Oggi è ven nov 24, 2017 15:15 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Incendio in un campo rom, muore bimbo di quattro anni
MessaggioInviato: lun nov 19, 2007 11:33 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
[color=darkblue]Quattro feriti due ragazzi e due bambini

BOLOGNA

Un bimbo di etnia Rom è morto e altri quattro tra bambini e ragazzi sono rimasti feriti nell’incendio scoppiato prima dell’alba in un insediamento abusivo in via del Triumvirato a Borgo Panigale, periferia ovest di Bologna, nei pressi dell’aeroporto Guglielmo Marconi.

L’allarme al 118 è arrivato attorno alle cinque e mezzo. I soccorritori hanno dovuto constatare il decesso di un bimbo di quattro anni. Tra i quattro feriti due sono ragazzi e due sono bambini e uno di questi sarebbe gravissimo. Sono stati tutti ricoverati al vicino ospedale Maggiore.[/b]

Oltre a fare i decreti per le espulsioni (ben vengano se serve a liberarsi dei delinquenti) non ci sarebbe anche il dovere di impedire condizioni di vita cosi' mostruose? Se proprio non vi sono soldi (ma stento a crederlo, guardando a come si tratta la casta), perche' non si accede ai fondi UE?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: NO ALLE BARACCHE!
MessaggioInviato: mar nov 20, 2007 12:44 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 129
Di sicuro il problema e' rimuovere le baracche...
falso.

Attualmente se si distruggono le baracche (misura populistica e televisiva) non si risolve nulla.

Anche perché dove abiteranno le centinaia di baraccanti??

Centri di accoglienza? CPT? Parrocchie? Fino a che limite?

Fino a che limite i sindaci ed uno stato incompetenti saranno tollerati?

Saluti e auguri,

Luca Silvestrini


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: NO ALLE BARACCHE!
MessaggioInviato: mar nov 20, 2007 16:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
luca1984 ha scritto:
Di sicuro il problema e' rimuovere le baracche...
falso.

Attualmente se si distruggono le baracche (misura populistica e televisiva) non si risolve nulla.

Anche perché dove abiteranno le centinaia di baraccanti??

Centri di accoglienza? CPT? Parrocchie? Fino a che limite?

Fino a che limite i sindaci ed uno stato incompetenti saranno tollerati?

Saluti e auguri,

Luca Silvestrini


Non so se il problema e' rimuovere le baracche.

Quello di cui son sicuro e' che lasciar vivere delle persone, e soprattutto dei bambini, in simili condizioni e' da paese incivile.

Se poi lo si fa' in nome di una falsa tolleranza e' anche da paese di ipocriti.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: E IN NOME DI UNA TOLLEREANZA VERA, CRISTIANA?
MessaggioInviato: mar nov 20, 2007 17:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 129
E IN NOME DI UNA TOLLEREANZA VERA, CRISTIANA?

anche gesú (si narra) nacque in una grotta e crebbe in una famiglia molto semplice, se non in una baracca certo non in un palazzo climatizzato.

E cosí (o quasi) la stragrande maggioranza dei contadini (e ricordo a tutti che l'umanita' fino a 3 secoli fa era al 99% contadina, e lo era da 12000 anni) fino all'era industriale.

Tolleriamo cristianamente, dunque, anche la povertá.

Nessuno in Italia muore di fame, per fortuna.
Inoltre, dobbiamo smetterla di pensare da borghese e riappropriarci della povera saggezza contadina, che non vede falsita' e mancanza di diritti nella baracca (o capanna) ma vi vede amore e rispetto e diritti e doveri. La povertá, insomma, va vista come una virtú da ricercare piuttosto che come un peccato da rifuggere.

Detto questo, che tra le baracche serpeggi (IN MINIMA PERCENTUALE) anche la criminalita' (droghe, prostitute, armi) e' innegabile.

Ma e' su questo che, a mio avviso, si dovrebbe concentrare l'indignazione.
Non sul reddito.
In italia i veri criminali (i mafiosi intendo) vanno dal Dott. Berlusconi in giú. Intere famiglie che controllano intere cittá (se va bene interi quartieri e quartierini di grandi cittá).

Nessuno si meravigli se il povero Coppola e' in coma.
Lui e' il vero miserabile.
Non il baraccante.

Saluti e auguri,

Luca Silvestrini


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: E IN NOME DI UNA TOLLEREANZA VERA, CRISTIANA?
MessaggioInviato: mar nov 20, 2007 21:05 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
luca1984 ha scritto:
E IN NOME DI UNA TOLLEREANZA VERA, CRISTIANA?

anche gesú (si narra) nacque in una grotta e crebbe in una famiglia molto semplice, se non in una baracca certo non in un palazzo climatizzato.

................

