Oggi è gio mag 24, 2018 02:38 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 59 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 18:57 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 1553
Per compltezza di informazione, riporto l'intervista completa (fonte: il sole24ore.com)
***********
I dati di martedì scorso sul deficit/pil italiano, sceso nei primi nove mesi del 2007 all'1,3%, il risultato migliore dal 1999, «sono il segnale di una performance impressionante in termini di bilancio generale e sono lodevoli gli sforzi compiuti dal Governo nella lotta contro l'evasione fiscale» anche se questa «performance migliore del previsto» è dovuta, in parte, anche «a una componente ciclica non quantificabile». Lo ha detto a Il Sole 24 Ore Radiocor Trevor Cullinan, primary analist di Standard and Poor's per il rating della Repubblica d'Italia.

Vista la componente ciclica del miglioramento, continua Cullinan, il Governo Prodi «dovrebbe restare focalizzato sul miglioramento di efficienza del settore pubblico e sulla riforma delle voci di spesa più significative come le pensioni che restano esposte a forti pressioni in futuro». Il dato sul saldo primario, salito al 3,5% del pil nei primi nove mesi del 2007, «è molto positivo per quest'anno», continua l'analista, ma «fattori ciclici hanno sicuramente svolto un loro ruolo nel 2007». C'è poi da dire che nell'interpretazione dei dati va tenuto conto del fatto che si tratta di cifre grezze, come ha anche precisato l'Istat, non depurati da componenti stagionale ed erratiche, con una forte variabilità in corso d'anno. Il disavanzo di competenzao indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche, parametro di riferimento ai fini del Patto di stabilità europeo, sarà noto il 29 febbraio.

Sul lungo termine, ha in ogni caso aggiunto Cullinan, «il Governo deve ancora varare un programma serio di riforme che porti le finanze pubbliche su una base sostenibile di risanamento». Commentando i possibili rischi politici dalla verifica di Governo in corso in questi giorni, l'esperto di S&P ha detto che «l'incapacità del Governo di varare riforme focalizzate sulla spesa pubblica sono uno dei nodi più importanti per il rating» attribuito alla Repubblica d'Italia, che l'agenzia di rating ha declassato da 'AA-' a 'A+', per il debito a lungo termine, nell'ottobre 2006, e che ha mantenuto invariato da allora con outlook stabile.

Nella coalizione di Governo «ci sono elementi riformisti ma non sono abbastanza forti da poter spingere questa agenda». Il rating sovrano dell'Italia «ha un outlook stabile perché non prevediamo alcun cambiamento sostanziale in questa dinamica». «Anche se la performance attuale» sui conti pubblici «è migliore del previsto», continua l'analista, nondimeno «per una qualsiasi variazione nell'outlook dovrebbero venire soddisfatte le nostre attese di un miglioramento più sostenibile delle finanze pubbliche».

È provato «a livello internazionale - ha ribadito l'analista - che il consolidamento di bilancio si pone su basi sostenibili quando si basa su riforme della spesa». In quanto ai rischi per l'attuale performance positiva del Governo in termini di risanamento di bilancio, Cullinan vede la possibilità che «nel breve termine la forte crescita delle entrate degli ultimi anni possa invertire la tendenza alla luce di uno scenario economico più incerto, mentre si attende ancora una riforma duratura e sostanziale delle spese».

Anche «la debolezza dell'economia resta un nodo importante». Nel più lungo termine, «la preoccupazione principale deriva dalla relativa generosità e dai negativi andamenti demografici del Paese». S&P, ha concluso Cullinan, ha in programma «nei prossimi mesi», un rapporto completo e aggiornato sugli andamenti economici e creditizi in Italia


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 19:20 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 23861
La performance è buona e di questo ne va dato atto.

Ma di strutturale non si è cambiato granchè,per cui a medio termine potrebbe bastare poco per far tornare tutto come prima.


