Oggi è sab ago 18, 2018 00:35 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: «Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armate»
MessaggioInviato: ven feb 22, 2008 12:14 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 4675
[b][b]Mosca minaccia l'intervento per il Kosovo
L'ambasciatore russo a Washington: « Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armate »
[/b][/b]


Mentre gli Usa protestano con la Serbia per non aver protetto le sedi diplomatiche, la Russia difende Belgrado e minaccia l'uso della forza armata nel Kosovo. Lo ha riferito l'ambasciatore di Mosca alla Nato. «Se l'Europa lavora al di fuori di una posizione comune, o la Nato infrange il proprio mandato nel Kosovo, si troveranno in conflitto con le Nazioni Unite. A quel punto dovremo procedere con la forza bruta, in altre parole: la forza armata» ha dichiarato l’ambasciatore russo presso l’Alleanza, Dmitri Rogozin. La questione del Kosovo dunque non si chiude così facilmente e all’inizio di aprile il presidente russo Vladimir Putin «non sarà timido e parlerà dei nostri interessi» ha aggiunto Rogozin, riferendosi al vertice della Nato-Russia che si terrà a Bucarest, tra un mese e mezzo. Quindi la dichiarazione di indipendenza unilaterale è ancora tutta da vedere. Il rappresentante russo alla Nato ha parlato con i giornalisti in collegamento televisivo da Bruxelles con la sede di Ria Novosti a Mosca. Rogozin - spesso contestato per posizioni fortemente filoslave - ritiene che la questione del Kosovo sia oggi un conflitto di «filosofie», un conflitto di approcci per il sistema della sicurezza internazionale. La nomina di Rogozin decisa dal presidente Vladimir Putin - e annunciata dal Cremlino il 10 gennaio - è caduta su una figura ben lontana dai toni più ammorbiditi della diplomazia. Il politico, 44enne è dichiaratamente filoslavo, ha già guidato il movimento Madrepatria (Rodina); ha difeso i diritti etnici dei russi in Russia, in un contesto di crescenti attacchi razziali alle minoranze; si è spesso distinto per dichiarazioni al limite della xenofobia.

GLI USA PROTESTANO: SICUREZZA INADEGUATA - Gli Stati Uniti hanno protestato ufficialmente presso la Serbia, giudicando inaccettabile l'attacco subito dall'ambasciata Usa a Belgrado perché la sicurezza «non era adeguata» ha dettoa Washington il portavoce del Dipartimento di Stato Sean McCormack proprio mentre l'ambasciatore all'Onu Zalmay Khalilzad chiedeva al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, riunito al Palazzo di Vetro, di condannare l'attacco contro la rappresentanza diplomatica degli Stati Uniti in Serbia. Ma Washington ha ricordato a Belgrado che la protezione delle sedi diplomatiche è di sua responsabilità. Secondo McCormack ci sono voluti ben 45 minuti alla polizia di Belgrado per giungere sul posto, mentre per ristabilire l'ordine e disperdere i rivoltosi ne sono bastati pochi. Il portavoce ha infine reso noto che il numero tre del Dipartimento, Nick Burns, ha chiamato il premier serbo, Vojislav Kostunica, e il ministro degli esteri, Vuk Jeremic, spiegando loro che Washington li considererà direttamente responsabili in caso di nuovi incidenti.


22 febbraio 2008


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 22, 2008 12:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 4675
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSez ... kosovo.jpg

********
Editato dalla moderazione
Non inserite immagini piu' grandi di 800*600.
La pagina risultante sarebbe disallineata.
In quel caso mandate solo il link.

(mod)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: «Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armat
MessaggioInviato: ven feb 22, 2008 12:46 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 400
Stratos58 ha scritto:
[b][b]Mosca minaccia l'intervento per il Kosovo
[b]

