Oggi è gio lug 19, 2018 10:05 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 93 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: da soli....ocomunque non più somme algebriche
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 12:42 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 127
Stamane Eugenio scalfari ha scritto su Repubblica:

"Credo che il Partito democratico e Veltroni siano pienamente in partita sul terreno di gara ed abbiano carte forti da giocare. Si presentino da soli con un programma di pochi punti, concreti e precisi. Procedano con coraggio, onestà, trasparenza. Facce giovani e nuove senza rinunciare all'esperienza dei vecchi quando sia stata positiva.
Se saranno sconfitti cadano in piedi e lavorino per il futuro
"

sembra che sia in sintonia con la gran parte di noi!![/b]


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 13:18 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 2
Ragazzi qui mi sembra di vedere un gruppo di rifondaroli che discute se il suo partito deve essere di lotta o di governo.
Io non avevo dubbi sul futuro del partito democratico, ero sicuro che volessimo governare l'Italia, e invece mi trovo dopo un mese a vedere il governo che cade grazie al nostro senatore Dini tra gli altri, e Veltroni che dice corriamo da soli in pieno stile PCI.
Io voglio guidare i processi, i partiti di opposizione sono altri, io voglio vincere questa campagna elettorale, e non mi voglio rivolgere a Rifondazione Comunista per cercare un po'di responsabilità di questi tempi.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 13:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 127
bertold ha scritto:
Ragazzi qui mi sembra di vedere un gruppo di rifondaroli che discute se il suo partito deve essere di lotta o di governo.
...e non mi voglio rivolgere a Rifondazione Comunista per cercare un po'di responsabilità di questi tempi.


Non so chi hai letto, ma guarda che qui al 99% siamo convinti di quello che dici tu. Siamo (quasi) tutti per un PD di governo, libero da alleanza ingombranti alla vecchia maniera, sia con la sinistra radicale che con il centro trasformista.
Leggi con più attenzione! :)


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da soli....ocomunque non più somme algebriche
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 15:06 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
Giuseppe966 ha scritto:
perrynic ha scritto:
Giuseppe966 ha scritto:




Caro Perrynic, non ho detto alcuna falsità in matera di tasse e con dati alla mano te lo dimostro.

Ma è vero pure che altre voci come le aliquote dei contributi previdenziali (+ 5.1 miliardi di euro), altre misure di politica tributaria e fiscale come la tassa di successione (+0.7 miliardi di euro) e le tasse legate al contributo al sistema nazionale sanitario (+1.5 miliardi di euro)sono di converso aumentate.

A queste voci (come dici tu stesso!) bisogna aggiungere l'aumento della tassazione locale degli enti locali a cui il governo Prodi ha di nuovo concesso di poter aumentre le tasse e la frittata è fatta!!

Possiamo enumerare diversi meriti del Governo Prodi, ma non quello di aver abbassato le tasse. Ci vuole un po' di sincerità (e informazione) tra di noi!


La tassa di successione è stata reintrodotta per i grandi patrimoni cioè per 1 milione di euro ad erede in linea diretta, e quindi non la considero un aumento di tassazione semmai una razionalizzazione del prelievo dopo il regalo che Berlusconi aveva fatto per i ricchi, lui compreso che ha risparmiato un sacco di soldi per donare parte delle sue imprese ai figli.

L'aumento dei contributi al servizio sanitario nazionale forse è servito per permetterti di avere una sanita pressochè gratuita o forse preferisci pagarti varie operaizioni tipo appendice ecc... penso che piangeresti.

La tassazione locale è di competenza delle amministrazioni locali quindi il governo non centra nulla, piuttosto incazzati con il tuo sindaco o presidente di regione se ti hanno aumentato le aliquota.

