Oggi è gio nov 23, 2017 20:14 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Una legge per tutte le famiglie
MessaggioInviato: gio nov 01, 2007 18:47 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 3
Una legge per tutte le famiglie: in democrazia non c’è altra scelta. La pluralità dei modelli familiari in Emilia Romagna è realtà da molti anni e le politiche sociali ne hanno preso atto in fretta. Fece un gran discutere, nel 1992, la decisione del Comune di Bologna di aprire le case popolari alle coppie di fatto, principio che oggi è norma in tutta la regione. Dal 1999 le famiglie fondate sull’affetto possono richiedere al Comune di Bologna un attestato anagrafico che ne certifichi la convivenza, per questo o altri usi. Lo Statuto regionale ha riconosciuto la funzione di tutte le formazioni sociali oltre che lo specifico ruolo della famiglia. Ci si aspettava perciò che il progetto di legge sulle famiglie presentato un paio di giorni fa da alcuni consiglieri regionali Dl e Ds partisse da questi risultati acquisiti per gli interventi della Regione.

Le misure proposte andrebbero nella direzione, giusta e condivisibile, di rafforzare le reti di relazione in una regione in trasformazione: sostegno alla genitorialità e alle funzioni educative e di cura, ampliamento dell’accesso ai servizi, valorizzazione dell’associazionismo, armonizzazione delle esigenze lavorative con i tempi di cura, supporto ai minori, agli anziani, alle famiglie immigrate.

Ma la proposta manca clamorosamente il bersaglio nell’indicare chi saranno i destinatari degli interventi previsti. L’articolo 1, infatti, restringe il campo alla famiglia (“come inteso dalla costituzione”, si legge in premessa) e alle altre “relazioni familiari normativamente riconosciute”. A qualcuno deve essere sfuggito che in Italia non esiste nessun riconoscimento normativo per le coppie non sposate: restringere gli interventi a questo campo significa di fatto tagliare fuori da subito e per la prima volta la complessa realtà delle coppie di fatto, (eterosessuali ed omosessuali) dalle politiche sociali della Regione. Questo in contraddizione con la Carta di Nizza e con lo stesso Statuto regionale, a cui pure si dichiara di fare riferimento. Lo stesso ripetuto riferimento alle “relazioni fra i generi” sembra voler tagliare fuori le coppie dello stesso sesso.

Con quelle premesse il valore positivo della proposta si ribalterebbe in uno schiaffo all’uguaglianza dei cittadini e rappresenterebbe un arretramento di alcuni decenni. Tutte le famiglie emiliano-romagnole, comprese quelle omosessuali, potrebbero avere giovamento dalle misure previste da quel progetto di legge. Si faccia chiarezza sull’universalità dei destinatari per non venir meno al compito, difficile ma necessario, che sta di fronte a tutti e tutte noi che stiamo dando vita al Partito democratico: tradurre i valori di ognuno in proposte concrete fondate sulla laicità. In una democrazia pluralista – come ha sottolineato Walter Veltroni al Lingotto – non c’è altra scelta.

Sergio Lo Giudice
Consigliere comunale Bologna
Componente dell’Assemblea Costituente nazionale del PD

da la Repubblica Bologna , 1.11.2007


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Una legge per tutte le famiglie
MessaggioInviato: ven nov 02, 2007 01:16 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
Sergio Lo Giudice ha scritto:

Sergio Lo Giudice
Consigliere comunale Bologna
Componente dell’Assemblea Costituente nazionale del PD

da la Repubblica Bologna , 1.11.2007


Visto che lei è un componente della Costituente nazionale del PD, si impegni in prima persona per far inserire nella futura "carta costituzionale" del PD come uno dei princìpi cardine, la difesa e la promozione della laicità dello stato.

Se poi si potesse anche inserire un altro punto cardine, cioè quello di poter essere rappresentato nei vari livelli di rappresentanza politica (dal locale al nazionale) da persone senza precedenti penali "non consoni" per un rappresentante che fa politica, i sostenitori del PD ne sarebbero ancora più contenti ed orgogliosi di aver contribuito alla nascita di questo nuovo partito.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven nov 02, 2007 11:01 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 3
Caro Perrynic, è quello che cercherò di fare. So di non essere da solo a volere un partito autenticamnete laico e veramente rinnovato nella modalità di selezione dei gruppi dirigenti. Sarà una bella fatica, ma se ognuno farà la sua parte potremo costruire uno strumento democratico che aiuti a promuovere i diritti di cittadinanza di tutte e tutti.
Sergio Lo Giudice


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010