di una legge come questa.


    Top
    Non connesso Profilo  
     
    Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
    Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 1 messaggio ] 

    Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


    Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


    Non puoi aprire nuovi argomenti
    Non puoi rispondere negli argomenti
    Non puoi modificare i tuoi messaggi
    Non puoi cancellare i tuoi messaggi

    Vai a:  
    cron
    Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
    Theme created StylerBB.net
    Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010