Oggi è sab apr 21, 2018 15:29 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: deduzone IVA per tutti
MessaggioInviato: gio nov 22, 2007 19:07 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 5
Ormai sono in tanti ad affermare che per combattere l'evasione fiscale sia necessario dare la possibilità di dedurre l'IVA anche per alle famiglie.
Credo sia opportuno che il [b]PD[/b] si impegni a formulare una proposta concreta in questo senso.
E' ora di passare ai fatti.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: deduzione IVA per tutti
MessaggioInviato: gio nov 22, 2007 19:36 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
roberto.pascucci ha scritto:
Ormai sono in tanti ad affermare che per combattere l'evasione fiscale sia necessario dare la possibilità di dedurre l'IVA anche per alle famiglie.
Credo sia opportuno che il [b]PD[/b] si impegni a formulare una proposta concreta in questo senso.
E' ora di passare ai fatti.

Ciao, concretamente possono essere in tanti ad affermare quanto sopra ma ti rendi conto di cosa significherebbe per l'amministrazione tributaria (oltre che per le famiglie) gestire miliardi di ricevute nelle dichiarazioni dei redditi?
Tu pensa a quante cose si comprano in un anno, dal Pane al CD, dal latte alla carne, ai vestiti.
Per una famiglia media direi che sono centinaia alla settimana, quasi 5000 documenti all'anno.
Potrebbero essere 200 miliardi di pezzi di carta da allegare alle dichiarazioni dei redditi.
È un lavoro immenso. Io l'ho fatto per un mese (per una indagine statistica) e ti assicuro che considerare tutti gli acquisti fatti per sommare l'IVA è un lavoraccio che costa anche un'ora al giorno.
Ma l'Iva sulla carne comprata per la famiglia, chi la detrae se lavorano in due e mangiano in quattro?
E l'Iva sul televisore di casa se si lavora in due come si detrae? Un po' per uno?
Per me sarebbe una "tortura burocratica" pazzesca.
Tra l'altro toglierebbe il gettito IVA allo stato e non so se con l'incremento di IRPEF (la chiamo ancora cosi' per comodità) saremmo in pari. Per lo stato esaminare 200 miliardi di scontrini sarebbe pazzesco (devi assumere decine di migliaia di funzionari) e tanto varrebbe a questo punto eliminare l'IVA.

Credo che ci siano tanti altri modi per abbattere l'evasione.
Vedo paesi in cui l'evasione è bassissima senza alcuna deducibilità dell'IVA.

Bisogna eliminare la burocrazia, non incrementarla.
Bisogna abbassare la pressione fiscale (eliminando gli sprechi della spesa pubblica)
Bisogna eliminare decine di migliaia di leggi
Bisogna semplificare il fisco ed abolire centinaia di tasse inutili.

Io spero che il PD lavori per questi obiettivi.

Ciao,
Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: deduzione IVA per tutti
MessaggioInviato: mer nov 28, 2007 22:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 4
che dire francesco....sono d'accordo con te su tutto...aggiungo una cosa: l'idea della detrazione su tutte le spese viene presa dagli stati uniti dove l'iva non esiste e dove si considerano gli oneri sostenuti come deducibili dal reddito, con la conseguenza di pagare tasse sul reddito effettivo. Le controindicazioni sono due secondo me: la prima, forse decisiva, è quella che dicevi anche tu e cioè un incremento pazzesco di burocrazia (negli Usa il problema degli scontrini non c'è perchè utilizzano tutti la moneta elettronica); la seconda è che così facendo si incentivano i consumi e si fa il contrario con il risparmio provocando un crescente indebitamento per le famiglie (come se quello già esistente in Italia non fosse sufficiente...)




francescopf ha scritto:
roberto.pascucci ha scritto:
Ormai sono in tanti ad affermare che per combattere l'evasione fiscale sia necessario dare la possibilità di dedurre l'IVA anche per alle famiglie.
Credo sia opportuno che il [b]PD[/b] si impegni a formulare una proposta concreta in questo senso.
E' ora di passare ai fatti.

Ciao, concretamente possono essere in tanti ad affermare quanto sopra ma ti rendi conto di cosa significherebbe per l'amministrazione tributaria (oltre che per le famiglie) gestire miliardi di ricevute nelle dichiarazioni dei redditi?
Tu pensa a quante cose si comprano in un anno, dal Pane al CD, dal latte alla carne, ai vestiti.
Per una famiglia media direi che sono centinaia alla settimana, quasi 5000 documenti all'anno.
Potrebbero essere 200 miliardi di pezzi di carta da allegare alle dichiarazioni dei redditi.
È un lavoro immenso. Io l'ho fatto per un mese (per una indagine statistica) e ti assicuro che considerare tutti gli acquisti fatti per sommare l'IVA è un lavoraccio che costa anche un'ora al giorno.
Ma l'Iva sulla carne comprata per la famiglia, chi la detrae se lavorano in due e mangiano in quattro?
E l'Iva sul televisore di casa se si lavora in due come si detrae? Un po' per uno?
Per me sarebbe una "tortura burocratica" pazzesca.
Tra l'altro toglierebbe il gettito IVA allo stato e non so se con l'incremento di IRPEF (la chiamo ancora cosi' per comodità) saremmo in pari. Per lo stato esaminare 200 miliardi di scontrini sarebbe pazzesco (devi assumere decine di migliaia di funzionari) e tanto varrebbe a questo punto eliminare l'IVA.

