Oggi è mar gen 23, 2018 18:10 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Bonus Fiscale ai pendolari
MessaggioInviato: mer feb 13, 2008 14:48 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 1
Se vogliamo essere un pò più europei, nella fiscalità dobbiamo dare degli aiuti fiscali a coloro che quotidianamente si recano a lavorare in un'altra città di quella di residenza, sia per i costi che hanno di abbonamenti e di carburanti.
Inoltre (e questo lo ritengo vergognoso, da parte di quei senatori, sia quelli eletti all'estero sia alcuni eletti nelle regioni di confine) hanno presentato un'emendamento e accolto dal Governo, alla legge finanziaria 2008.
questo emendamento (ora legge) prevede che tutti coloro che si recano a lavorare in zone di frontiera o in paesi limitrofi la frontiera (Principato di Monaco) hanno diritto ad un bonus fiscale di 8.000 €, questo significa che un lavoratore che si reca a lavorare a Monaco (20 minuti di treno) e ha un salario annuo netto di 16.000 € dovrà dichiarare solo 8.000, in questo caso non pagherebbe un EURO !!!!!!!!!!!
Oppure se guadagna un netto di 20.000 ne deve dichiare solo 12.000.
Vi posso dire che chi lavora in un'altro paese (Francia, Monaco, Austria, San Marino e città del Vaticano), oltre ad avere salario più elevati di quelli italiani, hanno delle tutele sociali che noi in Italia ce le sogniamo (dalla disoccupazione, ai sistemi pensionistici, alla sanità).
da tenere presente que questi non pagano nei paesi di lavoro solo i contributi sociali.
Perchè queste discriminazioni !!!!! lo vorrei chiedere anche al sen. Giorgio Benvenuto che è stato tra i firmatari di questo emendamento.
per concludere bisogna eliminare questi privileggi oppure darlo a tutti coloro che ogni giorno si muovono da una città all'altra con maggiori disagi dei frontalieri.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Bonus Fiscale ai pendolari
MessaggioInviato: mer feb 13, 2008 22:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
paolo53 ha scritto:
per concludere bisogna eliminare questi privileggi oppure darlo a tutti coloro che ogni giorno si muovono da una città all'altra con maggiori disagi dei frontalieri.

Perfettamente d'accordo.
O tutti o nessuno.
È standard per il fisco di paesi seri concedere detrazioni a rimborso della spesa di produzione del reddito e tra queste metto:
a)le spese di trasporto con il mezzo pubblico piu' idoneo ed in mancanza o inadeguatezza di mezzi pubblici, con quello privato.
b) le spese per il vitto fuori casa, forfettarie.
c) le spese di aggiornamento professionale, su presentazioen di fattura e con massimale.
d) le spese per il vestiario professionale (tute e camici da comprare e lavare).

Ed il fatto che ci sia non ci sia di mezzo un confine, non c'entra.

Ciao,
Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Bonus Fiscale ai pendolari
MessaggioInviato: gio feb 14, 2008 16:49 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
francescopf ha scritto:
paolo53 ha scritto:
per concludere bisogna eliminare questi privileggi oppure darlo a tutti coloro che ogni giorno si muovono da una città all'altra con maggiori disagi dei frontalieri.

Perfettamente d'accordo.
O tutti o nessuno.
È standard per il fisco di paesi seri concedere detrazioni a rimborso della spesa di produzione del reddito e tra queste metto:
a)le spese di trasporto con il mezzo pubblico piu' idoneo ed in mancanza o inadeguatezza di mezzi pubblici, con quello privato.
b) le spese per il vitto fuori casa, forfettarie.
c) le spese di aggiornamento professionale, su presentazioen di fattura e con massimale.
d) le spese per il vestiario professionale (tute e camici da comprare e lavare).

Ed il fatto che ci sia non ci sia di mezzo un confine, non c'entra.

Ciao,
Francesco


Per notizia questo governo qualcosina ha fatto in finanziaria con la detrazione al 19% per abbonamenti a mezzi pubblici di trasporto fino a 250 euro di spesa.

E poi per gli insegnanti la detrazione o deduzione (non mi ricordo con esattezza) per le spese per corsi di aggiornamento professionale.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Bonus fiscale
MessaggioInviato: mar feb 19, 2008 20:39 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 1
Saluto tutti e mi presento mi chiamo Roberto e sono il segretario del movimento frontalieri di Ventimiglia faccio parte anche di una associazione di volontariato denominata FAI (frontalieri autonomi intemeli).
Ho seguito il Vs post e mi sento di fare un po chiarezza riguardo i lavoratori frontalieri in particolare quelli della mia zona cioè Monaco e Francia
Chi si sposta a lavorare otre frontiera lo fà perche non ha trovato posto nella nostra bella Italia e non per scelta e vi spiego il perche:
Il frontaliere è in una situazione di precariato perche puo essere lincenziato in qualsiasi momento anche senza motivo questo per legge.
Nel principato di Monaco non esiste Tfr o liquidazione quando si finisce di lavorare anche dopo 30 anni esci con l'ultimo stipendio e basta.
Non esiste la 13° mensilità
La malatia per i primi 2 anni è pagata solo al 50% e gli anni sucessivi i primi tre giorni non pagati
Se stai male quando sei nel principato a meno che non sia incidente di lavoro paghi tutto e lo stato Italiano nonostante percepisca dalla cassa malatia monegasca i nostri contributi versati non ti rimborsa niente.
Non parliamo di assegni familiare un lavoratore di Monaco percepisce un importo in base a l'eta del figlio ( esempio 14 anni circa 230 euro mensili)il lavoratore italiano lo percepisce in italia in base al reditto (in media piu o meno 60/80 euro)Dove finiscono il rimanente dei soldi? visto che le tratenute sullo stipendio sono uguali.
Ora provate a sommare dallo stipendio Italiano la 13° la 14° il tfr e vediamo la differenza di salari.
Lo stipendio per un operaio in fabrica varia dai 1180 euro ai 1250 netti e vero esistono posti dove si guadagna anche di piu ma questo sucedde anche in Italia
Il colmo è che i pensionati non godono neanche del bonus fiscale quindi con una pensione di 1100 euro al mese si ritrovano a versare allo stato italiano circa 1300 euro ogni anno.
Non parliamo dei lavoratori Francesi che pagano doppia imposta prima gli viene tratenuto sullo stipendio dallo stato Francese poi sul resto devono ancora pagare in Italia.
Credo che la magior parte di noi sarebbe ben felice di lavorare in Italia anche viagiando.
Ultima cosa non parliamo di spese per il mangiare vi do solo un esempio un caffè a Monaco parte da un prezzo minimo di 1,60 fino a 8 euro
Potrei fare ancora mille esempi.
Spero di essere stato chiaro e vi ringrazzio a tutti per la Vs attenzione

Roberto


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010