Quindi sinceramente non vedo tutto questo aumento di tasse nei confronti della maggior parte dei cittadini.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 15:43 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 2
Ragazzi, da soli non si vince, arriveremo al 40? Oro colato ovviamente, ma per l'appunto ci vuole il 50+1. Non capisco come non si riesca a fare un ragionamento così ovvio.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom feb 03, 2008 23:58 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 6371
bertold ha scritto:
Ragazzi, da soli non si vince, arriveremo al 40? Oro colato ovviamente, ma per l'appunto ci vuole il 50+1. Non capisco come non si riesca a fare un ragionamento così ovvio.

ma tu davvero pensi che ripresentando la stessa alleanza che ha appena fatto cadere il governo prenderemmo il 50+1? Anche questo è abbastanza ovvio...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: da soli....ocomunque non più somme algebriche
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 10:16 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 127
perrynic ha scritto:
La tassa di successione è stata reintrodotta per i grandi patrimoni cioè per 1 milione di euro ad erede in linea diretta, e quindi non la considero un aumento di tassazione semmai una razionalizzazione del prelievo dopo il regalo che Berlusconi aveva fatto per i ricchi, lui compreso che ha risparmiato un sacco di soldi per donare parte delle sue imprese ai figli.

L'aumento dei contributi al servizio sanitario nazionale forse è servito per permetterti di avere una sanita pressochè gratuita o forse preferisci pagarti varie operaizioni tipo appendice ecc... penso che piangeresti.

La tassazione locale è di competenza delle amministrazioni locali quindi il governo non centra nulla, piuttosto incazzati con il tuo sindaco o presidente di regione se ti hanno aumentato le aliquota.
Quindi sinceramente non vedo tutto questo aumento di tasse nei confronti della maggior parte dei cittadini.
Saluti Perrynic


Caro Perrynic contestare la matematica con argomentazioni molto discutibili, non fa bene alla discussione stessa. Se il tuo ragionamento fosse giusto perché non tenerci l'alleanza con la sinistra radicale, visto che abbiamo governato così bene al punto di aver ridotto anche le tasse??!!

1)la tassa di successione non è stata introdotta solo per i grandi patrimoni, se non per la successione in linea diretta. Nella successione tra fratelli la franchigia scende a 100.000 euro e tra parenti di quarto grado (esempio: zio/nipote) non esiste nemmeno!!

2)l'aumento dei contributi per il servizio sanitario nazionale si sarebbe potuto evitare con la razionalizzazione della spesa all'interno dello stesso SSN, come molte altre spese!

3)E' vero che la tassazione locale è di competenza delle amministrazioni locali, ma il governo Prodi ha dato la possibilità a tali amministrazioni di aumentare le tasse, cosa che gli era stata impedita negli anni precedenti dal governo Berlusconi (una delle poche cosa buone che aveva fatto!)

aggiungerei:
4) Era proprio necessario abbattere lo "scalone" per mandare i dipendenti della P.A. a 58 anni in pensione, invece che a 60?? Non sarebbe bastato fare solo una (dovuta) modifica per i lavori usuranti??

Per favore, se vogliamo difendere anche l'indifendibile, prodotto da un governo in cui era molto forte e compatta la componente "partito delle tasse e della spesa pubblica", tanto vale tenerci la vecchia alleanza con la sinistra radicale... mahh!!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Berlusconi-Veltroni, accordo bipartisan ... ?
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 12:54 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
Aperto a chi ci sta, «a cominciare da An»

Il Giornale: Berlusconi-Veltroni, accordo bipartisan in 15 punti per le elezioni

Un articolo in prima pagina del quotidiano di proprietà della famiglia del Cavaliere


MILANO - Un patto elettorale basato su quindici punti tra Forza Italia e Partito democratico. Fantapolitica? Forse, la clamorosa soluzione è lanciata lunedì sul Giornale, quotidiano della famiglia Berlusconi. L'idea viene attribuito allo stesso Cavaliere. «E se facessimo una coalizione con Veltroni per le prossime elezioni?», viene attribuita la frase a Silvio Berlusconi. «In fondo basterebbero quindici punti di programma», avrebbe detto il leader di Forza Italia ai suoi collaboratori, secondo quanto riportato dal direttore del Giornale, Mario Giordano.