Credo che ci siano tanti altri modi per abbattere l'evasione.
Vedo paesi in cui l'evasione è bassissima senza alcuna deducibilità dell'IVA.

Bisogna eliminare la burocrazia, non incrementarla.
Bisogna abbassare la pressione fiscale (eliminando gli sprechi della spesa pubblica)
Bisogna eliminare decine di migliaia di leggi
Bisogna semplificare il fisco ed abolire centinaia di tasse inutili.

Io spero che il PD lavori per questi obiettivi.

Ciao,
Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: opinioni opinabili...
MessaggioInviato: mer nov 28, 2007 23:45 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
""Le controindicazioni sono due secondo me: la prima, forse decisiva, è quella che dicevi anche tu e cioè un incremento pazzesco di burocrazia (negli Usa il problema degli scontrini non c'è perchè utilizzano tutti la moneta elettronica); la seconda è che così facendo si incentivano i consumi e si fa il contrario con il risparmio provocando un crescente indebitamento per le famiglie (come se quello già esistente in Italia non fosse sufficiente...)""

------------

Quando si vuole essere partigiani di certe convinzioni si sostengono anche con "controindicazioni" di questo tipo.

Le carte di credito sono arrivate anche in Italia da qualche "tempo". Poi non è che si deve poter scaricare le spese per consumi essenziali come gli alimentari.

La seconda controindicazione è ancora più "strana" il consumatore italiano pur di avere ricevute fiscalmente deducibili "consumerebbe" di più?
Quindi lasciamo correre l'evasione per non far spendere il cittadino?

Per quanto concerne i costi della burocrazia quanto ci costa oggi la ricerca degli evasori, quanto dell'evasione scoperta viene "realmente" incassato?

Quanto costa una pattuglia di Finanza che fa la posta alle botteghe per lo scontrino di un paio d'etti di prosciutto.

Se potessimo scaricare i costi del dentista, o dell'idraulico, dell'elettricista o del notaio e simili quanta evasione si annullerebbe?

ciaooooooo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: deduzione IVA per tutti
MessaggioInviato: gio nov 29, 2007 10:23 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
texwiller71 ha scritto:
che dire francesco....sono d'accordo con te su tutto...aggiungo una cosa: l'idea della detrazione su tutte le spese viene presa dagli stati uniti dove l'iva non esiste e dove si considerano gli oneri sostenuti come deducibili dal reddito, con la conseguenza di pagare tasse sul reddito effettivo. Le controindicazioni sono due secondo me: la prima, forse decisiva, è quella che dicevi anche tu e cioè un incremento pazzesco di burocrazia (negli Usa il problema degli scontrini non c'è perchè utilizzano tutti la moneta elettronica); la seconda è che così facendo si incentivano i consumi e si fa il contrario con il risparmio provocando un crescente indebitamento per le famiglie (come se quello già esistente in Italia non fosse sufficiente...)

Ulteriore controindicazione è che per pagare meno imposte (al limite zero) uno alla fine dell'anno potrebbe decidere di fare alcune spese importanti per azzerare il risparmio di quell'anno (o rimanere nell'area della no-tax-zone).
Come a dire che a natale mi prendo il TV al plasma, uno stereo e la moto, cosi' arrivo a pareggiare reddito con spese ed al fisco faccio un bel ciao.

Ovviamente occorrerebbe mettere dei limiti, delle soglie, vincolare alcune tipologie, altrimenti il ricco professionista si compra la Ferrari a fine anno e non paga un tubo di imposte.
L'idea di semplificare la racolta di scontrini non permettendo la deduzione nel campo degli alimentari è poco sociale verso quelle famiglie che faticano ad arrivare a fine mese ed i cui consumi sono prevalentemente essenziali. Il ricupero dell'Iva sarebbe invece appannaggio di un ceto medio e medioalto; quelle povere il dentista non se lo possono permettere ed il notaio se va bene lo vedono solo nei giochi a premi in TV.

Sarebbe bene ricapitolare la razionalità delle imposte sui redditi.
Uno guadagna e salvo alcune detrazioni e deduzioni che sono standard nel mondo occidentale (oneri sociali, spese di produzione reddito) deve pagare le imposte sul guadagnato, non sulla differenza tra guadagno e spese.

