Oggi è ven nov 17, 2017 22:53 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Annuncio: CAMBIAMENTI IN MODERAZIONE
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 17:58 pm 
Care forumiste e cari forumisti,

a seguito della decisione di alcuni membri della moderazione e della redazione di dare vita ad un progetto di forum diverso da forumista.net e autonomo rispetto al progetto del PD, non possiamo che prendere atto della situazione.

Forse sono modi diversi di percorrere la stessa strada, ma siamo giunti ad un bivio e i nostri obiettivi ci portano a strade differenti.

E' nostro obiettivo invece, per quanto ci riguarda, continuare a far parte del processo costitutivo del PD, che consideriamo l'approdo naturale del progetto de L'Ulivo. Come ben sappiamo, questo processo non è privo di difficoltà e di scelte difficili, ma al quale non vogliamo rinunciare. Per noi partecipare alla comunicazione del PD rimane la scelta fondamentale.

A tutti i moderatori e redattori che hanno collaborato con noi negli anni, un ringraziamento per l'importante lavoro svolto.

Ci pare doveroso anticiparvi i primi risultati dell'attività che stiamo svolgendo per riconquistare ai forumDemocratici e a tutti voi un ruolo di voce Democratica non apolide. Abbiamo ascoltato le vostre richieste e i vostri consigli e ce ne faremo portavoce. In questo thread se lo vorrete potrete aggiungerne certi che saranno raccolti.

Stiamo definendo con gli organi dirigenti del Partito Democratico le modalità per una sempre migliore integrazione con il sito del PD.

In una prima fase caratterizzeremo graficamente con il logo del PD i nostri forum che saranno raggiungibili direttamente con link diretto dal sito ufficiale.

A questa prima fase ne seguirà una di maggior collaborazione con il PDNetwork e con i ForumPD. La diversa tipologia di software utilizzato dai due siti non permette una facile integrazione, così come è difficile sovrapporre le particolarità di questi strumenti di comunicazione. I nostri forum saranno però uno degli strumenti di comunicazione del network del PD mantenendo tutte le regole e abitudini storicamente nostre.

Per garantire sia gli utenti sia il PD sulla correttezza della discussione sui forum, di comune accordo con la moderazione, l'amministratore non accettera' il mancato volontario rispetto delle regole condivise e accettate al momento dell'iscrizione. Nel caso di contestazioni di tipo personale e insulti, piu' o meno velati a utenti, moderatori e persone più e meno note, non esiteremo ad intervenire. La libertà della discussione non deve far perdere di vista le regole necessarie per il suo funzionamento.

Intanto ringraziamo i partecipanti al "gruppo di lavoro" da cui ci attendiamo importanti contributi che non mancheremo di condividere con gli altri utenti. Grazie a ciascuno per l'impegno ed il sostegno che non ci avete mai fatto mancare.

Il nuovo gruppo di moderatori.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 18:01 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 4675
Buon lavoro, e grazie per tutto.
Franky® - Vicenza


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 18:03 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 6639
Grazie. Ora il quadro è più chiaro. Deciderò il da farsi.
Ciao.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 21:57 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 499
Scusate...ma ci dite chi sono i nuovi moderatori?
Nel forum non riesco a capirlo... :lol:

Grazie!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 22:01 pm 
Amministratore

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 3862
Davvero?

Pensa che c'è chi si lamenta perchè... siamo "troppo visibili"

ciao
ggiannig (moderatore)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 22:23 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 2602
Mi pare un importante passo in avanti verso la reintegrazione del forum nel luogo più idoneo.
:wink:


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 06, 2008 23:08 pm 
Amministratore

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 3862
Certo era quello che QUI si voleva.

Non ci regalano nulla, abbiamo meritato la fiducia di quei pochissimi che nel PD hanno visto "lungo" e ci hanno dato la possibilità di continuare a vivere anche se in apnea.

Adesso sta a noi... emergere.

ggiannig


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab giu 07, 2008 21:08 pm 
Amministratore

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 3976
Il msg inserito in coda a questo thread da aaaa42 è stato spostato nel cestino dei rifiuti per violazione delle regole del rispetto della persona.

sylvia (mod)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom giu 08, 2008 08:19 am 
Amministratore

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 3976
aaaa42 non ha compreso il msg precedente e ha inserito qui nuovamente il suo precedente cestinato in quanto viola le regole di convivenza civile che dovrebbe conoscere poichè avrebbe dovuto leggerle e accettarle all'iscrizione, prima di incominciare a scrivere.

