Oggi è ven giu 22, 2018 00:02 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 20 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Prostituzione
MessaggioInviato: mar feb 26, 2008 16:19 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Conosciamo tutti la situazione. Belle ragazze ai bordi delle strade, poco vestite, spesso clandestine, a volte minorenni. Poi c'è il fenomeno più discreto ed invisibile, quello degli annunci sui giornali e dei night; di sicuro tutto illegale.
Moltissimi ci vanno, si stima circa 35 milioni di prestazioni l'anno e un giro d'affari superiore al miliardo di €.
Quello della prostituzione è un mercato florido che esiste da centinaia d'anni.
Lasciarlo nelle mani della criminalità è sbagliato.
Tutelare lavoratrici e clienti dovrebbe essere nell'interesse dello Stato.
I proventi di quel mercato sono ingenti, inoltre si consentirebbero controlli sanitari.
Ed il cittadino che non approva dovrebbe, dal canto suo, impegnarsi un po' di più ad accettare diversità di concepire l'esistenza.

Rendere la prostituzione illegale non serve a diminuire la tendenza umana ad usufruirne... anzi.
Regolarizzazione della prostituzione è la soluzione, con repressione durissima del fenomeno abusivo!
Per rendere possibile ciò avremmo bisogno di uno stato laico e meno ipocrita...

Almeno un tentativo, serio, andrebbe fatto


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Prostituzione
MessaggioInviato: mar feb 26, 2008 23:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 93
Niente da aggiungere. Ma it lascio un sostegno morale alla proposta.
A presto.
Rominion.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 02:01 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 54
Boh, io penso che legalizzandola
1 non cambierebbe certo la situazione per le ragazze che sono costrette a prostituirsi, lo faranno comunque e saranno comunque sfruttate al di fuori di qualsiasi regola si possa imporre (suvvia, quante saranno oggi quelle che lo fanno per propria iniziativa?)
2 i controlli diventerebbero ben più difficili, truffare lo Stato con carte false o falsificate risulterebbe più semplice. Ora se lo fai sei sicuramente fuorilegge, con la legalizzazione potrebbe anche essere che tu non lo sia e con la solita trappola burocratica riusciresti a farla franca.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 14:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 93
Legalizzando:
1 Le ragazze non sarebbero costrette a prostituirsi (tranne se consideri che uno che fa un lavoro che non gli piace sia "costretto"). Chiedi quante sono oggi... Dovresti chiedere quante saranno dopo... Poi non sarebbero piu' sfruttate dell'operaio dal padrone. Se poi qualcuna si mette in proprio, sarebbe altrettanto protetta dalla legge che una funzionaria o una salumiera...

2 I controlli bisogna renderli piu' facile. Non é giusto dire: "non si puo' progredire, perché c'é chi viola la legge". Bisogna andare avanti nel migliore dei modi possibili, e chi viola va individuato e isolato dal resto della società... Come? Non so... Ma se una regolamentazione sull'argomento é presa in considerazione, sono sicuro che un modo si trova... Forse da perfezionare, ma anche il viaggio intorno al mondo comincia da un primo passo.
A presto.
Rominion.


Boldar ha scritto:
Boh, io penso che legalizzandola
1 non cambierebbe certo la situazione per le ragazze che sono costrette a prostituirsi, lo faranno comunque e saranno comunque sfruttate al di fuori di qualsiasi regola si possa imporre (suvvia, quante saranno oggi quelle che lo fanno per propria iniziativa?)
2 i controlli diventerebbero ben più difficili, truffare lo Stato con carte false o falsificate risulterebbe più semplice. Ora se lo fai sei sicuramente fuorilegge, con la legalizzazione potrebbe anche essere che tu non lo sia e con la solita trappola burocratica riusciresti a farla franca.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 15:31 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 67
Proponete la creazione di ghetti per le prostitute (stile "lebbrosario") dove esercitare la loro professione, o vi va bene che anche la vicina di casa eserciti il suo mestiere nel vostro condominio?
Lo chiedo perchè io come mamma, anche se i miei figli sono abbondantemente grandi, non mi piacerebbe vedere papponi, sporcaccioni, pervertiti e assatanati di sesso che girano sul pianerottolo insieme ai bambini. Soprattutto di notte mi piacerebbe dormire tranquilla, senza la paura che qualche "cliente insoddisfatto" possa venire a rifarsi a casa mia.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 15:56 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Quello ke già, nella più totale irregolarità, avviene oggi, cara Luciana; pensa ke un mio amico se le ritrova ad adescare ogni notte a meno di 50 m da casa, poi coi clienti si appartano in fondo alla sua strada (a fondo kiuso, in zona periferica)...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 16:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 54
Rominion ha scritto:
Legalizzando:
1 Le ragazze non sarebbero costrette a prostituirsi (tranne se consideri che uno che fa un lavoro che non gli piace sia "costretto").