ELEZIONI - «Il richiamo agli insegnamenti della mamma (deceduta domenica, ndr) forse potrebbero spingere ancora di più Berlusconi a una mossa che esca dall'ordinario, dai giochi di Palazzo, dai ricatti dei partiti e punti in modo diretto al bene del Paese», si legge nell'articolo. Secondo Giordano, un accordo bipartisan adesso per modificare la legge elettorale servirebbe solo a rinviare le elezioni e sarebbe incapace di produrre alcunché di positivo. «Ben altro respiro avrebbe una coalizione elettorale con Veltroni aperta a chi ci sta, a cominciare da An», continua Giordano osservando che con questa mossa si respingerebbe in campo avversario l'accusa di non voler trovare un accordo trasversale.


04 febbraio 2008

da corriere.it


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 22:33 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 7
sono forse tra i pochi che non capiscono cosa significhi andare da soli o coalizzati , mi pare sopratutto non vi sia + tempo : alla partenza si è sfavoriti , si sa , ma non si torna indietro e l'esperienza di governo (prodi) va riconosciuta.
capisco invece che non si va con/per le alleanze ma per un programma (pochi punti): riforme e modernizzazione (liberalizz.) , laicità, risanamento (debito pubblico), prosec.lotta evasione,sicurezza , difesa deboli,niente privilegi di stato e parastato (no provincie etc) , etica della responsabil. (non chiedere + di quanto si dà) e no sanità gratis a chi si paga il lifting, dimagramento politici in pubblica ammin.e società civile (sanità, scuola, sicurezza sociale etc.), calo parlam. e senato diverso. grazie


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: il bilancio dell'alleanza
MessaggioInviato: lun feb 04, 2008 23:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 5
Ormai la legislatura si avvia al termine e le elezioni politiche sembrano ormai alle porte. Finisce malamente e prematuramente anche questa esperienza di governo di centro-sinistra e si rende necessario cominciare a riflettere sulla alleanza passata per non ripetere in futuro gli stessi erroi. Il neo Segretario Veltroni ha indicato con decisione la strada per il prossimo passaggio elettorale: il PD dovrà andare al voto con un proprio progetto per l'ammodernamento del Paese e valuterà se allearsi con altri partiti(della vecchia coalizione di governo) sulla base della disponibilità di questi a condividerlo in pieno: prendere o lasciare sembrerebbe!
Se questo approccio sarà perseguito coerentemente e tenacemente si vedrà. Intanto trovo utile cominciare a trarre qualche bilancio circa la convivenza sperimentata tra i partiti del centro-sinistra nella attuale legislatura. Non si tratta, si badi, di tracciare la lista dei buoni o dei cattivi, bensì di cercare di capire quali siano gli ex-alleati di governo con i quali ha meglio funzionato la collaborazione in seno al governo Prodi e che hanno mostrato una maggiore omogeneità con il PD nel concreto esercizio del governo e del 'gioco' parlamentare. Chiarirsi su questo punto sarebbe a mio avviso molto utile per provare a costruire un progetto oggi di alleanze per il futuro, domani di integrazione politica tra partiti che per diverse ragioni non sono riuscite a riunirsi fin dalla prima fase costituente nel Partito Democratico.
A me pare che tra i soggetti storiamente più affini, i socialisti italiani e soprattutto i radicali possano essere annoverati tra coloro che maggiormente hanno sostenuto l'azione del governo Prodi, specie in materie socio-economiche. Il sostegno ai progetti di liberalizzazione dell'economia, di rafforzamento della competitività delle imprese italiane all'estero, al risanamento dei conti pubblici, al progetto di revisione del welfare state portato avanti da Damiano, Padoa Schioppa e Prodi, restano segni di un idem sentire tra i soggetti più riformisti della calizione. E' vero che queste stesse formazioni politiche hanno in parte offuscato il loro convinto sostegno alla politica economica e sociale del governo impugnando con fermezza le battaglie civili e laiche, loro tradizionali cavalli di battaglia e inossidabili rendite elettorali, ma senza dubbio sono appari maggiormente coerenti di altri con lo spirito riformista e liberale del nuovo PD.
Le battaglie per la liberazione dell'Italia dai grandi e piccoli potentati che soffocano l'economia e la società italiana, sottraendo ai più meritevoli ogni speranza e possibilità di progresso e affermazione personale, le lotte per la laicità della politica sono l'humus comune al PD (quello di domani) e ai partiti citati (piccoli ma con un'identità chiara e visibile). Per questo credo che non si debba buttare il bambino con l'acqua sporca, ma semmai fare seriamente i conti con l'esperienza travagliata offerta dalla alleanza (compresi errori e omissioni del PD) puntando infine nel rafforzare il legame con i soggetti politici maggiormente affini.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: APRIRE LE LISTE A POLITICI DI ALTRI PARTITI
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 12:51 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 6
Il Partito Democratico dovrebbe presentare subito un suo programma, che si differenzia da quello del centro-destra. Poi dovrebbe consentire a politici di altri partiti di aderire a questo programma e di iscriversi nelle liste del Partito Democratico, per presentarsi alle elezioni.
Forse questa è l'unica speranza di ottenere un buon risultato, se si vuole andare da soli.
Cosa ne pensate?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 18:00 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 2
Soli, soli. Dobbiamo andare soli. Non è escluso che vinciamo ma se anche così non fosse di sicuro diamo una prova di moralità che consentirà il recupero di fiducia nelle istituzioni. Basta con alleanze di comodo che tanto dopo scontiamo amaramente...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 18:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:06 pm
Messaggi: 4
Era un po che nn controllavo il sito e mi fa piacere che l'argomento da me sollevato ha suscitato tanto interesse....