Paolo65----Ven Gen 11, 2008 17:51 pm
===================================

Non so quale sia la tua esperienza in risanamenti, ma ordinariamente si procede partendo dalle esigenze più impellenti.

Questa condizione deficitaria ha origine dal precedente esecutivo, senza fare dell’antiberlusconismo da quattro soldi.

Prodi si sta muovendo per piccoli passi cercando di consolidare le posizioni che via via è in grado di bonificare.

I miracoli li può fare solo il Padreterno di Arcore e la bacchetta magica era a disposizione solo del Mago Merlino.

Un po’ alla volta, se non si mettono i bastoni tra le ruote, potremmo arrivare alla riforme strutturali.

Tutto subito non si può ottenere.

A.Hopkins


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 19:24 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 3947
«Anche se la performance attuale» sui conti pubblici «è migliore del previsto»

--------------------------
Non è la prima volta che leggiamo o sentiamo questa frase a proposito del governo Prodi. Meglio, a proposito di Prodi.
Ho fiducia che la leggeremo ancora in futuro.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 19:30 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 56
pinopic1 ha scritto:
soloo42000 ha scritto:
Pero` un primo cambiamento che sarebbe gia` possibile fare oggi sarebbe l'abolizione delle provincie.

Troppo anche questo?

soloo42000


Per me non è troppo, anzi è anche poco. Ma mi hanno insegnato che la politica è l'arte del possibile. Ma per stare più terra terra è l'arte del riuscire a fare ciò che i numeri e le posizioni degli schieramenti in parlamento consentono di fare.

Non è però che ogni 3D si debba trasformare in un dialogo sui massimi sistemi e su cosa fare per andare in Paradiso.
Ho postato una notizia da commentare: risultato di valutazioni di dati e relativi calcoli.
la pressione fiscale c'entra.
Allora:
cosa è la "pressione fiscale"? Come si calcola?
E' un rapporto tra due fattori X e Y?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante X?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante Y?
E' aumentato X più di quanto sia aumentato Y?
E' aumentato X meno di quanto sia aumentati Y?


inutile che mi provochi con i tuoi giochetti

la pressione fiscale supera il 50% del pil

il 70% se ne va in tasse e balzelli comprese tasse locali, questa è la verità, non esiste paese con un tale livello di tasse in occidente.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 19:56 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 3947
laverità ha scritto:
pinopic1 ha scritto:
soloo42000 ha scritto:
Pero` un primo cambiamento che sarebbe gia` possibile fare oggi sarebbe l'abolizione delle provincie.

Troppo anche questo?

soloo42000


Per me non è troppo, anzi è anche poco. Ma mi hanno insegnato che la politica è l'arte del possibile. Ma per stare più terra terra è l'arte del riuscire a fare ciò che i numeri e le posizioni degli schieramenti in parlamento consentono di fare.

Non è però che ogni 3D si debba trasformare in un dialogo sui massimi sistemi e su cosa fare per andare in Paradiso.
Ho postato una notizia da commentare: risultato di valutazioni di dati e relativi calcoli.
la pressione fiscale c'entra.
Allora:
cosa è la "pressione fiscale"? Come si calcola?
E' un rapporto tra due fattori X e Y?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante X?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante Y?
E' aumentato X più di quanto sia aumentato Y?
E' aumentato X meno di quanto sia aumentati Y?


inutile che mi provochi con i tuoi giochetti

la pressione fiscale supera il 50% del pil

il 70% se ne va in tasse e balzelli comprese tasse locali, questa è la verità, non esiste paese con un tale livello di tasse in occidente.


Figurati se ho voglia di provocare te. Non ti starai montando un po' la testa?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 227
laverità ha scritto:
pinopic1 ha scritto:
soloo42000 ha scritto:
Pero` un primo cambiamento che sarebbe gia` possibile fare oggi sarebbe l'abolizione delle provincie.

