Oggi è mar dic 12, 2017 04:43 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: il voto agli emigrati
MessaggioInviato: mar set 02, 2008 13:34 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
mi ha colpito la grande attenzione che e' stata data alla richiesta di far votare alle amministrative gli immigrati in regola. ora dobbiamo riflettere che tra mille problemi che abbiamo e' proprio utile gettare sul tavolo delle necessita' questo impellente problema?
sinceramente a volte mi sento a disagio con le scelte e proposte del pd perche' non sono coerenti con i bisogni sociali che tutti noi affrontiamo giorno per giorno. il pd e' ancora un partito che si perde sulle questioni
che potrebbero essere valide nel futuro , ora e' il momento di rafforzare la base con dimostrazioni e coerenze politiche, cioe' per chi non lo abbia ancora capito: meso esterofilismo e piu' fatti interni, altrimenti il voto a chi lo chiederemo agli immigrati?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar set 02, 2008 15:45 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
"""... il voto a chi lo chiederemo agli immigrati?"""


Anche!

Non perchè ci può far comodo ma perchè dopo aver pagate le tasse e lavorato per aziende italiane, aver rispettato le nostre leggi è un diritto che va loro riconosciuto.

Se non il PD chi lo deve pretendere?

ciaooooooooooooo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer set 03, 2008 15:38 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
Arlecchino ha scritto:
"""... il voto a chi lo chiederemo agli immigrati?"""


Anche!

Non perchè ci può far comodo ma perchè dopo aver pagate le tasse e lavorato per aziende italiane, aver rispettato le nostre leggi è un diritto che va loro riconosciuto.

Se non il PD chi lo deve pretendere?

ciaooooooooooooo


ho rivisto mentalmente la storia dei nostri emigranti....beh! non e' stato cosi' facile per loro. cio' non vuol dire nulla, ma riflettendo non ritengo
sia cosa utile e cosi' urgente. mi sconcerta il riflesso sociale del nostro
assoluto 'buonismo' . non farebbe bene alla sinistra ogni tanto essere anche 'cattiva'?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer set 03, 2008 17:32 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
""Non farebbe bene alla sinistra ogni tanto essere anche 'cattiva'?""


Senza (per ora) arrivare alle barricate... SI!

ciaoooooooooooooo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio set 04, 2008 15:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
Arlecchino ha scritto:
""Non farebbe bene alla sinistra ogni tanto essere anche 'cattiva'?""


Senza (per ora) arrivare alle barricate... SI!

ciaoooooooooooooo



la ' cattiveria ' dovrebbe essere la componente un po' egoista che metta da parte esterofila per quella interna e una volta tanto utilizzarla per ridefinire la nostra societa' per cio' che e' e non per cio' che ostenta.
troppe persone si sentono fortemente avvinte all'estetismo del buonismo salvo poi , in privato, affermare il contrario. brutta abitudine italiana!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Integrazione con priorità
MessaggioInviato: lun set 08, 2008 09:58 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
8/9/2008

Integrazione con priorità



MARIO MARAZZITI

L’assoluzione europea per il censimento dei rom è una buona notizia. Un atto dovuto dopo gli opportuni aggiustamenti del ministro dell’Interno e qualche passo falso degli inizi, quando circolava persino un modulo che registrava anche etnia e religione. Ci si è arrivati dopo che forze sociali radicate in Italia e a conoscenza dei problemi hanno segnalato gli eccessi, indicato alternative, hanno collaborato con prefetti e istituzioni, e il governo ha accentuato l’angolatura sociale del provvedimento. È un metodo utile anche per il futuro. Per uscire da un allarme sicurezza delle grandi città che in Italia è oggettivamente meno grave che in gran parte d’Europa e del mondo e che, semmai, ha le terribili caratteristiche della criminalità organizzata o della criminalità da stadio, che creano terre di nessuno, che si vuole strappare al controllo dello Stato.

Dopo le buone notizie occorre lavorare. E per i rom, naturalmente, l’unica soluzione - anche visti i piccoli numeri - è quella dell’integrazione scolastica di tutti i minori, borse di studio per ridurre i rischi di evasione scolastica, ingressi protetti, per alcuni, nel mondo del lavoro, un luogo decente dove vivere per tutti, monitoraggio costante dei servizi sociali, repressione del crimine su base delle responsabilità individuali e mai «di gruppo», una carta di soggiorno per motivi umanitari o l’avvio della pratica per il riconoscimento, europeo, dello status di apolide, per quel circa 30 per cento di rom in Italia che sono ex jugoslavi, più i loro figli e i figli dei loro figli. Alcune decine di migliaia di persone che «non esistono», che non possono essere espulse perché gli Stati della ex Jugoslavia non li riconoscono più, che non sono italiani anche se sono quasi tutti nati in Italia, da due generazioni, tutti giovanissimi o ragazzini che non possono lavorare ma solo ogni tanto essere fermati, portati a un Cpt e poi mandati via con un decreto di espulsione che non potrà mai essere eseguito (succede da vent’anni in un gioco dell’oca che crea assurdità e devianza, oltre che costi e condizioni di vita subumane).

