Oggi è mar gen 23, 2018 11:32 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Quale legge elettorale?
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 23:33 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 31
Non esiste una legge elettorale valida in assoluto e adattabile ad ogni Paese: i vari Stati hanno sistemi politici totalmente diversi fra loro che non si può pensare di adottare semplicemenete l'uno o l'altro sistema elettorale!!!!
In Italia il proporzionale puro (quello della prima Repubblica, per intenderci) ha fallito: i governi duravano mesi, a volte settimane e l'instabilità ci è costata parecchio. Nemmeno il Mattarellum ha funzionato poi tanto bene: due schieramenti, l'un contro l'altro armati, ma poi incapaci di restare coesi... (Apro una parentesi. Nemmeno durante l'ultima legislatura la Cdl era coesa! Hanno fatto fuori due ministri dell'economia, un ministro degli esteri ed il ministro degli kinterni....e poi hanno fatto un bel Berlusconi bis, altro che unità!)
Quindi la legge elettorale di per sé vale poco: conta il sistema politico sul quale si innesta! E non è vero che è la legge elettorale a "improntare" il sistema politico: anzi, è valido il contrario! Pensiamo, quindi, prima a modificare le nostre istituzioni, poi pensiamo alla legge elettorale! Personalmente sono contrario all'elezione diretta del Capo dello Stato e alla formazione di una repubblica Presidenziale... Io opterei per mantenere il Presidente della Repubblica al di sopra delle parti, eletto come ora dal Parlamento a maggioranza larghissima. Elezione diretta invece del Capo del Governo, scelto dai cittadini con una bella elezione a doppio turno, per favorire il compattarsi delle coalizioni. Se non altro....si sa chi vince e chi perde! E per il Parlamento? Una Camera che fa le leggi eletta con sistema uninominale a doppio turno, più un Senato federale composto da delegati dei Presidenti delle Regioni (e non eletti insieme alla Camera dei deputati) che si occupino degli affari regionali.
Sfiducia costruttiva e IMpossibilità del Capo del Governo di sciogliere le Camere, come invece, in un rigurgito assolutista, voleva la riforma della Cdl.
E così ci spazziamo via tutti quei partitini e partitelli che anzichè garantire la democrazia la intralciano frammentando il panorama politico.
Un cordiale abbraccio a tutti


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 23:30 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 5
Io invece credo che in italia il maggioritario sia la soluzione migliore, in quanto solo un partito comanderebbe e potrebbe vivere tutti i suoi cinque anni facendo le riforme molto rapidamente, facilitando i cambiamenti ed evitando le politiche di favori.
L'unica pecca enorme del maggioritario è che se un paritito che comanda fa una legge fatta male nessuno lo può fermare. Quindi il maggioritario richiede sostanzialmente una forte responsabilità popolare.
Un altro sistema che secondo me sarebbe buono è un proporzionale con soglia di sbarramento al 9%, in modo da costringere i paritini ad unirsi e a fare partitoni, così che in parlamento vi siano 4 o 5 partiti. In pochi si comanda ma anche qui c'è il rischio che cadano i governi e non durino 5 anni (d'altronde nella storia della repubblica italiana non è mai esistito un governo che è durato 5 anni).
Alla fine credo che se vi è un popolo responsabile, che protesta con determinazione se i politici fanno una legge fatta male, allora il maggioritario credo che sia il sistema perfetto in Italia per promuovere cambiamenti e riforme in modo da velocizzare lo sviluppo del paese.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 06, 2008 20:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 31
Ti dirò, in linea di massima anch'io prediligevo il maggioritario! Una bella crocetta, o di qua o di là, e si sapeva che eleggeva cosa. Purtroppo ha anche un effetto collaterale: mano possibilità di scelta. Intendo dire: se mi presentano una bella lista di 15 nomi e io posso scegliere chi votare (preferenza unica,ovvio), faccio la mia scelta sia per il partito che per la persona. Il maggioritario puro può far eleggere persone che nn lo meriterebbero