Faccio un paio di considerazioni, secondo molti sondaggi, il PD prenderebbe più voti se si presentasse da solo piuttosto che sinistra + PD, allora che senso ha andare in coalizione?Molti, io per primo fanno questo ragionamento: se il Pd fara una scelta nuova, di andare da solo con un suo programma, le sue idee andremo a votare altrimenti non andremo o sara scheda bianca.
L'unico modo per innovare è fare una scelta radicale: ho letto alcuni commenti che si vince solo con il 50+1 allora meglio una sconfitta onorevole che vincere per poi fare una pessima figura con un governo semiparalllizzato dai piccoli partiti.

Altra considerazione si sentono voci di possibili accordi tecnici al senato; sarebbe una presa in giro e saremmo soggetti ai continui attacchi del centro destra. Altro motivo per andare da soli.

MEGLIO SOLI CHE MAL ACCOMPAGNATI: la gente ha bisogno di chiarezza e di novità non di un copione che si ripropone ormai da 15 anni, mettere insieme tutti per arrivare al 50+1, la classica vittoria di pirro.

Un saluto a tutti i partecipanti, vi lascio vado a lezione in università.

ciao


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 18:32 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 4
Io credo che molti siano retti da idealismo e non da sano pragmatismo. Se si vuole avere una sola chance di non far andare al governo Berlusconi è necessario unirsi con la Sinistra Arcobaleno. Mettiamo sul piatto un programma con pochi punti sui quali è possibile trovare una convergenza. Altrimenti con questa battaglia "rivoluzionaria" ci ritroveremo per altri 5 anni il conservatorismo estremo.
Se ci fosse stata un'altra legge elettorale allora poteva aver senso questa linea ma la realtà dice il contrario e quindi cerchiamo di evitare che la Cdl vada al potere.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 19:30 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 1
molto meglio andare soli altrimenti andiamo con i socialisti e di pietro al senato , poi sono sicuro che walter porta molti voti in + penso che riusciremo a superare il 35%
:)


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 93 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010