Oggi è mar ago 14, 2018 21:23 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Fidel lascia
MessaggioInviato: mar feb 19, 2008 21:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
Dopo 49 anni di potere, Fidel lascia "ufficialmente" la carica di "leader maximo" a Cuba.
Continuerà si la lotta, ma solo "scrivendo" e abbandonando le cariche pubbliche...
Certo il suo peso continuerà ad averlo, ma..

Qual è la vostra opinione di questa persona che, nel bene e nel male, è un simbolo e un personaggio importante del XX secolo??


Hasta la vista(Ni vidimu)

Luis Wallace


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Fidel lascia
MessaggioInviato: mer feb 20, 2008 18:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 8940
Luis Wallace ha scritto:
Dopo 49 anni di potere, Fidel lascia "ufficialmente" la carica di "leader maximo" a Cuba.
Continuerà si la lotta, ma solo "scrivendo" e abbandonando le cariche pubbliche...
Certo il suo peso continuerà ad averlo, ma..

Qual è la vostra opinione di questa persona che, nel bene e nel male, è un simbolo e un personaggio importante del XX secolo??


Hasta la vista(Ni vidimu)

Luis Wallace

Caro Luis Wallace.E' l'uomo che ha sconfitto Battista
al potere, fantoccio degli USA.Poi come tutte le dittature di qualsiasi colore con il tempo stancano, l'uomo è nato libero.
Ciao
Paolo11


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Fidel lascia
MessaggioInviato: mer feb 20, 2008 21:23 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
paolo11 ha scritto:
Luis Wallace ha scritto:
Dopo 49 anni di potere, Fidel lascia "ufficialmente" la carica di "leader maximo" a Cuba.
Continuerà si la lotta, ma solo "scrivendo" e abbandonando le cariche pubbliche...
Certo il suo peso continuerà ad averlo, ma..

Qual è la vostra opinione di questa persona che, nel bene e nel male, è un simbolo e un personaggio importante del XX secolo??


Hasta la vista(Ni vidimu)

Luis Wallace

Caro Luis Wallace.E' l'uomo che ha sconfitto Battista
al potere, fantoccio degli USA.Poi come tutte le dittature di qualsiasi colore con il tempo stancano, l'uomo è nato libero.
Ciao
Paolo11


Anch'io la penso come te paolo11.

Penso che gli ideali su cui si fondava la "revolutiòn" fossero autentici e che solo col passare del tempo è diventata una dittatura che, essendo tale, non puo' essere giustificata.
La paura di perdere il terreno perso, e la cieca fiducia nel comunismo, hanno fatto perdere la "bussola" democratica.

Mi espongo pero'= non sono d'accordo a mettere sullo stesso piano tutte le dittature: ognuna ha una sua storia.
Quando si fa l'equazione Hitler=Mussolini=Franco=Tito=Fidel Castro... come fanno in molti, non sono assolutamente d'accordo..


Ni sentimu,
Luigi


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Fidel lascia
MessaggioInviato: mer feb 20, 2008 21:58 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 8940
Luis Wallace ha scritto:
paolo11 ha scritto:
Luis Wallace ha scritto:
Dopo 49 anni di potere, Fidel lascia "ufficialmente" la carica di "leader maximo" a Cuba.
Continuerà si la lotta, ma solo "scrivendo" e abbandonando le cariche pubbliche...
Certo il suo peso continuerà ad averlo, ma..

Qual è la vostra opinione di questa persona che, nel bene e nel male, è un simbolo e un personaggio importante del XX secolo??


Hasta la vista(Ni vidimu)

Luis Wallace

Caro Luis Wallace.E' l'uomo che ha sconfitto Battista
al potere, fantoccio degli USA.Poi come tutte le dittature di qualsiasi colore con il tempo stancano, l'uomo è nato libero.
Ciao
Paolo11


Anch'io la penso come te paolo11.