Trovo che sia stato un grave errore da parte dell'Italia dare il consenso all'indipendenza del Kossovo...ora si potranno innescare altre richieste analoghe...in Spagna per esmpio...I paesi Bachi e la Catalogna..l'Aragona...in Francia dove ci sono movimenti secessionisti come in Corsica..i bretoni, in Gran Bretagna c'è la questione dell'Irlanda del Nord, in Belgio è in corso un duro scontro tra Vallonia e Fiandre, e poi c'è il Cipro diviso da un muro sono contrari all'indipendenza del Kosovo anche la Romania, la Bulgaria e la Slovacchia. La Romania e la Slovacchia devono infatti fare i conti con forti minoranze ungheresi, mentre la Bulgaria ha una consistente popolazione turca. Temono gli effetti dell'indipendenza del Kosovo anche i macedoni, con il 30 per cento della popolazione di etnia albanese, la Grecia che convive con i suoi macedoni, e la Polonia con i suoi tedeschi.
L'ondata dell'indipendenza del Kosovo può colpire anche i paesi più lontani, dall'ex Unione Sovietica fino allo Sri Lanka, passando per la Turchia, l'Iran, il Pakistan e l'India. "Perchè il trattamento riservato dalla comunità internazionale ai kosovari non deve essere applicato anche altrove, per esempio in Abkhazia?, si è chiesto nei giorni scorsi Sergej Bagapsh, leader abkhazo. E perchè non in Ossezia, Cecenia, Nagorno Karabakh o Transdnistria?"
Ecc...Ecc... senza parlare dei nostrani leghisti che già hanno applaudito all'indipendenza del Kossovo per innescare la loro richiesta di secessione della padania!!!

NO!!! gravissimo errore!!! :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:



L'ambasciatore russo a Washington: « Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armate »
[/b][/b]


Mentre gli Usa protestano con la Serbia per non aver protetto le sedi diplomatiche, la Russia difende Belgrado e minaccia l'uso della forza armata nel Kosovo. Lo ha riferito l'ambasciatore di Mosca alla Nato. «Se l'Europa lavora al di fuori di una posizione comune, o la Nato infrange il proprio mandato nel Kosovo, si troveranno in conflitto con le Nazioni Unite. A quel punto dovremo procedere con la forza bruta, in altre parole: la forza armata» ha dichiarato l’ambasciatore russo presso l’Alleanza, Dmitri Rogozin. La questione del Kosovo dunque non si chiude così facilmente e all’inizio di aprile il presidente russo Vladimir Putin «non sarà timido e parlerà dei nostri interessi» ha aggiunto Rogozin, riferendosi al vertice della Nato-Russia che si terrà a Bucarest, tra un mese e mezzo. Quindi la dichiarazione di indipendenza unilaterale è ancora tutta da vedere. Il rappresentante russo alla Nato ha parlato con i giornalisti in collegamento televisivo da Bruxelles con la sede di Ria Novosti a Mosca. Rogozin - spesso contestato per posizioni fortemente filoslave - ritiene che la questione del Kosovo sia oggi un conflitto di «filosofie», un conflitto di approcci per il sistema della sicurezza internazionale. La nomina di Rogozin decisa dal presidente Vladimir Putin - e annunciata dal Cremlino il 10 gennaio - è caduta su una figura ben lontana dai toni più ammorbiditi della diplomazia. Il politico, 44enne è dichiaratamente filoslavo, ha già guidato il movimento Madrepatria (Rodina); ha difeso i diritti etnici dei russi in Russia, in un contesto di crescenti attacchi razziali alle minoranze; si è spesso distinto per dichiarazioni al limite della xenofobia.

GLI USA PROTESTANO: SICUREZZA INADEGUATA - Gli Stati Uniti hanno protestato ufficialmente presso la Serbia, giudicando inaccettabile l'attacco subito dall'ambasciata Usa a Belgrado perché la sicurezza «non era adeguata» ha dettoa Washington il portavoce del Dipartimento di Stato Sean McCormack proprio mentre l'ambasciatore all'Onu Zalmay Khalilzad chiedeva al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, riunito al Palazzo di Vetro, di condannare l'attacco contro la rappresentanza diplomatica degli Stati Uniti in Serbia. Ma Washington ha ricordato a Belgrado che la protezione delle sedi diplomatiche è di sua responsabilità. Secondo McCormack ci sono voluti ben 45 minuti alla polizia di Belgrado per giungere sul posto, mentre per ristabilire l'ordine e disperdere i rivoltosi ne sono bastati pochi. Il portavoce ha infine reso noto che il numero tre del Dipartimento, Nick Burns, ha chiamato il premier serbo, Vojislav Kostunica, e il ministro degli esteri, Vuk Jeremic, spiegando loro che Washington li considererà direttamente responsabili in caso di nuovi incidenti. [/b]

