Oggi è mar lug 17, 2018 17:07 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: lun mar 31, 2008 16:06 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
marcelcachin ha scritto:
l'on.le binetti rappresenta chi l'ha votata poi nel contesto del parlamento certo e' lei che assieme agli altri rappresenta l'intero popolo.


la nostra costituzione dice invece l'esatto contrario:
Codice:
Art. 67.

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.


marcelcachin ha scritto:
sarebbe auspicabile che tutti superiamo questo ''trauma '' che si chiama chiesa e la sua vecchia capacita' di incicedere sulle scelte ...non siamo tutti delle pecore.


men che meno (si spera) la nostra classe politica, la quale, in teoria, dovrebbe rappresentare e di conseguenza tutelare tutti i cittadini italiani.

marcelcachin ha scritto:
Ammesso che si vincano le elezioni: chi ha idea del modus operandi che potra' assumere il PD, con tante anime diverse, se fin da ora iniziano a spuntare, qua' e la', i lunghi cortelli?


hai centrato il problema: in teoria, indipendentemente dagli indirizzi politici dei vari schieramenti, sulla grande questione dei diritti civili dovrebbe prevalere un principio di tutela generale delle minoranze bipartisan.
Purtroppo temo che, indipendentemente da chi vincerà, si finirà ancora una volta per difendere con unghie e denti i propri orticelli elettorali.
In barba al progresso del nostro Paese.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: mar apr 01, 2008 13:57 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
percomelavedoio ha scritto:
marcelcachin ha scritto:
l'on.le binetti rappresenta chi l'ha votata poi nel contesto del parlamento certo e' lei che assieme agli altri rappresenta l'intero popolo.


la nostra costituzione dice invece l'esatto contrario:
Codice:
Art. 67.

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.


distinguo fra nazione e popolo: non crede tra questi due valori ci sia una differenza?
nazione: e' L'UNITA' nel senso lato
popolo: e' l'INDIVIDUO quindi piu' INDIVIDUI
che ne pensa?


marcelcachin ha scritto:
sarebbe auspicabile che tutti superiamo questo ''trauma '' che si chiama chiesa e la sua vecchia capacita' di incicedere sulle scelte ...non siamo tutti delle pecore.


men che meno (si spera) la nostra classe politica, la quale, in teoria, dovrebbe rappresentare e di conseguenza tutelare tutti i cittadini italiani.

marcelcachin ha scritto:
Ammesso che si vincano le elezioni: chi ha idea del modus operandi che potra' assumere il PD, con tante anime diverse, se fin da ora iniziano a spuntare, qua' e la', i lunghi cortelli?


hai centrato il problema: in teoria, indipendentemente dagli indirizzi politici dei vari schieramenti, sulla grande questione dei diritti civili dovrebbe prevalere un principio di tutela generale delle minoranze bipartisan.
Purtroppo temo che, indipendentemente da chi vincerà, si finirà ancora una volta per difendere con unghie e denti i propri orticelli elettorali.
In barba al progresso del nostro Paese.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: mar apr 01, 2008 16:52 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
marcelcachin ha scritto:
distinguo fra nazione e popolo: non crede tra questi due valori ci sia una differenza?
nazione: e' L'UNITA' nel senso lato
popolo: e' l'INDIVIDUO quindi piu' INDIVIDUI
che ne pensa?


naturalmente penso vi sia distinzione tra popolo e nazione.
sicuramente tale distinzione è più complessa della schematizzazione fatta (del resto la letteratura in materia è pressocchè sconfinata), che però ne riassume, a grandi linee, il concetto.
tuttavia, nel riferirmi al popolo italiano io intendevo proprio attenermi al concetto di popolo inteso nella sua accezione unitaria ed universale, ossia la totalità degli individui appartenenti alla stessa nazione, l'Italia.
Che peraltro è la stessa interpretazione data dalla dottrina al concetto di nazione contenuto nell'art. 67 della costituzione.
Cito a supporto un breve passo tratto dall'opera del prof. Salvatore Curreri, "Democrazia e rappresentanza politica", a proposito dell'art. 67, che forse può aiutare a comprendere meglio il mio pensiero:
Codice:
La dottrina quasi unanime, pur non disconoscendo il ruolo fondamentale svolto dai partiti come strumento attraverso cui i cittadini esercitano in modo permanente la propria sovranità nelle moderne democrazie, continua a considerare la libertà di mandato del parlamentare un principio fondamentale e, in ultima analisi, preminente. Solo svincolandosi dalle istruzioni particolari che gli provengono dagli elettori e dal partito d'appartenenza il parlamentare sarebbe in grado di rappresentare gli interessi generali e supremi della Nazione, cioè dell'intera collettività.