La povertá, insomma, va vista come una virtú da ricercare piuttosto che come un peccato da rifuggere.



Ognuno puo' pensarla come vuole. Anche sostenere tesi sado-masochiste tipiche di un certo cristanesimo.

Io parlo dello Stato. E le favelas sono tipiche degli stati sudamericani, dove ci sara' anche un alto tasso di cattolicesimo, ma che io non considero modelli da imitare.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab nov 24, 2007 23:55 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
[color=darkblue]BOLOGNA - Una cerimonia semplice e raccolta ha dato l'ultimo saluto al piccolo Florin, il bambino romeno di quattro anni morto all'alba di lunedì a Bologna, in un incendio nella baracca dove abitava con i genitori e i due fratellini, rimasti gravemente feriti nel rogo. I funerali si sono tenuti in via Triumvirato, vicino al fiume Reno alla periferia ovest della città, sul luogo dove il bimbo ha perso la vita.

"Una disgrazia figlia della precarietà e della diffidenza - ha detto il parroco della chiesa romeno-ortodossa. "Non siamo tutti innocenti, ma sono migliaia i romeni onesti e li accomuna la sofferenza. E' ora di ricostruire la convivenza aiutando i rom e gli immigrati a inserirsi, e i cittadini italiani a vincere le paure". Dopo le parole del parroco, un cittadino bolognese si è autodenunciato al microfono: "E' troppo facile ora chiedere perdono, devo portare questo magone che ho dentro di me perché devo smettere di sfruttare persone, che lavorano come camerieri, muratori, senza chiedermi dove dormono". [/b]
(24 novembre 2007)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: NON CERCATE LA DOXA
MessaggioInviato: dom nov 25, 2007 02:06 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 129
Oh amici,
non cercate la doxa a tutti i costi.
Ogni tanto, confrontatevi con l'episteme, Dio, con la natura.
Nella natura c'è un equilibrio (che l'uomo industrializzante ha violato).
Se non ci fosse il ricco, come potrebbe esserci il misero?

In media stat virtus...

Vi invito a leggere i Vangeli. Non vi sono (LI') tanti cristianesimi, ma solo un messaggio di pace ottenuta attraverso la liberazione dal danaro.

Auguri,

Luca Silvestrini


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Ottimo consiglio...
MessaggioInviato: dom nov 25, 2007 11:37 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
""Vi invito a leggere i Vangeli.""


luca1984,

grazie è un ottimo consiglio.

Nel rapporto tra libri e l'uomo non ne può venire che il bene... se non intervengono altri che li usano come clave per dividerci e dominarci. (Anche censurandoli e bruciandoli).

ciaooooooo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: NON CERCATE LA DOXA
MessaggioInviato: dom nov 25, 2007 15:54 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
luca1984 ha scritto:
Oh amici,
non cercate la doxa a tutti i costi.
Ogni tanto, confrontatevi con l'episteme, Dio, con la natura.


Scrisse san Paolo nella prima lettera ai Corinzi: "se qualcuno di voi si crede sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente; perche' la sapienza di questo mondo e' stoltezza davanti a Dio".
Se questa e' la vostra concezione di episteme tenetevela pure. Ma forse volete solo prenderci in giro!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: PAOLO AVEVA RAGIONE
MessaggioInviato: lun nov 26, 2007 18:16 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 129
Paolo di Tarso (e con lui buona parte della tradizione induista, per esempio) aveva ragione:
tantissimi filosofi (anche occidentali, vedi Platone) hanno capito che il nostro mondo è illusorio.
C'è dell'altro.
Molto altro.
Scopritelo dentro di voi, ricordate il vostro passato, per intravedere il vostro futuro.


"Devi diventare colui che sei"
F. Nietsche.


Saluti e auguri,

Luca Silvestrini


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: PAOLO AVEVA RAGIONE
MessaggioInviato: lun nov 26, 2007 22:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6306
luca1984 ha scritto:
Paolo di Tarso (e con lui buona parte della tradizione induista, per esempio) aveva ragione:
tantissimi filosofi (anche occidentali, vedi Platone) hanno capito che il nostro mondo è illusorio.
C'è dell'altro.
Molto altro.


Gia', ma grazie a quest'altro, Galileo Galilei e' stato costretto ad abiurare, Giordano Bruno e' stato messo al rogo, autori come Francesco Bacone, Honoré de Balzac, Cartesio, Immanuel Kant, Jean-Jacques Rousseau, Spinoza, Stendhal, Voltaire ecc. sono stati messi all'indice (soppresso solo nel 1966!).

No grazie, tenetevi anche questo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: TROPPO SEMPLICISTICO!
MessaggioInviato: lun nov 26, 2007 23:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 129
Troppo semplicistico!

Luca Silvestrini


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010