Penso che gli ideali su cui si fondava la "revolutiòn" fossero autentici e che solo col passare del tempo è diventata una dittatura che, essendo tale, non puo' essere giustificata.
La paura di perdere il terreno perso, e la cieca fiducia nel comunismo, hanno fatto perdere la "bussola" democratica.

Mi espongo pero'= non sono d'accordo a mettere sullo stesso piano tutte le dittature: ognuna ha una sua storia.
Quando si fa l'equazione Hitler=Mussolini=Franco=Tito=Fidel Castro... come fanno in molti, non sono assolutamente d'accordo
..


Ni sentimu,
Luigi

Caro Luigi.Concordo hai ragione.
Ciao
Paolo11


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: fidel
MessaggioInviato: gio feb 21, 2008 15:45 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
Cita:
Caro Luigi.Concordo hai ragione.
Ciao
Paolo11


E, magari lo pensassero pure a destra...
C'è come il bisogno di "bilanciare" le dittature di "destra" con quelle di estrema sinistra.

Nessuno nega i soprusi e le angherie che i popoli vittime di totalitarismi devono subire...
Nessuno cerca giustificazioni...

Forse è nel loro dna??


Ni sentimu,
Luigi




Ni sentimu,
Luigi


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: raul
MessaggioInviato: mar feb 26, 2008 01:23 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
Si sono svolte le "elezioni" del nuovo presidente, che sarà Raul Castro, fratello piu' giovane di Fidel.

Al contrario del leader maximo pero', Raul non concentrerà nelle sue mani tutti i poteri, nominando qualche uomo di fiducia, si pensa per l' Interno e forse Economia..

Siamo di fronte a una, pur lenta, svolta democratica?


Hasta la vista,
Wallace


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 29, 2008 21:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 67
Fidel è nato nel 1926.
Raul è nato nel 1931.
Ma che razza di cambiamento è per i cubani?
Fidel ha istituito una dittatura per sè e per la sua famiglia, vita natural durante.
Sai cosa gli cambia ai cubani? Che invece di mangiare bucce di banana, mangeranno bucce di mela!!!
"Democrazia" per la famiglia Castro è una parolaccia.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab mar 01, 2008 00:08 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
LucianaM ha scritto:
Fidel è nato nel 1926.
Raul è nato nel 1931.
Ma che razza di cambiamento è per i cubani?
Fidel ha istituito una dittatura per sè e per la sua famiglia, vita natural durante.
Sai cosa gli cambia ai cubani? Che invece di mangiare bucce di banana, mangeranno bucce di mela!!!
"Democrazia" per la famiglia Castro è una parolaccia.



Non è tanto a colpire il cambiamento in quanto tale, quanto, a mio parere, il segnale della fine di un'epoca.


Poi la "democrazia", sicuramente non è stata rispettata, ma non penso sia considerata una parolaccia.

Se mai ne è stato traslato il significato..


Ni sentimu,
Wallace


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven mar 14, 2008 17:52 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
Dal sito PD=


Cita:
Cuba, il nuovo corso di Raul comincia da computer e lettori dvd
Spiragli anche per internet
Cominciano ad intravedersi i primi segnali del nuovo corso di Raul Castro a Cuba. Il governo del nuovo presidente, succeduto al fratello Fidèl ha trasmesso alle reti commerciali abilitate per la vendita di prodotti in dollari in pesos convertibili (Cuc) un memorandum in cui si autorizza l’offerta al pubblico locale di computer, tv di medio-grandi dimensioni (da 19 a 24 pollici), lettori di dvd e apparati elettrici di vario genere.

Nei fatti, questa volta si può dire che non si tratta del solito annuncio “liberalizzatore” che nasconde lo stallo imposto dal regime. Consultato dall’agenzia Ansa, un responsabile di uno dei più grandi centri commerciali di L'Avana ha confermato di aver ricevuto, ed di avere letto ai dipendenti, un documento da cui emerge la revoca della proibizione di vendita ai cittadini cubani di tutta una serie di prodotti che prima erano solo accessibili unicamente a società o a stranieri.

