Oggi è lun lug 16, 2018 08:59 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 11 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: legge elettorale e preferenze
MessaggioInviato: mer nov 21, 2007 13:20 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 1
Salve scrivo due righe per confermare un timore che ho io e non solo.. Apprezzo molto il tentativo di cambiare il porcellum da parte di Veltroni ma ho sentito versioni contrastanti riguardo al tema delle prefernze..
Oltre all'infelice quanto veritiera definizione del sen. Calderoli perchè si chiama così?? Perchè porta ad avere una maggiornaza risicata in senato?? Beh..diciamo che al senato proietta,seppure in maniera confusa, quella minima maggiornaza che gli elettori hanno dato all'Unione nell'aprile 2006 e in un momento in cui ormai tutti parlano di sistema proporzionale non dovrebbe destare troppo sconcerto che non ci sia un margine di maggioranza più consistente!
C'è un problema però..la maggioranza numerica in senato c'è ma siamo (noi cittadini) appesi alle volontà di questo o quel dissidente che nessuno di noi ha scelto e che non sente su di sè la responsabilità di sedere in parlamento e di operare nel rispetto del mandato dei suoi elettori!! (non ha elettori diretti a cui dover riferire ma solo genriche piazze in cui urlare qualche slogan propagandistico).
Dico questo per dire che , a mio avviso, è un obbligo imprescindibile per il PD varare una legge, qualsiasi essa sia, con le preferenze..meglio sarebbe se anche con l'indicazione del premier e che salvaguardi il bipolarismo sostenendolo con riforme istituzionali ispirate al sistema francese!!
Sento dire che le liste bloccate sono un deterrente alle infiltrazioni di ambienti mafiosi nel meridione!! Assurdo..palese presa in giro! La mafia la si combatte con la giustizia non con leggi elettorali che hanno finalità completamente diverse e che non devono più permettere a chiunque abbia peso all'interno dei partiti di essere nominato dai partiti anzichè essere sottoposto al test elettorale!! Basta anche a personaggi folcloristici in parlamento che fino a ieri erano no global anti sistema..basta ex mogli a cui garantire un mantenimento economico e basta anche con parenti di defunti che siedono in parlamento solo per essere state interessati da tragedie famigliari!!
Credo che 3 milioni di persone abbiano riposto molta fiducua in voi..dovreste ricambiarci con scelte nette e coraggiose iniziando a sfoltirvi e ad arginare gli interessi non benefici per il paese. Alle primarie è andata così..liste bloccate..ora basta però!!
Saluti e buon lavoro!!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 14, 2008 14:54 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 1
Per una legge elettorale veramente rappresentativa e trasparente,credo sia fondamentale superare il concetto delle liste bloccate e aprire alle preferenze dei singoli candidati.
Se come PD cerchiamo il valore aggiunto,il coinvolgimento di nuove forze, e non solo la sommatoria di Ds e Margherita, è necessario accettare di fare un passo indietro, anche mezzo...sarebbe sufficiente.., ma dare un forte segno di apertura a chi si affaccia alla politica per la prima volta e porti il suo contributo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun gen 14, 2008 20:46 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 35
Anch'io sono favorevole al voto di preferenza, è l'unico modo per eliminare dal Prlamanto pregiudicati, inquisiti e voltagabbana.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 18, 2008 18:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 15
Malcom1975 ha scritto:
Anch'io sono favorevole al voto di preferenza, è l'unico modo per eliminare dal Prlamanto pregiudicati, inquisiti e voltagabbana.


Senza voto di preferenza può venire fuori solo l'ennesima porcata.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 18, 2008 20:04 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6639
Veramente, ieri sera su Radio Popolare, un ricercatore dell'università di Napoli esperto in studi sulla pratica del voto di scambio diceva che tale voto lo si rileva proprio nell'indicare la preferenza tramite nome e cognome...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 18, 2008 20:38 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 15
FabioPD ha scritto:
Veramente, ieri sera su Radio Popolare, un ricercatore dell'università di Napoli esperto in studi sulla pratica del voto di scambio diceva che tale voto lo si rileva proprio nell'indicare la preferenza tramite nome e cognome...