22 febbraio 2008


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: «Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armat
MessaggioInviato: ven feb 22, 2008 13:16 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 400
Trovo che sia stato un grave errore da parte dell'Italia dare il consenso all'indipendenza del Kossovo...ora si potranno innescare altre richieste analoghe...in Spagna per esmpio...I paesi Bachi e la Catalogna..l'Aragona...in Francia dove ci sono movimenti secessionisti come in Corsica..i bretoni, in Gran Bretagna c'è la questione dell'Irlanda del Nord, in Belgio è in corso un duro scontro tra Vallonia e Fiandre, e poi c'è il Cipro diviso da un muro sono contrari all'indipendenza del Kosovo anche la Romania, la Bulgaria e la Slovacchia. La Romania e la Slovacchia devono infatti fare i conti con forti minoranze ungheresi, mentre la Bulgaria ha una consistente popolazione turca. Temono gli effetti dell'indipendenza del Kosovo anche i macedoni, con il 30 per cento della popolazione di etnia albanese, la Grecia che convive con i suoi macedoni, e la Polonia con i suoi tedeschi.
L'ondata dell'indipendenza del Kosovo può colpire anche i paesi più lontani, dall'ex Unione Sovietica fino allo Sri Lanka, passando per la Turchia, l'Iran, il Pakistan e l'India. "Perchè il trattamento riservato dalla comunità internazionale ai kosovari non deve essere applicato anche altrove, per esempio in Abkhazia?, si è chiesto nei giorni scorsi Sergej Bagapsh, leader abkhazo. E perchè non in Ossezia, Cecenia, Nagorno Karabakh o Transdnistria?"
Ecc...Ecc... senza parlare dei nostrani leghisti che già hanno applaudito all'indipendenza del Kossovo per innescare la loro richiesta di secessione della padania!!!

NO!!! gravissimo errore!!!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: «Se la Nato o la Ue sfidano l'Onu useremo le forze armat
MessaggioInviato: ven feb 22, 2008 15:47 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
marinodesaraca ha scritto:
Trovo che sia stato un grave errore da parte dell'Italia dare il consenso all'indipendenza del Kossovo...ora si potranno innescare altre richieste analoghe...in Spagna per esmpio...I paesi Bachi e la Catalogna..l'Aragona...in Francia dove ci sono movimenti secessionisti come in Corsica..i bretoni, in Gran Bretagna c'è la questione dell'Irlanda del Nord, in Belgio è in corso un duro scontro tra Vallonia e Fiandre, e poi c'è il Cipro diviso da un muro sono contrari all'indipendenza del Kosovo anche la Romania, la Bulgaria e la Slovacchia. La Romania e la Slovacchia devono infatti fare i conti con forti minoranze ungheresi, mentre la Bulgaria ha una consistente popolazione turca. Temono gli effetti dell'indipendenza del Kosovo anche i macedoni, con il 30 per cento della popolazione di etnia albanese, la Grecia che convive con i suoi macedoni, e la Polonia con i suoi tedeschi.
L'ondata dell'indipendenza del Kosovo può colpire anche i paesi più lontani, dall'ex Unione Sovietica fino allo Sri Lanka, passando per la Turchia, l'Iran, il Pakistan e l'India. "Perchè il trattamento riservato dalla comunità internazionale ai kosovari non deve essere applicato anche altrove, per esempio in Abkhazia?, si è chiesto nei giorni scorsi Sergej Bagapsh, leader abkhazo. E perchè non in Ossezia, Cecenia, Nagorno Karabakh o Transdnistria?"
Ecc...Ecc... senza parlare dei nostrani leghisti che già hanno applaudito all'indipendenza del Kossovo per innescare la loro richiesta di secessione della padania!!!

NO!!! gravissimo errore!!!

L'argomento mi pare specioso.
La libertà di un popolo dovrebbe essere limitata dal fatto che altri potrebbero speculare ed usare la cosa in modo propagandistico per problemi loro?

Come a dire ad uno schiavo che non deve essere libero altrimenti altri alzerebbero la testa ....
Molto "real politik" ma poco "democratico", a mio avviso.

Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010