Non ti seguo. Perché non sarebbero più costrette? La maggior parte delle ragazze che battono le strade vengono qua perché convinte di trovare un lavoro e poi finiscono nel giro perché c'è qualcuno che le ricatta. Non vedo come legalizzare la prostituzione possa risolvere questo problema.
Riguardo al punto due non è tanto che ci si ferma perché qualcuno potrebbe infrangere la legge, quello che dico io è che anche se si facesse non solo la situazione delle prostitute non migliorerebbe (e quindi il vantaggio della legalizzazione non c'è) ma si otterrebbe l'unico effetto negativo che la gente riuscirebbe a sfruttare illegalmente la prostituzione camuffando il tutto da cosa legale quando magari non lo è.
Il grosso problema di oggi non sono le prostitute volontarie quelle che lo fanno per "passione" o che ne so io, che saranno un 10% del totale a farla grossa, il grosso problema sono quelle che ci finiscono pur non volendolo. E a quelle anche legalizzando il legalizzabile non risolvi certo la situazione, anzi, rischi di peggiorarla.

A meno che tu non voglia dare un'altra possibilità di guadagno per le donne e allora boh, a me dà l'impressione che in un paese dove si dovrebbe tendere ad andare verso una maggiore emancipazione e presenza attiva delle donne, legalizzarne e financo promuoverne lo sfruttamento e la svendita del corpo sia nettamente in controtendenza e controproducente.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 17:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Riporto un sito molto ben documentato, utile a farsi un'idea del fenomeno e a sfatare molti falsi miti
http://jonathanx.altervista.org/index.html


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 19:05 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
Premetto che in Italia prostituirsi non costituisce reato, per cui più che di legalizzazione bisognerebbe parlare di regolamentazione.
detto ciò...
Boldar ha scritto:
Non ti seguo. Perché non sarebbero più costrette? La maggior parte delle ragazze che battono le strade vengono qua perché convinte di trovare un lavoro e poi finiscono nel giro perché c'è qualcuno che le ricatta. Non vedo come legalizzare la prostituzione possa risolvere questo problema.


Secondo l'Osservatorio Nazionale sulla Prostituzione le cose stanno diversamente: su un totale di 70.000 prostitute presenti sul territorio Italiano, solo (si fa per dire) il 20% è vittima di schiavitù e quindi obbligata a prostituirsi.
Ciò non toglie che, in assenza di regole precise, la quasi totalità delle prostitute (soprattutto straniere) è costretta a rivolgersi direttamente o indirettamente ad organizzazioni criminali per ottenere supporto logistico e protezione (con la conseguenza di essere sfruttate).
Il problema si risolve nel momento in cui, regolamentando:
a) l'80% delle prostitute non ha più bisogno di rivolgersi alle varie organizzazioni criminali.
b) stabilisci regole precise che favoriscano la lotta alla schiavitù.
In Europa, ad esempio, la Germania ha regolamentato il fenomeno ottenendo ottimi risultati:
1) la prostituzione in strada, pur non essendo vietata, è scesa al 5% (contro il 95% dell'Italia).
2) la prostituzione al chiuso è quasi esclusivamente concentrata in strutture organizzate (Eros Center) che sono facilmente controllabili dalle forze dell'ordine e dai servizi sociali.
3) la lotta alla schiavitù, allo sfruttamento e soprattutto alla prostituzione minorile dispone di strumenti (non solo normativi) reali ed efficaci.