Inserendo nuovamente qui il suo "contributo" ha così violato un'altra delle nostre regole.

E' pregato di prendere atto e leggere i msg che lo riguardano e attenersi alle sollecitazioni di conformarsi alle predette regole che è altresì invitato a rileggersi.

In caso contrario ci costringerà a salutarlo

sylvia (mod)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun giu 09, 2008 02:26 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 4906
Credo che ci sia da ringraziare i moderatori che hanno svolto un lavoro importantissimo per salvare il patrimonio e lo spirito libertario che ha sempre animato questo forum.

Dato atto di ciò, mi sia permesso di fare una viva raccomandazione.

Vero, verissimo che ci sono delle regole da rispettare e che si sottoscrive di accettare con l'iscrizione.

Inviterei, tuttavia, a ridurre al minimo indispensabile ed estrema ratio il provvedimento di ESPULSIONE dal forum.

Non facciamoci prendere anche noi dalla "violenza" del rigurgito reazionario e antilibertario che sta permeando di sè l'azione di questo governo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Diritto di replica
MessaggioInviato: mer giu 11, 2008 20:09 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 1401
Cari amici,

il fatto che sei moderatori, tra cui chi in tanti anni è stato il responsabile della moderazione stessa, non facciano piu' parte del gruppo di moderazione non è cosa da poco. Un doveroso principio di trasparenza impone spiegazioni pubbliche e per questo con Marco Bloemendal si era convenuto che l'evento andasse spiegato da qualcuno, lasciando pero' anche la possibilità di un (1) diritto di replica in seconda battuta all'altro. Bene quindi ha fatto l'attuale amministrazione a dare il suo annuncio per prima ed ora penso che vorrete leggere con attenzione l'altra campana. Non è mia intenzione iniziare una lunga sequenza di polemiche e contro-risposte per cui spero che illustrate queste spiegazioni non ci saranno ulteriori code che mi/ci inducano a dover replicare di nuovo all'infinito.

Per prima cosa parlo a livello personale, pur sapendo che gli altri ex-moderatori conoscono e condividono cio' che scrivo (ed hanno letto questo mio testo prima del mio inoltro qui).

Desidero ringraziare anche io tutti i forumisti ed il gruppo intero di moderazione e di redazione che ci hanno accompagnato in questi anni. Sono stati anni di grande crescita personale e anche di grande crescita di questo forum, arrivato ad essere, prima dello stacco dal sito dell'Ulivo uno dei maggiori e migliori forum di politica in Italia.

Veniamo al dunque.
Il messaggio a nome “moderatori” che spiega il fatto, parla di una presa d'atto a fronte della decisione di alcuni membri della moderazione e della redazione di dare vita ad un progetto di forum diverso da forumista.net e "autonomo" rispetto al progetto del PD.

Appare doveroso spiegare che questa visione dei fatti mi (ci) appare parziale, incompleta e fuorviante e quindi necessiti della dovuta risposta integrativa.

I motivi che hanno indotto ai primi di giugno gli ex-moderatori ad essere tali infatti risalgono ai primi di aprile, quando il citato progetto di forum non esisteva e non era all'orizzonte. Prima ancora nasce ai primi di marzo, quando c'è stato lo “stacco” dei nostri forum, unito ad un cambio di gestione amministrativa.

Sostanzialmente si tratta da parte mia (e non solo mia) di una marcata presa di distanza da come la moderazione e la nuova amministrazione ha esercitato il suo compito in questi mesi di “stacco” dal sito ufficiale e soprattutto del fatto che da quel periodo si è cessato di discutere collegialmente dei casi di moderazione. Esiste infatti un luogo (riservato) di discussione collegiale in cui si affrontano (meglio si affrontavano) i casi. Questo permette(va) anche al moderatore che per lavoro o altri impegni non segue assiduamente il forum, di essere a conoscenza dei problemi, scaricando la posta, e di contribuire alla decisione collettiva o di esaminare le decisioni prese durante i periodi di assenza, capendone i motivi e la razionalità.

Questo è venuto meno verso metà aprile, eppure di interventi di moderazione dopo quella data ci sono stati. Discutibili (come tutto) ma non discussi (e questo è a mio avviso fatto grave).

La prima presa d'atto è stata questa. Aggiunta ovviamente al fatto che al sottoscritto erano state tolte le chiavi amministrative che mi permettevano l'amministrazione ed il ban fin dal 10 di marzo circa.
Cosa che per amor di patria è rimasta inter nos e non stata pubblicizzata, nemmeno da parte mia, vista la imminente campagna elettorale.