Se esistono disonesti che non pagano le imposte questi vanno individuati ed è un problema di volontà e di strumenti (per esempio l'imposta sul capitale è un ottimo strumento, dove esiste, per combattere l'evasione ed infatti i paesi con l'evasione bassa hanno quell'imposta).

Qui siamo tutti bravi a chiedere detrazioni e deduzioni (per noi) con la scusa di far pagare le imposte agli altri. Ma basterebbe da parte nostra chiedere in ogni caso la fattura, che sia detraibile o no. O per caso il nostro pretendere che gli altri siano onesti funziona solo se noi riceviamo in cambio un premio tramite la possibilità di dedurre o detrarre qualche cosa dalla nostra partita fiscale?

A me sembrerebbe un furbizia nostra che abusa della furbizia altrui.
Io comunque chiedo sempre la fattura e la faccio sempre, anche se non mi viene chiesta.

Piuttosto, mi pare il nostro gettito IVA non corrisponda a quanto dovrebbe entrare stante la % in vigore. Mi pare che il gettito sia, per l'evasione, quasi la metà. Nel senso che se invece del 20 avessimo il 10% e fossero tutti onesti, il gettito sarebbe lo stesso.
Ma con un 10% di IVA è piu' facile essere onesti e forse questa è la direzione da prendere.

Ciao,
Francesco

PS: il sistema americano ha un federalismo fiscale che nemmeno ci immaginiamo e non in tutti i livelli esiste la deducibilità di cui si parla (oltre a non avere l'IVA). Localmente hanno delle sales tax molto basse ... se le avessero al 20% credo che avrebbero lo stesso problema nostro.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: deduzione iva
MessaggioInviato: dom dic 30, 2007 23:10 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 5
già è stato detto da altri, ritengo che sia sufficente determinare che l'iva recuperabile per le famiglie possa essere quella generata da fatture di prestazioni professionali (idraulico,dentista,notaio,meccanico,ecc.)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun dic 31, 2007 17:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 528
Se, a livello italiano ed europeo, si facesse una politica "aggressiva" per il passaggio dai pagamenti cartacei ai pagamenti ESCLUSIVAMENTE elettronici (in pratica, resterebbero solo le monete per i piccoli pagamenti e niente più banconote) si ridurrebbe in misura immane la burocrazia di controllo, sarebbe elementare fare controlli "a campione" e si spezzerebbero le gambe alla criminalità.

E si potrebbero ridurre le tasse in misura VERAMENTE EPOCALE.

Ma si tratterebbe di una VERA RIVOLUZIONE. Quindi, mettianola ALMENO nel programma a lungo termine, nazionale e comunitario, del PD.

Almeno in quello a lungo termine....


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 03, 2008 02:42 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
centine ha scritto:
Se, a livello italiano ed europeo, si facesse una politica "aggressiva" per il passaggio dai pagamenti cartacei ai pagamenti ESCLUSIVAMENTE elettronici (in pratica, resterebbero solo le monete per i piccoli pagamenti e niente più banconote) si ridurrebbe in misura immane la burocrazia di controllo, sarebbe elementare fare controlli "a campione" e si spezzerebbero le gambe alla criminalità.

E si potrebbero ridurre le tasse in misura VERAMENTE EPOCALE.

Ma si tratterebbe di una VERA RIVOLUZIONE. Quindi, mettianola ALMENO nel programma a lungo termine, nazionale e comunitario, del PD.

Almeno in quello a lungo termine....


Lo si sta già facendo, perché con la finanziaria del 2007 si è stabilito che non si potranno più pagare in contanti somme per un valore che va via via decrescendo e che (mi sembra nel 2009) arriverà fino a 100 euro.

Quindi non si potranno più pagare in contanti somme superiori a 100 euro e si dovranno fare tramite pagamento elettronico.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 03, 2008 18:37 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 8940
Caro perrynic.Sono andato in un Mercato dell'usato compravendita.Agenzia d'affari per la vendita per conto terzi.Si dichiara che la ditta, di cui alla presente dichiarazione svolge attività di intermediazione nella compravendita di oggetti usati di proprietà di privati.
Questo è quello che vi è scritto nella ricevuta.
Nello stesso foglio è riportato pagamento in contanti.
Accettavano solo contanti anche se la cifra era considerevole.Era la prima volta che comperavo in quel modo.
...
Mi chiedo queste aziende poi come dovranno regolarsi
come hai riportato tu. Pagamento con carte di credito
o altro.
Ciao
Paolo11