Boldar ha scritto:
Riguardo al punto due non è tanto che ci si ferma perché qualcuno potrebbe infrangere la legge, quello che dico io è che anche se si facesse non solo la situazione delle prostitute non migliorerebbe (e quindi il vantaggio della legalizzazione non c'è)



La situazione delle prostitute migliorerebbe:
1) verrebbe riconosciuta loro dignità, al pari di qualsiasi altro lavoratore/lavoratrice.
2) potrebbero affrancarsi dal racket perchè non esisterebbero più i presupposti per appoggiarsi alle organizzazioni criminali.
3) potrebbero usufruire delle tutele riservate dallo Stato a tutti i lavoratori/lavoratrici.

Boldar ha scritto:
ma si otterrebbe l'unico effetto negativo che la gente riuscirebbe a sfruttare illegalmente la prostituzione camuffando il tutto da cosa legale quando magari non lo è.


A parte il fatto che l'esperienza negli altri Paesi Europei dimostra esattamente il contrario, ma sul serio credi sia meglio lasciare TUTTO il racket in mano alle varie mafie (lo sfruttamento della prostituzione è la terza voce di guadagno nei bilanci di Mafia & Co. s.p.a.)?
O forse sarebbe, realisticamente parlando, più efficace dare alle forze dell'ordine strumenti legislativi realmente validi per combattere gli illeciti?
Qualcuno ha affermato che "il proibizionismo è l'acqua del pesce mafia".

Boldar ha scritto:
Il grosso problema di oggi non sono le prostitute volontarie quelle che lo fanno per "passione" o che ne so io, che saranno un 10% del totale a farla grossa, il grosso problema sono quelle che ci finiscono pur non volendolo. E a quelle anche legalizzando il legalizzabile non risolvi certo la situazione, anzi, rischi di peggiorarla.


Forse è opportuno spiegare meglio il concetto.
Quando dico che la lotta alla schiavitù, allo sfruttamento e soprattutto alla prostituzione minorile disporrebbero di strumenti (non solo normativi) reali ed efficaci, mi riferisco al fatto che in regime di regolamentazione è molto più facile effettuare controlli e rilevare eventuali illeciti.
Le probabilità che una prostituta schiava, o peggio ancora minorenne, possa esercitare in un Eros Center, soggetto a controlli periodici, è oggettivamente assai improbabile.
Già, ma resta la strada.
Ora, in regime di regolamentazione, la prostituzione in strada è destinata, se non a sparire, almeno a ridursi di molto (Germania docet). Non credi che, anche in questo caso, sia più facile effettuare controlli sul 5% del totale piuttosto che sul 95%?

Boldar ha scritto:
A meno che tu non voglia dare un'altra possibilità di guadagno per le donne e allora boh, a me dà l'impressione che in un paese dove si dovrebbe tendere ad andare verso una maggiore emancipazione e presenza attiva delle donne, legalizzarne e financo promuoverne lo sfruttamento e la svendita del corpo sia nettamente in controtendenza e controproducente.


Attenzione, non confondiamo diritto e moralità, altrimenti andiamo off topic :wink:
La prostituzione può essere giudicata moralmente giusta o sbagliata, ma in uno stato di diritto il legislatore ha il dovere di tutelare le categorie più deboli, quindi, nel nostro caso, di tutelare le prostitute.
E, ad oggi, l'unico strumento legislativo efficace è la regolamentazione.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 27, 2008 19:16 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
Rominion ha scritto:
Bisogna andare avanti nel migliore dei modi possibili, e chi viola va individuato e isolato dal resto della società... Come? Non so... Ma se una regolamentazione sull'argomento é presa in considerazione, sono sicuro che un modo si trova... Forse da perfezionare, ma anche il viaggio intorno al mondo comincia da un primo passo.
A presto.
Rominion.


sono pienamente d'accordo.
aggiungo solo che abbiamo la fortuna di poterci "regolare" in base alle diverse esperienze fatte dagli altri Paesi Europei (Spagna, Olanda, Germania, Austria, Grecia etc) e scegliere il sistema migliore (personalmente credo che i cugini tedeschi abbiano la migliore normativa) o le parti migliori delle varie esperienze.
:D


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab giu 07, 2008 23:47 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Il dibattito è ripreso in questi giorni, purtroppo pare si vada ancora una volta nella direzione sbagliata, colpevolizzando prostitute, la solita soluzione repressiva ke, eludendolo, non affronta il fenomeno


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Prostituzione
MessaggioInviato: sab giu 14, 2008 18:28 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 848
Davide_da_Pisa ha scritto:
...
Rendere la prostituzione illegale non serve a diminuire la tendenza umana ad usufruirne... anzi.
Regolarizzazione della prostituzione è la soluzione, con repressione durissima del fenomeno abusivo!
Per rendere possibile ciò avremmo bisogno di uno stato laico e meno ipocrita...