Data quindi, quella dei primi di marzo, che possiamo quindi simbolicamente indicare come origine degli eventi odierni.

Infatti se impossibilitati a decidere ed impossibilitati a discutere, ci si chiede per quale motivo rimanere simbolicamente moderatori avvallando di fatto decisioni discutibili (ed in qualche caso contrarie allo spirito che ha guidato negli anni la moderazione sui forum di ulivo.it) come l'uso disinvolto del cestino, delle “XXXX”, della cancellazione di messaggi e di una moderazione “politica” e non strettamente guidata dalle sole regole di partecipazione ma tesa quasi ad allontanare o espellere persone viste come disturbatori in quanto portatori di pensieri politici diversi da una non ben precisata ortodossia PD. Cosa che in rete è emersa anche con denunce su altri forum (non certo quello di perlulivo che ancora non esisteva).

Qui è chiaro che successivamente si è anche innescato il discorso del nuovo forum, la cui prima scintilla progettuale è dei primi di maggio 2008, quasi due mesi dopo l'inizio simbolico degli eventi per come io li ho vissuti e ve li sto narrando. A ben vedere perlulivo.it è tempo che pensa ad aprire dei forum (i primi progetti e test sono del 2005) ma ora la situazione di stacco dei forum ex-ulivo ha modificato la situazione inducendo la direzione di quel sito ad accellerare il progetto per offrire la possibilità a tanti forumisti di continuare a discutere in libertà sotto un simbolico ramoscello di Ulivo. Una possibilità in più che non è affatto ostile ma che nasce dalla voglia di fare ed agire di chi non ha piu' potuto fare ed agire qui.

Progetto che infatti grazie all'aiuto di tanti forumisti è stato realizzato in 2 o 3 settimane ed è diventato operativo alla fine di maggio. Una piccola precisazione rispetto alla “autonomia dal progetto del PD”. Autonomi lo siamo piu' o meno tutti, ma il nuovo forum di perlulivo.it ha tra i suoi iscritti parlamentari del PD e tra i suoi gestori esponenti provinciali, oltre che tra sostenitori piu' convinti anche colui che l'Ulivo lo ha creato nel 1995. Il progetto è effettivamente autonomo, sia sul piano economico che sul piano della gestione tecnica, fatta da decine di volontari, all'interno di un pool che ne conta circa 1700. Questa autonomia è un vantaggio e la redazione la chiese anche in ulivo.it alla fine del 2007, senza ottenerla. Non è quindi un caso che la redazione ex-ulivo, qui inattiva data l'assenza di autonomia ed ora definitivamente cancellata, si sia trasferita in massa altrove, potenziata da tanti nuovi amici proprio alla fine di maggio.

Qui va inoltre detto che da anni il fatto di far parte di altri siti ulivisti, anche a livello organico nella loro amministrazione, non è mai stato un ostacolo alla presenza di nessuno in ulivo.it

Nel gennaio 2004 per esempio alcuni di noi contribuirono alla nascita dei forum della margherita, facendo anche la necessaria pubblicità dell'evento. Eppure nessuno su ulivo.it (dove eravamo operativi dal 2001) prese atto di questo come giustificazione per prese di distanza. Altri, collaborano attivamente ad altri siti, personali o di gruppo e questo a mio avviso è un arricchimento, non un reato di lesa maestà. Altri seguivano i cittadiniperlulivo, altri ancora hanno per un certo tempo collaborato con l'ulivo selvatico di SUEZ ed ora con il circolo online Obama.

Dispiace quindi che qualcuno abbia percepito questo nuovo progetto autonomo come atto ostile da cui prendere le distanze o come un pretesto per “prendere atto della situazione”.

Spiegato tutto questo dovrebbe essere chiaro perché certe strade si sono divise ed ora corrono abbastanza distanti.

Se tuttavia l'obiettivo comune sarà quello di far discutere in modo libero e civile cittadini di ogni pensiero politico (anche non aderenti al PD) in un contenitore che non rigetti, anzi rispetti e rivaluti le radici stesse del PD, che sono l'Ulivo, allora le strade torneranno parallele e anche convergenti, anche presto. C'è comunque bisogno nella rete di tanti nodi e la sparizione dei forum di ulivo.it ha creato un grande buco nelle maglie della rete che abbiamo cercato di ricucire.