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 03, 2008 19:34 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 5
Cari amici e pure caro coordinatore, il sistema per ridurre considerevolmente l'evasione fiscale credo che i tecnici l'abbiano già in tasca, ma la politica (quella con la p minuscola)forse non vuole colpire drasticamente questo cancro perchè il "nero" fa comodo anche a questa politica(o meglio alle lobby trasversali presenti in tutti i partiti)?
:oops: :evil:
Convincetemi che non è così
grazie


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 03, 2008 22:04 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
paolo11 ha scritto:
Caro perrynic.Sono andato in un Mercato dell'usato compravendita.Agenzia d'affari per la vendita per conto terzi.Si dichiara che la ditta, di cui alla presente dichiarazione svolge attività di intermediazione nella compravendita di oggetti usati di proprietà di privati.
Questo è quello che vi è scritto nella ricevuta.
Nello stesso foglio è riportato pagamento in contanti.
Accettavano solo contanti anche se la cifra era considerevole.Era la prima volta che comperavo in quel modo.
...
Mi chiedo queste aziende poi come dovranno regolarsi
come hai riportato tu. Pagamento con carte di credito
o altro.
Ciao
Paolo11


Penso di si, anche se non so come funzionano tali tipi di ditte.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 04, 2008 00:20 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
Credo che il motivo per cui in Italia una cosa del genere non si fa sia politico non tecnico.
Sinceramente, la pretesa di dare lezioni agli americani in termini di efficienza della PA mi fa sorridere.

Il vero motivo e' che un sistema basato sulla deducibilita' delle spese (o di alcune di esse) punta alla riduzione dell'evasione a parita' di gettito fiscale. Infatti quello che io porto in detrazione si traduce in minori entrate fiscali, compensate dalla contestuale emersione dal nero di quanto fatturatomi.
Ma i governi italiani, compreso l'attuale, sono incapaci di tenere sotto controllo la spesa pubblica e sono quindi alla continua ricerca di nuove entrate per finaziarla, comprese quelle derivanti o da riduzione dell'evasione o da periodici condoni fiscali.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 04, 2008 15:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 665
mariok ha scritto:
Credo che il motivo per cui in Italia una cosa del genere non si fa sia politico non tecnico.
Sinceramente, la pretesa di dare lezioni agli americani in termini di efficienza della PA mi fa sorridere.

Il vero motivo e' che un sistema basato sulla deducibilita' delle spese (o di alcune di esse) punta alla riduzione dell'evasione a parita' di gettito fiscale. Infatti quello che io porto in detrazione si traduce in minori entrate fiscali, compensate dalla contestuale emersione dal nero di quanto fatturatomi.
Ma i governi italiani, compreso l'attuale, sono incapaci di tenere sotto controllo la spesa pubblica e sono quindi alla continua ricerca di nuove entrate per finaziarla, comprese quelle derivanti o da riduzione dell'evasione o da periodici condoni fiscali.


peccato che la parità di gettito sia un utopia, se lasciata alla sola deducibilità delle spese.

Non è detto che la deducibilità di una spesa porti ad una corrispondente emersione del nero. Anzi, è probabile che tra l'assenza di fattura e una fattura decisamente maggiorata per via della deducibilità, verrà concordata una fattura che riporta solo una parte (più o meno grande) della spesa effettuata. la conseguenza è solo un emersione parziale del lavoro nero. in questo caso andrebbe valutato attentamente se è meglio poco che niente.

quando si fanno poi i paragoni con gli USA non andrebbe mai dimenticata il loro sistema di controllo per quanto riguarda le tasse, il loro sistema giudiziario e soprattutto il fatto che il loro sistema fiscale deve finanziare un sistema pubblico di welfare un "pochino più leggero" di un qualunque welfare dell'europa continentale.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven gen 04, 2008 16:58 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 8940
chango ha scritto:
quando si fanno poi i paragoni con gli USA non andrebbe mai dimenticata il loro sistema di controllo per quanto riguarda le tasse, il loro sistema giudiziario e soprattutto il fatto che il loro sistema fiscale deve finanziare un sistema pubblico di welfare un "pochino più leggero" di un qualunque welfare dell'europa continentale.

Caro chango.Ultima cosa.Pene severe per chi evade,
da fare in modo alle persone di desistere ,a non pagarle.Galera subito, bastano un po di esempi per far vedere che si fa sul serio.
Ciao
Paolo11


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer gen 09, 2008 12:13 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 6
La deducibilità dell'IVA è un'assurdità senza senso in quanto, se esistesse, produrrebbe un gettito IVA per lo Stato pari a ZERO, dato che l'IVA è progettata apposta per colpire solo il consumatore finale. :D

Come è gia stato detto ci sarebbe un incremento mostruoso di burocrazia, quindi tanto vale a questo punto, abolire l'IVA stessa.

Lo Stato dovrebbe quindi recuperare circa 120 MILIARDI DI EURO tramite altre tasse.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010