Troppo anche questo?

soloo42000


Per me non è troppo, anzi è anche poco. Ma mi hanno insegnato che la politica è l'arte del possibile. Ma per stare più terra terra è l'arte del riuscire a fare ciò che i numeri e le posizioni degli schieramenti in parlamento consentono di fare.

Non è però che ogni 3D si debba trasformare in un dialogo sui massimi sistemi e su cosa fare per andare in Paradiso.
Ho postato una notizia da commentare: risultato di valutazioni di dati e relativi calcoli.
la pressione fiscale c'entra.
Allora:
cosa è la "pressione fiscale"? Come si calcola?
E' un rapporto tra due fattori X e Y?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante X?
E' aumentato, diminuito o rimasto costante Y?
E' aumentato X più di quanto sia aumentato Y?
E' aumentato X meno di quanto sia aumentati Y?


inutile che mi provochi con i tuoi giochetti

la pressione fiscale supera il 50% del pil

il 70% se ne va in tasse e balzelli comprese tasse locali, questa è la verità, non esiste paese con un tale livello di tasse in occidente.




Scusa ma questo è falso. La pressione fiscale è leggermente sotto al 44%. Guarda che non siamo mica in Francia!
E poi ti ricordo che il motivo per il quale abbiamo sforato il deficit per tre anni di fila e in modo sempre più grave è perchè Berlusconi ha tagliato le tasse senza copertura finanziaria. Naturale quindi che per risanare il deficit si siano dovute rialzare le tasse, stavamo spendendo al di sopra delle nostre possibilità.

Ciò non toglie che un taglio alle spese servirà comunque per risanare il debito, e in questa Finanziaria sono già stati fatti tagli per 5 miliardi di euro. Mentre ti ricordo che Berlusconi in 5 anni ha fatto aumentare la spesa pubblica, senza mai tagliarla di un centesimo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:27 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 56
quel 44% che indichi tu è la pressione fiscale del pil compreso il nero, che è solo una stima quindi per chi non evade è già ben sopra il 50%

arrivando ogni persona a spendere il 70% di ciò che guadagna in tasse e balzelli


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: imperatore a vita
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:29 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 47
E come diceva D'Alema, se solo la metà di questi risultati li avesse ottenuti Berlusconi si sarebbe già fatto nominare imperatore a vita.
Noi invece ci martelliamo assai i xxxx


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:42 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 227
laverità ha scritto:
quel 44% che indichi tu è la pressione fiscale del pil compreso il nero, che è solo una stima quindi per chi non evade è già ben sopra il 50%

arrivando ogni persona a spendere il 70% di ciò che guadagna in tasse e balzelli


Se tu spendi il 70% del tuo reddito in tasse, allora è il caso che cambi commercialista. Davvero.

Inoltre vorrei che ti esercitassi a fare il calcolo di quanto era allora la reale pressione fiscale sotto il governo Berlusconi, che ufficialmente era un po' meno di 2 punti minori rispetto ad oggi, ma in compenso c'erano 8 miliardi di euro di evasione fiscale in più.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:44 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 56
tasse sul reddito ici bollo bolli iva tassa sulla spazzatura ecc. fai la percentuale poi vediamo quanto fa.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: imperatore a vita
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 20:48 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
gabrin ha scritto:
E come diceva D'Alema, se solo la metà di questi risultati li avesse ottenuti Berlusconi si sarebbe già fatto nominare imperatore a vita.
Noi invece ci martelliamo assai i xxxx


Non credo che siano in molti, spero almeno tra noi, i nostalgici della "finanza creativa" di Tremonti.

Comunque, per onestà intellettuale, quando si commenta una notizia bisognerebbe valutarla tutta.

E' vero che Cullinan esprime un giudizio (finalmente) positivo sui dati dei primi nove mesi del 2007. Ma afferma anche che "l'incapacità del Governo di varare riforme focalizzate sulla spesa pubblica sono uno dei nodi più importanti per il rating" che resta quindi quello declassato nel 2006 da AA- as A+.
Ed aggiunge : È provato «a livello internazionale che il consolidamento di bilancio si pone su basi sostenibili quando si basa su riforme della spesa».