Lo strappo di cui si parla ora pero' riguarda altro e cioe' una situazione moderatoria in rapido deterioramento arrivata recentemente (primi di giugno) a cancellare interventi di ex-redattori che erano in risposta a richieste ufficiali di scuse per un loro precedente intervento. Di fronte a simili eventi l'imbarazzo e la necessità di predere le distanze hanno sicuramente accellerato le decisioni degli ex-moderatori. Mi auguro che quanto ho tentato di chiarire sia utile per capirci sulla base dei principi di trasparenza e rispetto reciproco.

Ciao a tutti
Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio giu 12, 2008 01:18 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 816
Io mi sento invece di ringraziare Francesco.
Ha espresso molto bene quanto avevo capito da tempo.
Tra moderatori-utenti e moderazione che sa poco di moderazione ma semmai di censura nei confronti di chi dissente dalle idee dei citati "ibridi" (vedi gli XXXXX, le cancellazioni, i moniti a non affrontare certi argomenti scomodi per una parte politica etc etc), non ho visto dei bei spettacoli.
Molto poco "democratici" ma dal sapore molto ideologico.
Pronto a dare il mio contributo alle nuove iniziative di Francesco e C.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio giu 12, 2008 02:18 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 4906
lucameni ha scritto:
Io mi sento invece di ringraziare Francesco.
Ha espresso molto bene quanto avevo capito da tempo.
Tra moderatori-utenti e moderazione che sa poco di moderazione ma semmai di censura nei confronti di chi dissente dalle idee dei citati "ibridi" (vedi gli XXXXX, le cancellazioni, i moniti a non affrontare certi argomenti scomodi per una parte politica etc etc), non ho visto dei bei spettacoli.
Molto poco "democratici" ma dal sapore molto ideologico.
Pronto a dare il mio contributo alle nuove iniziative di Francesco e C.


Francesco ce l'ha racconatta dal suo punto di vista, che solo in parte si comprende.
Il suo riferimento alla pluralità delle voci e dei forum è anche oggettivamente corretta e forse anche necessaria.
Meno convincente è quanto egli dice a proposito della moderazione.
Infatti neppure ai suoi tempi gloriosi la moderazione è sempre stata oggettiva e ben condotta.
Quindi lasciamo perdere le accuse in ordine a questo perchè "chi è senza peccato scagli la prima pietra".

Tuttavia i miei migliori saluti a tutti gli ex.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio giu 12, 2008 10:47 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 393
Mi sono iscritto a questo forum alla fine del 2001 e devo dire grazie a Francesco e agli altri moderatori che in questi anni con il loro lavoro hanno consentito lo svolgimento delle discussioni. In questi anni ho visto tante esperienze analoghe nascere e morire rapidamente, mentre Ulivo.it, grazie ai forumisti e ai moderatori, è stato un luogo vivo che ha offerto a tanti di esprimere la propria passione civile e politica. Certo ci sono state diversità anche aspre e chi, come me, è stato partecipe dell'esperienza di SUEZ sa bene cosa significa scontrarsi con chi (nei partiti) sente ogni voce critica come una espressione pericolasa. L'Ulivo era un progetto politico che gli stessi partiti che ne dovevano essere protagonisti hanno fatto morire. Oggi c'è il PD che potrebbe essere quella "novità politica" attesa da tanti anni, tuttavia ciò che si è realizzato fin qui non fa ben sperare e questa vicenda di Ulivo.it conferma che il PD immagina se stesso il piena continuità con i vecchi partiti e incapace di aprirsi all'elettorato. Questo doveva essere il PD nel discorso di Veltroni al Lingotto.
Invece si pensa ad un forum da normalizzare, ad un luogo di discussione che trova la propria ragione di essere solo se organico. In altre parole si ha timore di quanto espresso da cittadini elettori. D'altro canto la famosa base, la nostra gente, deve solo assistere in religoso silenzio davanti agli scontri tra i big del partito, loro sì che sanno come va il mondo della politica: basta guardare i risultati ottenuti.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom giu 15, 2008 13:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 3864
la moderazione:
>Stiamo definendo con gli organi dirigenti del Partito Democratico le modalità per una sempre migliore integrazione con il sito del PD.
In una prima fase caratterizzeremo graficamente con il logo del PD i nostri forum che saranno raggiungibili direttamente con link diretto dal sito ufficiale. (...)
La diversa tipologia di software utilizzato dai due siti non permette una facile integrazione, così come è difficile sovrapporre le particolarità di questi strumenti di comunicazione. I nostri forum saranno però uno degli strumenti di comunicazione del network del PD mantenendo tutte le regole e abitudini storicamente nostre. <