Almeno un tentativo, serio, andrebbe fatto


infatti... quali che siano l'opinione comune e le credenze popolari... in Italia non è affatto illegale prostituirsi... è illegale lo sfruttamento (questo dice la Legge Merlin e sollecitano le direttive ONU)

Quel che si vuol fare ora è un abominio... considerare chi si prostituisce un delinquente ed al contempo permettere l'esercizio del reato... magari anche lucrandoci sopra... solo delle menti malate possono arrivare a tanto...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar giu 24, 2008 16:38 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Un mito da sfatare: La Leggenda Metropolitana di Don Benzi
http://jonathanx.altervista.org/leggend ... meset.html


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Prostituzione
MessaggioInviato: mar lug 08, 2008 00:28 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 161
Davide_da_Pisa ha scritto:
Conosciamo tutti la situazione. Belle ragazze ai bordi delle strade, poco vestite, spesso clandestine, a volte minorenni. Poi c'è il fenomeno più discreto ed invisibile, quello degli annunci sui giornali e dei night; di sicuro tutto illegale.
Moltissimi ci vanno, si stima circa 35 milioni di prestazioni l'anno e un giro d'affari superiore al miliardo di €.
Quello della prostituzione è un mercato florido che esiste da centinaia d'anni.
Lasciarlo nelle mani della criminalità è sbagliato.
Tutelare lavoratrici e clienti dovrebbe essere nell'interesse dello Stato.
I proventi di quel mercato sono ingenti, inoltre si consentirebbero controlli sanitari.
Ed il cittadino che non approva dovrebbe, dal canto suo, impegnarsi un po' di più ad accettare diversità di concepire l'esistenza.

Rendere la prostituzione illegale non serve a diminuire la tendenza umana ad usufruirne... anzi.
Regolarizzazione della prostituzione è la soluzione, con repressione durissima del fenomeno abusivo!
Per rendere possibile ciò avremmo bisogno di uno stato laico e meno ipocrita...

Almeno un tentativo, serio, andrebbe fatto


Non mi trovo d’accodo con le tue considerazioni.

1. Il fatto che la prostituzione sia il mestiere più antico del mondo non giustifica affatto secondo me il doverla mantenere, semmai dà il senso di quanto sia “antico” lo sfruttamento dell’uomo sulla donna

2. non capisco perché ci sia una sorta di timidezza a dire che il fenomeno si riduce sensibilmente se ad essere colpito è il cliente (vedi Rimini) e quindi a proporre leggi coerenti con questa valutazione

3. sono contraria a che venga regolarizzato questo mercato della carne come fosse un lavoro”normale” perché non considero il prostituirsi un diritto. Credo infatti che la società debba esprimere dei valori e come è vietata la commercializzazione degli altri organi del corpo, credo che si debba vietare anche la vendita temporanea degli organi.

4. quando il movimento femminista ha affrontato il problema del rapporto della donna con il proprio corpo (ricordi lo slogan il corpo è mio e lo gestisco io?) ed ha lanciato la pratica dell’autovisita, la riappropriazione del proprio corpo voleva significare la possibilità per le donne di riscattarsi dallo sfruttamento che l’uomo faceva sulla donna partendo dalla propria sessualità. Nessuno intendeva sbandierare la prostituzione come diritto o conquista, né auspicava la formazione di sindacati a difesa della prostituzione e di chi la esercita.

5. Quando ascolto alcune donne pronte a voler regolamentare questa mortificazione dell’essere umano mi sembra che stiamo perdendo i riferimenti civili e culturali della nostra società e tornando indietro sulle nostre conquiste. :roll:


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2008 22:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 74
Legalizzazione e criminalizzazione: il duello Olanda-Svezia
http://jonathanx.altervista.org/estero/ ... meset.html


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 20 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010