Quindi, pur dando merito a questo governo di fare meglio di quanto fatto dal governo berlusconi, bisogna anche ammettere che non ha messo mano a quelle riforme necessarie per un risanamento stabile ed il rilancio del paese. Almeno questo è ciò che sostiene Cullinan, al quale non si può dar credito solo per la parte positiva e non dargliene per la parte che piace meno delle sue dichiarazioni.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 21:00 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 227
laverità ha scritto:
tasse sul reddito ici bollo bolli iva tassa sulla spazzatura ecc. fai la percentuale poi vediamo quanto fa.


L'ICI e la Tarsu sono tasse comunali, quindi lamentati col sindaco. Inoltre tutte le tasse che hai citato rientrano già nel computo della pressione fiscale, quindi in quel 50% che hai nominato prima. Te lo ripeto, cambia commercialista.

Comunque rimane il nodo delle spese da tagliare, visto che la teoria del tax push dimostra empiricamente che per risanare il debito (debito, non deficit) non si può agire solo sulle tasse, e su questo siamo tutti d'accordo.
Il fatto è che tagliare le spese non è una cosa semplice: innanzitutto richiede diversi anni di tempo, e poi ogni taglio alla spesa incontra le resistenze di chi viene colpito. E infine c'è la questione politica, ovvero tagliare le spese generalmente riduce i voti. Motivo per cui Berlusconi non lo fece mai, ma nemmeno Prodi sta facendo abbastanza. L'unico determinato sembra Padoa-Schioppa, spero tiri fuori un piano credibile entro l'anno.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: imperatore a vita
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 21:17 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 3947
mariok ha scritto:

Quindi, pur dando merito a questo governo di fare meglio di quanto fatto dal governo berlusconi, bisogna anche ammettere che non ha messo mano a quelle riforme necessarie per un risanamento stabile ed il rilancio del paese. Almeno questo è ciò che sostiene Cullinan, al quale non si può dar credito solo per la parte positiva e non dargliene per la parte che piace meno delle sue dichiarazioni.


E' questione di metodo politico. Di come procedere sulla strada del risanamento e dello sviluppo. E il metodo politico deve tener conto della realtà sociale e politica all'interno della quale si opera. L'importante è l'obiettivo.
Cullinam non è un politico e mi sembra improbabile che riesca a districarsi agevolmente nel comprendere la realtà italiana.
Vedremo in seguito se i risultati saranno ancora superiori alle apsettative.
Non ci sarebbe da meravigliarsi se Prodi e Padoa Schioppa risultassero non meno bravi degli analisti degli istituti specializzati.
Intanto sono sicuramente più bravi della coppia Berluscono-Tremonti.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: imperatore a vita
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 22:10 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
pinopic1 ha scritto:
Non ci sarebbe da meravigliarsi se Prodi e Padoa Schioppa risultassero non meno bravi degli analisti degli istituti specializzati.
Intanto sono sicuramente più bravi della coppia Berluscono-Tremonti.


Io non ho dubbi sulla bravura di Prodi e Padoa Schioppa.
Il problema è la struttura di questo governo e di questa maggioranza.
Avrai letto che alla riunione di "verifica" erano presenti undici delegazioni di partiti e gruppi parlamentari. Io credo che così non si riuscirebbe a gestire neanche un condominio.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 11, 2008 22:36 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 1553
Le valutazioni di Cullinan non fanno altro che confermare quanto da tempo dico su Prodi.
Il suo governo ottiene buoni risultati sotto il profilo tecnico; zoppica sotto il profilo politico in quanto leader e responsabile di una maggioranza incapace di fare riforme strutturali.
E questa incapacità di fare riforme, sottolineata da Cullinan, pesa così tanto che nonostante la competenza tecnica delle persone che compongono il governo sia elevata non si è riusciti ancora a rimediare al declassamento del rating patito ad Ottobre 2006.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 59 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010