Quello che mi premeva sottolineare quindi è che talvolta l'on. Binetti, in difesa della morale cattolica, applica questo principio per soddisfare le esigenze di una sola parte del Paese, quando invece la costituzione sancisce chiaramente che tale libertà vada esplicata nell'interesse della nazione intera, di cui Ella è rappresentante.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: mer apr 02, 2008 13:42 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
percomelavedoio ha scritto:
marcelcachin ha scritto:
distinguo fra nazione e popolo: non crede tra questi due valori ci sia una differenza?
nazione: e' L'UNITA' nel senso lato
popolo: e' l'INDIVIDUO quindi piu' INDIVIDUI
che ne pensa?


naturalmente penso vi sia distinzione tra popolo e nazione.
sicuramente tale distinzione è più complessa della schematizzazione fatta (del resto la letteratura in materia è pressocchè sconfinata), che però ne riassume, a grandi linee, il concetto.
tuttavia, nel riferirmi al popolo italiano io intendevo proprio attenermi al concetto di popolo inteso nella sua accezione unitaria ed universale, ossia la totalità degli individui appartenenti alla stessa nazione, l'Italia.
Che peraltro è la stessa interpretazione data dalla dottrina al concetto di nazione contenuto nell'art. 67 della costituzione.
Cito a supporto un breve passo tratto dall'opera del prof. Salvatore Curreri, "Democrazia e rappresentanza politica", a proposito dell'art. 67, che forse può aiutare a comprendere meglio il mio pensiero:
Codice:
La dottrina quasi unanime, pur non disconoscendo il ruolo fondamentale svolto dai partiti come strumento attraverso cui i cittadini esercitano in modo permanente la propria sovranità nelle moderne democrazie, continua a considerare la libertà di mandato del parlamentare un principio fondamentale e, in ultima analisi, preminente. Solo svincolandosi dalle istruzioni particolari che gli provengono dagli elettori e dal partito d'appartenenza il parlamentare sarebbe in grado di rappresentare gli interessi generali e supremi della Nazione, cioè dell'intera collettività.

Quello che mi premeva sottolineare quindi è che talvolta l'on. Binetti, in difesa della morale cattolica, applica questo principio per soddisfare le esigenze di una sola parte del Paese, quando invece la costituzione sancisce chiaramente che tale libertà vada esplicata nell'interesse della nazione intera, di cui Ella è rappresentante.



il prof curreri ha utilizzato un termine che la dice lunga '' lo svincolo da....''
una necessita' che e' virtu'.
per il resto concordo perfettamente.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: gio apr 03, 2008 15:50 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
[visto che siamo nei DIRITTI UNIVERSALI non possiamo non leggere e rifletterci su:
''Dilaga nel web la campagna di boicottaggio all'artista costaricano Guillermo Habacuc Vargas.''
articolo su il corriere della sera - cane lasciato morire come opera d'arte..... con tanto di visitatori
che indiferenti guardano.