C’è poi il resto del problema. Il diritto di voto agli immigrati per le amministrative, lanciato da Veltroni, non respinto da Fini, «fuori dal programma» e non priorità per La Russa e altri, fermato dal presidente Berlusconi, osteggiato dalla Lega e da Di Pietro. Ma è solo una parte del problema vero. Che è l’integrazione degli immigrati: un interesse nazionale profondo, qualunque sia il programma elettorale, indipendentemente da considerazioni umanitarie. È normale che non scatti un coro di sì a una proposta del leader dell’opposizione. Anche se è sensata, se ricalca quella lanciata anni fa dal leader di An. Certo, «in Parlamento (forse) non ci sono i numeri», e «il voto da solo non significa integrazione». Si poteva fare crescere la proposta nella società civile e creare uno schieramento largo per affermarla in Parlamento.

Ma comunque sia partita, la questione dell’integrazione sociale è una questione vera. Tra gli immigrati regolari e stabili il tasso di delittuosità è identico a quello degli italiani, circa il 6 per cento, mentre è molto più alto tra quelli irregolari e instabili. È la marginalità che crea devianza e non la nazionalità o l’etnia. Lombroso pensava che gli zingari commettevano reati perché «dolicocefali» (e quindi erano incolpevoli), noi per fortuna no. All’inizio del secolo gli italiani a New York compivano quasi il 50 per cento degli omicidi anche se erano meno del 5 per cento della popolazione. Era colpa della marginalità, non di cultura o Dna. Il presidente della Camera ha indicato alcuni criteri per il rilascio di un diritto che è riconosciuto in altri Paesi europei: che parlino italiano, abbiano un lavoro, siano stabili, paghino le tasse. Tutto questo avviene da tempo, visto che è già necessario per ottenere i difficili permessi di soggiorno di lunga durata.

Nel 2005 tre milioni di immigrati regolari hanno fatto dichiarazioni dei redditi per oltre 21 miliardi e hanno versato 1,87 miliardi con 2,2 milioni di dichiarazioni dei redditi. Pagano le tasse, ne pagano tante, con meno evasione degli italiani. Un quinto delle dichiarazioni sono in Lombardia, un altro quinto tra Veneto e Lazio. Ce lo dice l’Agenzia delle entrate. Da anni la crescita in Italia sarebbe sotto lo zero. In molte aree i romeni rappresentano il 50 per cento dell’edilizia. Si potrebbe continuare con l’agricoltura, i prodotti «doc». Più di 700 mila italiani in tre giorni hanno richiesto un lavoratore immigrato, quando è stata aperta la quota di 170 mila.

A scuola nel 2007-08 sono iscritti 574.133 alunni «non italiani», praticamente uno su 15. Ma più di uno su tre di tutti «gli stranieri» sono in realtà bambini e ragazzi nati in Italia da immigrati. La via all’integrazione passa per un cambiamento rapido della legge sulla cittadinanza, dal diritto di sangue al diritto di suolo. Da due legislature c’è una proposta in Parlamento che ha raccolto consensi dei due schieramenti alle proposte fatte dalla Comunità di Sant’Egidio. Perché non conviene a nessuno tenere ai margini un’intera generazione di giovani che è invece una generazione-ponte.

Un Parlamento e una classe dirigente intelligenti, che non guardino solo a se stessi, possono rilevare che quello che non sembrava una priorità, lo è. Nessuno perde la faccia quando si fa una cosa giusta, anzi necessaria, che andava già fatta prima.


da lastampa.it


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Integrazione con priorità
MessaggioInviato: lun set 08, 2008 15:29 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 75
Arlecchino ha scritto:
8/9/2008

Integrazione con priorità



MARIO MARAZZITI



da lastampa.it



l'art. e' ottimo pero', purtroppo, non convince. io inizio ad utilizzare quel po' di ' cattiveria' e risalgo a Roma e leggo:

-...la concessione della cittadinanza anche agli stranieri cominciò a diventare un problema e una necessità nel momento in cui Roma... , venendo quindi a contatto con popoli che mal sopportavano la serie di privilegi che erano loro negati. Ecco che la concessione della cittadinanza cominciò a diventare anche uno strumento di controllo politico oltre che di potere, giungendo spesso come conquista delle varie popolazioni sottomesse dopo periodi di tensioni e conflitto: è il caso ad esempio della concessione agli italici, cioè gli abitanti dell'Italia propriamente detta e della Gallia Cisalpina, con una lex Iulia a seguito della Guerra Sociale.-

e' chiaro i tempi so cambiati! pero' come allora si ritorna sempre ad un punto di debolezza umana che e' quello di tentare di controllare, di ascoltare,utilizzare ecc. e allora io ridico che e' meglio per tutti condividere la tavola per una sana e pantagruelica mangiata poi ognuno a casa propria ad occuparsi di quanto e' di competenza, certi che se ognuno resta nella legalita' nulla puo' accadere perche' crediamo nella democrazia. o no?


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010