Quindi tutti i voti di preferenza sono voti di scambio ? allora non andiamo a votare così facciamo prima, o esiste anche l'astensione di scambio ?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 18, 2008 21:10 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6639
paradigmi ha scritto:
FabioPD ha scritto:
Veramente, ieri sera su Radio Popolare, un ricercatore dell'università di Napoli esperto in studi sulla pratica del voto di scambio diceva che tale voto lo si rileva proprio nell'indicare la preferenza tramite nome e cognome...


Quindi tutti i voti di preferenza sono voti di scambio ? allora non andiamo a votare così facciamo prima, o esiste anche l'astensione di scambio ?


Non hai capito: è semplicemente più facile con questo meccanismo controllare tali voti. Il ricercatore sottolineava pure che al sud (in particolare in Campania) viene data la preferenza esplicita molto più che al nord.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 18, 2008 22:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 227
Diciamo che l'esperienza sul campo italiana ha mostrato che il voto di preferenza viene utilizzato in certe realtà per creare clientele. E' successo tante volte, quindi non si può negare.

Bisogna però valutare se per evitare questo male valga la pena di buttare anche il beneficio che hanno le persone oneste nel poter esprimere la propria preferenza.

Del resto senza preferenze, si evita questo meccanismo clientelare, ma si lascia tutto il potere decisionale alle segreterie di partito, che risentono anch'esse in qualche misura del clientelismo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab gen 19, 2008 09:54 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 15
Garbuglia ha scritto:
Del resto senza preferenze, si evita questo meccanismo clientelare, ma si lascia tutto il potere decisionale alle segreterie di partito, che risentono anch'esse in qualche misura del clientelismo.


secondo me "in qualche misura" è una visione ottimistica, diciamo che se non è clientelismo è comunque opportunismo e comunque un partito veramente Democratico deve lasciare il massimo possibile della scelta nelle mani dei cittadini, pertanto si trovi un sistema per rendere meno riconoscibile il voto di preferenza (es. obbligo di scrivere il numero di lista in lettere e in stampatello per evitare brogli oppure una serie di caselle numerate da barrare)ma senza preferenze resta la porcata.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab gen 19, 2008 12:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6639
paradigmi ha scritto:
Garbuglia ha scritto:
Del resto senza preferenze, si evita questo meccanismo clientelare, ma si lascia tutto il potere decisionale alle segreterie di partito, che risentono anch'esse in qualche misura del clientelismo.


secondo me "in qualche misura" è una visione ottimistica, diciamo che se non è clientelismo è comunque opportunismo e comunque un partito veramente Democratico deve lasciare il massimo possibile della scelta nelle mani dei cittadini, pertanto si trovi un sistema per rendere meno riconoscibile il voto di preferenza (es. obbligo di scrivere il numero di lista in lettere e in stampatello per evitare brogli oppure una serie di caselle numerate da barrare)ma senza preferenze resta la porcata.


A me va benone, ma i referendari dovrebbero gentilmente spiegarmi i vantaggi tra la lista unica attuale in cui voto comunque per gli esponenti del mio partito pur non potendone cambiare l'ordine di elezione, e una lista, altrettanto unica, in cui mi ritrovo a votare per esponenti di partiti diversi.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: eleggere e governare
MessaggioInviato: sab gen 26, 2008 13:13 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 1
Proposta di riflessione. Diciamo che sette partiti concorrono. % di questi mettono insieme ciascuno il 5/6 %, cioè il 30 % dell'elettorato. IL rimanente va a due partiti: un 30 % e un 40 %. E' la maggioranza del paese. Se li facciamo scontrare fra loro e diamo al vincente il 55%/ 60 % ( con sfiducia costruttiva e divieto di cambio di lista) avremmo certo una sicura maggioranza governaNTE. Che cosa impedisce che tutti gli altri partiti si suddividano, PROPORZIONALMENTE AI VOTI OTTENUTI AL PRIMO TURNO, il 45%/4o& DEI SEGGI, DUNQUE NON SCOMPARENDO MA DIBATTENDO SENZA POTER RICATTARE?
2° Non bastano 6 deputati per milione di elettori; Parlamento di 250 deputati?
Gli Stati Uniti hanno 100 senatori (!), che parificano l'influenza di ogni Stato, indipendentemente dalla dimensione. E dunque?


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 11 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010