QUI' SIAMO NEL CAMPO DELL'ABERRAZIONE OVVERO DELL'OPPOSTO ALLA SANITA' MENTALE.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: gio apr 03, 2008 19:59 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
marcelcachin ha scritto:
una necessita' che e' virtu'.


una necessità che dovrebbe essere virtù in quanto costituzionalmente sancita e tutelata.
ultimamente, e non solo nel caso dell'onorevole Binetti, osservo nel Parlamento italiano un tendenza sempre più diffusa a giustificare con la libertà dal vincolo di mandato le posizioni più illiberali ed antidemocratiche, e non solo sui temi etici.
esempi?
- fecondazione assistita
- i diritti civili degli omosessuali
- aborto
- eutanasia
- droga
- immigrazione
- prostituzione
- riforma del sistema carcerario
tutte le volte che su questi temi si invoca la libertà di coscienza del singolo parlamentare (o peggio ancora si fa ostruzionismo esplicito), viene meno il sacrosanto principio secondo cui il Parlamento ha il dovere, in primis, di promuovere e tutelare i diritti di tutti i cittadini, per il bene del Paese.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: gio apr 03, 2008 20:06 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 77
marcelcachin ha scritto:
QUI' SIAMO NEL CAMPO DELL'ABERRAZIONE OVVERO DELL'OPPOSTO ALLA SANITA' MENTALE.


mi chiedo come abbiano potuto consentirgli tutto ciò.
qui siamo oltre la pazzia di un singolo personaggio: siamo al delirio di massa...
:evil: :evil: :evil:


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: binetti si no
MessaggioInviato: mar apr 15, 2008 16:30 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 27
sapevamo di non farcela, ma la delusione la sento.
sentivo i discorsi della gente: prodi ci ha ridotti a rovistare nei cassonetti; prodi ci svende anche l'alitalia, troppe tasse prodi doveva diminuirle e invece...;.... e mille altri discorsi tutti uguali, hai voglia di tentare di spiegare ti guardano come se venissi da marte.
io sono proccupato molto preoccupato, hanno promesso una pulizia generale: via le intercettazioni, via anche la resistenza..... poi faranno anche un monumento a mangano come eroe nazionale... siamo preparati ad affrontare tutto questo? lo vogliamo fare per davvero?
e poi vaglielo a spiegare alla binetti i diritti delle persone.....


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: binetti si no
MessaggioInviato: gio apr 17, 2008 15:36 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
papopapo ha scritto:
sapevamo di non farcela, ma la delusione la sento.
sentivo i discorsi della gente: prodi ci ha ridotti a rovistare nei cassonetti; prodi ci svende anche l'alitalia, troppe tasse prodi doveva diminuirle e invece...;.... e mille altri discorsi tutti uguali, hai voglia di tentare di spiegare ti guardano come se venissi da marte.
io sono proccupato molto preoccupato, hanno promesso una pulizia generale: via le intercettazioni, via anche la resistenza..... poi faranno anche un monumento a mangano come eroe nazionale... siamo preparati ad affrontare tutto questo? lo vogliamo fare per davvero?
e poi vaglielo a spiegare alla binetti i diritti delle persone.....



il governo prodi ha commesso due grandi errori:
la prima finanziaria e' stata troppo dura e i sigg visco e bersani e padoa s. dovrebbero avere qualche scrupolo.
il secondo aver sconquassato un sistema che aveva
bisogno di essere cambiato un po' per volta e non
immediatamente e tutto come la sinistra radicale imponeva.

fuori dall'errore , una non meglio politica nei confronti delle aziende ( ovvero i padroni) che sempre su spinta della sinistra radicale sono stati
da subito additati come i ''negrieri'' italiani.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: binetti si no
MessaggioInviato: gio apr 17, 2008 16:08 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 27
caro marcelcachin, ci troviamo abbastanza d'accordo sull'analisi degli errori fatti, il governo prodi è stato troppo debole nella risposta ai problemi del paese, ma va dato atto che il risanamento dei conti pubblici c'è stato, manon è stato recepito dal paese, passi che la destra abbia lavorato per non farlo capire ma la sx radicale ha sbagliato in pieno ed e emerso il lato negativo dell' opera di padoa schioppa
su bersani io direi invece ch'è stato troppo lento nelle lenzuolate, quelle piccole riforme a costo 0 stavano dando ossigeno al paese, non a caso proprio la destra ha cavalcato la protesta di chi vedeva rosicchiati i propri privilegi, destra notoriamente iiliberale al contrario delle destre europee; e non a caso il B.si ritrova con loro essendo il primo iiliberale quando questo comporta mettere in discussione i suoi privilegi
resta ora l'eterno che fare?


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010