La misura - che riguarda anche pentole, biciclette e allarmi per automobili elettrici - è stata voluta dal nuovo presidente tenuto conto, spiega il memorandum governativo, del fatto che “la situazione energetica nel paese è sensibilmente migliorata”. Dato che la decisione è stata improvvisa, ha infine detto il responsabile, molti prodotti autorizzati “non sono disponibili alla vendita e dovranno essere importati”.

Nel suo discorso di investitura il 24 febbraio il fratello minore di Fidel Castro aveva annunciato che sarebbero state abolite “alcune misure introdotte negli anni passati e che non hanno più ragione d'essere”, mentre altre, più complesse, avranno bisogno di più tempo e forse anche di “una consultazione popolare”. Comunque, se tutto continuerà come ora a livello di produzione energetica, l'anno prossimo potranno entrare nei circuiti di vendita i condizionatori d'aria e nel 2010, invece, i tostapane e i forni elettrici.

La liberalizzazione nella vendita dei computer, fra l'altro, lascia pensare che sia vicino un qualche provvedimento relativo all'accesso ad Internet, un diritto rivendicato di recente più volte da intellettuali e studenti nelle riunioni sollecitate dallo stesso Raul Castro in cui vengono redatti veri e propri “cahier de doleances” delle cose che non vanno a Cuba. La proibizione alla vendita di quasi tutti i prodotti funzionanti ad elettricità fu introdotta negli anni '90, come conseguenza del crollo dell'Unione sovietica, e quindi della perdita di finanziamenti e forniture energetiche da parte di Mosca. Furono anni in cui i black-out erano quotidiani e potevano durare anche 18 ore.

Un altro segnale di cambiamento è lo sblocco dei rapporti tra Cuba e il Messico, che hanno detto addio ad anni di congelamento diplomatico. I due governi hanno dichiarato non solo che le relazioni tra i due Paese sono “pienamente normalizzate”, ma che intendono avviare una maggiore cooperazione bilaterale. Raul Castro ha pronto l'invito all'Avana per il presidente messicano Felipe Calderon, secondo quanto emerso al termine del vertice tenutosi nella capitale cubana tra i ministri degli Esteri dei due Paesi, Felipe Perez Roque e Patricia Espinosa.

Il presidente messicano, dal canto suo, si è impegnato fin dalla sua elezione nel dicembre 2006 a riallacciare i rapporti con l'isola, tradizionalmente amichevoli ma che si erano incrinati negli anni della presidenza di Vicente Fox, particolarmente critico nei confronti di Fidel Castro. L'invito formale per Calderon sarà consegnato durante la visita di Perez Roque a settembre in Messico. Il ministro degli Esteri dell'Avana ha inoltre annunciato che Cuba sosterrà la richiesta messicana per uno dei 10 seggi a rotazione nel consiglio di sicurezza alla prossima assemblea generale dell'Onu.




Ormai si è capito che per Cuba l'unica via di salvezza è la fine del regime, e seppur lentamente, credo che si stia intreprendendo questa strada.

Chissà cosa accadrà tra un 5-6 anni, quando entrambi i fratelli penso non avranno più nemmeno le forze fisiche per guidare il paese.

Satellite usa tipo Portorico??


Ni sentimu,
Luis


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven mar 14, 2008 22:47 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:11 pm
Messaggi: 25
Luis Wallace ha scritto:

Ormai si è capito che per Cuba l'unica via di salvezza è la fine del regime, e seppur lentamente, credo che si stia intreprendendo questa strada.

Chissà cosa accadrà tra un 5-6 anni, quando entrambi i fratelli penso non avranno più nemmeno le forze fisiche per guidare il paese.

Satellite usa tipo Portorico??


Ni sentimu,
Luis


Spero proprio di no...Voglio che cuba rimane cuba...anche perchè è da un pò di anni che a cuba c'è qualche iniziativa privata soprattutto per il turismo infatti l'economia è buona...
A me le idee comuniste piacciono almeno che non si rovinano e si porta a fare una dittatura...voi che ne pensate??

un grande diceva...
Hasta la victoria siempre
Ciao


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab mar 15, 2008 16:14 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
zxcvbn ha scritto:
Luis Wallace ha scritto:

Ormai si è capito che per Cuba l'unica via di salvezza è la fine del regime, e seppur lentamente, credo che si stia intreprendendo questa strada.