Francescof:
>Qui va inoltre detto che da anni il fatto di far parte di altri siti ulivisti, anche a livello organico nella loro amministrazione, non è mai stato un ostacolo alla presenza di nessuno in ulivo.it
Nel gennaio 2004 per esempio alcuni di noi contribuirono alla nascita dei forum della margherita, facendo anche la necessaria pubblicità dell'evento. Eppure nessuno su ulivo.it (dove eravamo operativi dal 2001) prese atto di questo come giustificazione per prese di distanza. Altri, collaborano attivamente ad altri siti, personali o di gruppo e questo a mio avviso è un arricchimento, non un reato di lesa maestà. Altri seguivano i cittadiniperlulivo, altri ancora hanno per un certo tempo collaborato con l'ulivo selvatico di SUEZ ed ora con il circolo online Obama.

Dispiace quindi che qualcuno abbia percepito questo nuovo progetto autonomo come atto ostile da cui prendere le distanze o come un pretesto per “prendere atto della situazione”.
Spiegato tutto questo dovrebbe essere chiaro perché certe strade si sono divise ed ora corrono abbastanza distanti.
Se tuttavia l'obiettivo comune sarà quello di far discutere in modo libero e civile cittadini di ogni pensiero politico (anche non aderenti al PD) in un contenitore che non rigetti, anzi rispetti e rivaluti le radici stesse del PD, che sono l'Ulivo, allora le strade torneranno parallele e anche convergenti, anche presto. C'è comunque bisogno nella rete di tanti nodi e la sparizione dei forum di ulivo.it ha creato un grande buco nelle maglie della rete che abbiamo cercato di ricucire. <

Lodes:
>Invece si pensa ad un forum da normalizzare, ad un luogo di discussione che trova la propria ragione di essere solo se organico. In altre parole si ha timore di quanto espresso da cittadini elettori. D'altro canto la famosa base, la nostra gente, deve solo assistere in religoso silenzio davanti agli scontri tra i big del partito, loro sì che sanno come va il mondo della politica: basta guardare i risultati ottenuti.<
--------------------------------------------

Non potrei accodarmi alla conclusione di Lodes se non fosse vera l'incertezza che regna in un PD già "oggetto" di insinuazioni su presunte intenzioni scissioniste ad opera di un ancor più presunto malpancismo da ex-qualcosa.

Ma proprio da quell'incertezza, secondo me, deriva l'ultima attenuante concedibile a chi cercasse di "normalizzare", autonomie come quelle ben citate ad esempio da Francesco.
Era dai tempi di "Ciclostyle" che vedevo dibattere tanti forumisti con sana dialettica ulivista, alcuni poi finiti nel vecchio staff moderatore del Sito ufficiale dell'Ulivo.

Purtroppo, come in tutte le "autonomie", tocca fare a pugni per conquistarsi la "legittimazione"; pena lo sconfinamento in ostilità anche se si divergesse sulla qualità del "mezzo" più che sul fine.

Sono andato a vedere l'elenco del "sestetto" di ex, ma solo alla luce di quanto qui precisato, e in parte sottolineato, da quell'ex dalla "schiena dritta" (come gli riconobbi quando ancora in pochi annusavano le quinte) che fu anche responsabile della gestione dei forum. Gestione, piaccia o non piaccia, ben coadiuvata da opinionisti come Babar e Gabriele, che hanno saputo elevare certe apparenze "ostiche" al rango invidiabile di "fiore all'occhiello" del Sito tra i siti ospitanti forum politici non

Forse non basterebbe un sofisticato programmino "elaboratore di pensiero", dove immettere traccia delle opinioni lasciate in giro dal terzetto di punta tra quegli "ex", per accorgersi del conflitto tra "esigenze": quella della linea editoriale più consona a un PD da amalgamare a prescindere ("nuovo" staff moderatore?), e quella che privilegia la qualità del "web-strumento" rispetto al "partito-fine" comune da rappresentare al meglio, in termini laici nella pluralità della Rete (sestetto degli "ex"?).

Quel "Tuttavia" che apre la sottolineatura di Francesco la dice molto lunga, in senso sdrammatizzante, sui "timori" di chi ha aperto il 3d. Se davvero c'è necessità di di integrare meglio il PD con la "sua piazza" virtuale, allora sarebbero timori che sanno di pretesto davvero, se non si coglie il senso di quel "Tuttavia".


Saluti,

montepino


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 36 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010