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio feb 07, 2008 00:09 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 11
Secondo me ci vorrebbe una legge del genere:
75% dei parlamentari eletti con maggioritario a doppio turno per eventuali ballottaggi tra le due liste maggiori (per eliminare il potere di ricatto dei minipartitini e garantire la governabilità).
25% dei parlamentari eletti con proporzionale puro secondo i risultati del primo turno (per conservare un po' di rappresentatività e comunque con una diminuzione degli eletti ci sarebbe uno sbarramento implicito).
Le percentuali sono ovviamente buttate un po' lì, ma è per rendere l'idea ...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio feb 07, 2008 12:19 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 31
Buon tutto!
Sì, quella di Methiu è un po' la linea del Mattarellum: una parte di uninominale, una parte di proporzionale, e sono convinto che non sia male...però aggiungerei comunque uno sbarramento, altrimenti partiti con l'1,2 per 100 piovono in parlamento a dettar legge...
Come al solito, spero di sentire il ostro parere
Buon tutto e buona giornata


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio feb 07, 2008 12:40 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 11
Difficilmente potrebbero dettar legge dato che con il doppio turno i partiti più importanti non sarebbero costretti a trascinarsi dietro tutta la carovana per cercare di vincere.
Comunque lo sbarramento un po' più alto ci può sempre stare, ma non troppo perchè la rappresentatività penso vada salvaguardata... a patto che non strozzi la governabilità.

Però il vero problema sono i parlamentari che passano dall'altra parte una volta eletti ...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio feb 07, 2008 16:28 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 5
Methiu ha scritto:
Però il vero problema sono i parlamentari che passano dall'altra parte una volta eletti ...


Salve a tutti. Quoto questa frase, abbastanza emblematica, che è il punto di partenza della mia riflessione. Il problema appunto è nel cambiamento di schieramento che una persona può fare una volta eletta. Sono convinto che questa sia una scelta che non sia possibile censurare, sempre che quella persona venga eletta direttamente dai cittadini. In questo modo ci dovrebbe essere un rapporto di "fiducia" e di "delega" tra il cittadino che ha votato quella determinata persona e il candidato stesso, che si deve prendere l'onere di rappresentare i cittadini che lo hanno eletto.
Poi entrano in gioco i soliti giochetti di potere a cui questo parlamento ci ha abituati. L'instabilità è un male che nessuna legge elettorale può risolvere finchè ci saranno i partitini a farla da padrone.
Quindi l'unica soluzione che vedo è quella di eliminare questi partitini non ai nastri di partenza, ma dopo le elezioni, tramite una sufficente soglia di sbarramento (7%-8%) e una legge elettorale che permetta al partito che prende più voti di avere una larga maggioranza che gli consenta di governare per 5 anni di fila. Ovviamente si deve tener presente che qualora i partiti, per vincere, ricorressero all'assorbimento dei partiti minori, si ripresenterebbe il problema una volta arrivati alle camere, perchè a quel punto gli esponenti dei partiti minori potrebbero essere numericamente consistenti.
Qui sta al buon senso di coloro che hanno in mano la guida del partito evitare questi sotterfugi.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 08, 2008 13:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 31
In effetti quello che spesso viene bollato di trasformismo ha radici più profonde. Lo so, naturalmente, molto spesso si fanno operazioni di comodo ( vedi Tremonti nel primo governo Berlusconi!), ma allo stesso tempo non si può obbligare un parlamentare ad ubbidire al partito: c'è pur sembra la klibertà (e non il vincolo) di mandato: saranno poi gli elettori, nelle successive elezioni, a giudicare il candidato (sempre che torni la preferenza!)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 08, 2008 19:23 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:10 pm
Messaggi: 3
Sono profondamente convinto che il maggioritario sia il sistema migliore, ma ad esso andrebbe connessa una riforma in senso (semi)presidenziale del nostro ordinamento.
Sempre più, lo abbiamo visto, la debolezza del potere esecutivo rispetto a quello legislativo (un Parlamento ormai inutilmente basato sul bicameralismo perfetto) è una pastoia per il progresso del paese. Questo andrebbe sorpassato con una svolta Americana o Francese, quindi con un presidente forte, eletto dal popolo.
Per l'elezione parlamentare, è indubbio il merito del maggioritario (di cui il MAttarellum era una declinazione imperfetta e pasticciata, che aveva tradito il precedente referendum).
In Italia i partiti sono diventati un problema invece che una risorsa, riportare il ruolo sul candidato (quindi votare la faccia, la storia, aprire una meccanismo di accountability tra eletto ed elettore, in cui l'eletto si senta responsabile rispetto ai votanti del suo territorio) è una cosa che solo il maggioritario può fare.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010