Chissà cosa accadrà tra un 5-6 anni, quando entrambi i fratelli penso non avranno più nemmeno le forze fisiche per guidare il paese.

Satellite usa tipo Portorico??


Ni sentimu,
Luis


Spero proprio di no...Voglio che cuba rimane cuba...anche perchè è da un pò di anni che a cuba c'è qualche iniziativa privata soprattutto per il turismo infatti l'economia è buona...
A me le idee comuniste piacciono almeno che non si rovinano e si porta a fare una dittatura...voi che ne pensate??

un grande diceva...
Hasta la victoria siempre
Ciao


Caro zxcvbn,
è proprio quello che è accaduto a Cuba=la creazione di una dittatura.
Anche se L'Avana rappresenta il simbolo della rivolta contro un sistema ingiusto e a suo modo "dittatoriale"(l'imperialismo), bisogna riconoscere come non si possano chiudere gli occhi di fronte la sofferenza della gente, pur di salvare "un mito".

Le piccole liberalizzazioni di cui parli, di per se nn valgono niente.
Cuba rappresenta le contraddizioni del comunismo=democrazia, ma solo per chi non si manifesta contro il regime, lavoro, ma intanto i tassisti prendono più degli ingegneri.

No, non puo' più essere questo il futuro di Cuba.
Ma il passato nn si rinnega.

Hasta la vista,
Wallace


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 14:58 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:11 pm
Messaggi: 25
Luis Wallace ha scritto:

Caro zxcvbn,
è proprio quello che è accaduto a Cuba=la creazione di una dittatura.
Anche se L'Avana rappresenta il simbolo della rivolta contro un sistema ingiusto e a suo modo "dittatoriale"(l'imperialismo), bisogna riconoscere come non si possano chiudere gli occhi di fronte la sofferenza della gente, pur di salvare "un mito".

Le piccole liberalizzazioni di cui parli, di per se nn valgono niente.
Cuba rappresenta le contraddizioni del comunismo=democrazia, ma solo per chi non si manifesta contro il regime, lavoro, ma intanto i tassisti prendono più degli ingegneri.

No, non puo' più essere questo il futuro di Cuba.
Ma il passato nn si rinnega.

Hasta la vista,
Wallace


Infatti non doveva esserci la dittatura...Non si può creare una dittatura...Ma le idee politiche anche con una apertura ai privati sono buone, e le condivido magari non le conoscerò tutte ma quelle che conosco mi piacciono...

E C O N O M I A
L'Avana. 28 Novembre 2007

L’economia cubana è cresciuta del 10% nel 2007

• Oggi può affrontare anche situazioni complesse

TeleSUR – L’economia di Cuba è cresciuta quest’anno del 10% ed è meglio preparata per affrontare anche situazioni complesse come gli alti prezzi del petrolio, ha affermato il Ministro all’Economia, José Luis Rodríguez.
Fonte www.granma.cu

Nei primi anni ’90 il governo ha avviato una parziale transizione di mercato (legalizzazione delle libere professioni, apertura verso investimenti stranieri).
Fonte Wikipedia.

Hasta la victoria siempre
zxcvbn


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun mar 17, 2008 00:08 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 906
zxcvbn ha scritto:
Luis Wallace ha scritto:

Caro zxcvbn,
è proprio quello che è accaduto a Cuba=la creazione di una dittatura.
Anche se L'Avana rappresenta il simbolo della rivolta contro un sistema ingiusto e a suo modo "dittatoriale"(l'imperialismo), bisogna riconoscere come non si possano chiudere gli occhi di fronte la sofferenza della gente, pur di salvare "un mito".

Le piccole liberalizzazioni di cui parli, di per se nn valgono niente.
Cuba rappresenta le contraddizioni del comunismo=democrazia, ma solo per chi non si manifesta contro il regime, lavoro, ma intanto i tassisti prendono più degli ingegneri.

No, non puo' più essere questo il futuro di Cuba.
Ma il passato nn si rinnega.

Hasta la vista,
Wallace


Infatti non doveva esserci la dittatura...Non si può creare una dittatura...Ma le idee politiche anche con una apertura ai privati sono buone, e le condivido magari non le conoscerò tutte ma quelle che conosco mi piacciono...

E C O N O M I A
L'Avana. 28 Novembre 2007

L’economia cubana è cresciuta del 10% nel 2007

• Oggi può affrontare anche situazioni complesse

TeleSUR – L’economia di Cuba è cresciuta quest’anno del 10% ed è meglio preparata per affrontare anche situazioni complesse come gli alti prezzi del petrolio, ha affermato il Ministro all’Economia, José Luis Rodríguez.
Fonte www.granma.cu

Nei primi anni ’90 il governo ha avviato una parziale transizione di mercato (legalizzazione delle libere professioni, apertura verso investimenti stranieri).
Fonte Wikipedia.

Hasta la victoria siempre
zxcvbn



Cuba, anche se ora si sta riprendendo, non è certo economicamente stabile.
Le "idee politiche" di cui parli, non sono più al passo con i tempi.
Perlomeno applicate come a cuba.

Lì ci sono medici, ingegneri, che a causa della statalizzazione totale muoiono di fame.

Vive meglio un barista o un tassista.

Secondo me, se vuole vivere, Cuba deve, in qualche modo, cambiare.

Hasta la victoria..
Luis


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun mar 17, 2008 11:39 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:11 pm
Messaggi: 25
Luis Wallace ha scritto:


Cuba, anche se ora si sta riprendendo, non è certo economicamente stabile.
Le "idee politiche" di cui parli, non sono più al passo con i tempi.
Perlomeno applicate come a cuba.

Lì ci sono medici, ingegneri, che a causa della statalizzazione totale muoiono di fame.

Vive meglio un barista o un tassista.

Secondo me, se vuole vivere, Cuba deve, in qualche modo, cambiare.

Hasta la victoria..
Luis


Hai ragione...Ma qui in Italia è il contrario..Ingegneri e medici stanno anche troppo bene...mentre operai oppure le persone che stanno in pensiane stanno veramente male...
Potresti portarmi prove che a cuba medici e ingegneri stanno male??

Ricordo che il Che era prima medico...

Hasta la victoria siempre
zxcvbn


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun mar 17, 2008 17:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 8940
Luis Wallace ha scritto:
Cuba, anche se ora si sta riprendendo, non è certo economicamente stabile.
Le "idee politiche" di cui parli, non sono più al passo con i tempi.
Perlomeno applicate come a cuba.
Lì ci sono medici, ingegneri, che a causa della statalizzazione totale muoiono di fame.
Vive meglio un barista o un tassista.
Secondo me, se vuole vivere, Cuba deve, in qualche modo, cambiare.
Hasta la victoria..
Luis

Caro Luis Wallace.In Unione Sovietica sono stato nel 1981 con la mia ditta per vacanza, Mosca e
Leningrado (ora San Pietroburgo).Per ul po di tempo mi sono fatto mandare delle riviste tradotte in Italiano,è vero che gli operai, e specialmente quelli che lavoravano nelle miniere prendevano piu soldi di ingenieri dottori eccc...Erano piu tutelati degli altri.Personalmente mi piaceva Gorbaciov.
Per il motivo che voleva portare la democrazia con gradualita (non tutto e subito)come invece è avvenuto
prendendo anche il peggio delle democrazie (Anche se non è ancora completata quella "emocrazia"Per Cuba mi piacerebbe un passaggio a tappe come proponeva "Gorbaciov)nel suo paese
Un passaggio troppo veloce credo non porti ad una democrazia vera.
Ciao
Paolo11


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010