Oggi è ven gen 19, 2018 11:10 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mar feb 05, 2008 16:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 7
Certo che le belle idee servono. Ma guarda che anche gli altri fanno propaganda con belle idee. Che la libertà non è una bella idea? Che la sicurezza non è una bella idea? Nessuno fa propaganda dicendo che è un farabutto mascalzone. E nessuno ho mai visto che fa propaganda con le ragazze di playboy sulle ginocchia!
Le belle idee comunque sono idee e basta. Te lo dice una che a 16 anni andava in piazza sventolando il libretto di Mao (questo veramente non l'ho mai fatto, anche allora mi ripugnava l'idea di sventolare libretti di chicchessia, però mi serve come metafora, perchè comunque nella Cina popolare ci ho creduto davvero)e poi dopo qualche annetto ti scopro che in Cina c'è una delle peggiori dittature mai viste sulla faccia della terra. E le idee erano proprio belle: c'era la libertà, c'era la giustizia, c'era l'uguaglianza, c'era l'emancipazione della donna ecc ecc
Quindi diciamo che tutti fanno propaganda con idee che hanno nomi altisonanti, nomi utopici e universali. Poi quando si scende nella pratica trovi lotte di potere, soprusi, ingiustizie, truffe morali e non morali.
Ciò detto, io vedo una paura crescente nella gente e un senso di insicurezza diffuso. Storicamente questi sentimenti hanno portato all'egoismo, all'etnocentrismo, alla chiusura e ad azioni difensive. Su questi terreni emotivi la destra ha sempre guadagnato e proliferato. Chi ha paura pensa che votare a destra sia uno scudo difensivo contro le minacce che vengono da fuori.
Quindi forse se imparassimo a gestire anche questi temi (un po' come ha fatto Veltroni a Roma) dando sicurezza ai cittadini senza tradire i diritti civili e la democrazia, sarebbe un bel punto a nostro favore.
Quello che eviterei come la peste sono i nonni. Qui ci vuole una nuova classe dirigente, altro che nonni. Qui ci vogliono i quarantenni. Giovani, pimpanti, creativi e intelligenti. Dove siano non lo so. Ma che si facessero avanti.
ciao
enrica


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mer feb 06, 2008 11:47 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:08 pm
Messaggi: 9
Giovani, creativi e soprattutto spudoratamente professionali nella comunicazione.
Non devono convincere me. Devono convincere gente per la quale funzionano discorsi tipo "un presidente operaio" e "meno tasse per tutti". Questa è la situazione, ci piaccia o no.
Se si stabilisce che per convincere costoro funzionano i manifesti con le ragazze nude che arpionano delfini, vai con le ragazze in topless e i delfini sanguinanti. E' una metafora naturalmente, ma credo che ora come ora fare i raffinati non serva proprio a nulla.
E davvero, basta con i nonni. Con tutto il rispetto.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 08, 2008 20:34 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 67
La foto del nonno con le conigliette si riferiva a quella foto di Berlusconi con quattro o cinque giovin figliole sedute sulle sue ginocchia o intorno a lui. E' la foto che ha scatenato la reazione di sua moglie che aveva scritto una lettera a Repubblica.
Ma perchè aprire un nuovo topic invece di continuare quello che c'era già?


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mar feb 12, 2008 14:22 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 2
Sì, le idee sono fondamentali! Ma in campagna elettorale sono determinanti i fatti così come riusciamo a raccontarli! Per esempio, questo famigerato tesoretto...??? E' forse proprietà privata del TPS? Lui lo ha "inventato", lui ne parla e straparla, lui lo nasconde o lo cancella a proprio piacimento...?? Non sa che siamo in campagna elettorale UFFICIALE (nel senso che lo siamo da sempre ma ora più che mai!). Qualcuno gli dica di fare attenzione! TPS: Taccia Più Spesso!
:( Coraggio, si può fare!!

enricat1950 ha scritto:
Certo che le belle idee servono. Ma guarda che anche gli altri fanno propaganda con belle idee. Che la libertà non è una bella idea? Che la sicurezza non è una bella idea? Nessuno fa propaganda dicendo che è un farabutto mascalzone. E nessuno ho mai visto che fa propaganda con le ragazze di playboy sulle ginocchia!
Le belle idee comunque sono idee e basta. Te lo dice una che a 16 anni andava in piazza sventolando il libretto di Mao (questo veramente non l'ho mai fatto, anche allora mi ripugnava l'idea di sventolare libretti di chicchessia, però mi serve come metafora, perchè comunque nella Cina popolare ci ho creduto davvero)e poi dopo qualche annetto ti scopro che in Cina c'è una delle peggiori dittature mai viste sulla faccia della terra. E le idee erano proprio belle: c'era la libertà, c'era la giustizia, c'era l'uguaglianza, c'era l'emancipazione della donna ecc ecc
Quindi diciamo che tutti fanno propaganda con idee che hanno nomi altisonanti, nomi utopici e universali. Poi quando si scende nella pratica trovi lotte di potere, soprusi, ingiustizie, truffe morali e non morali.
Ciò detto, io vedo una paura crescente nella gente e un senso di insicurezza diffuso. Storicamente questi sentimenti hanno portato all'egoismo, all'etnocentrismo, alla chiusura e ad azioni difensive. Su questi terreni emotivi la destra ha sempre guadagnato e proliferato. Chi ha paura pensa che votare a destra sia uno scudo difensivo contro le minacce che vengono da fuori.
Quindi forse se imparassimo a gestire anche questi temi (un po' come ha fatto Veltroni a Roma) dando sicurezza ai cittadini senza tradire i diritti civili e la democrazia, sarebbe un bel punto a nostro favore.
Quello che eviterei come la peste sono i nonni. Qui ci vuole una nuova classe dirigente, altro che nonni. Qui ci vogliono i quarantenni. Giovani, pimpanti, creativi e intelligenti. Dove siano non lo so. Ma che si facessero avanti.
ciao
enrica


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 12, 2008 23:06 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:05 pm
Messaggi: 28
Leggendo i molti commenti ai topic dedicati alle strategie di comunicazione mi è sembrato di cogliere la percezione di un contrasto tra idee e comunicazione oltre a una valutazione "etica" sui modi di comunicare: alcuni corretti (di sinistra?) e altri scorretti (di destra?).

Non credo ci sia un contrasto tra idee e comunicazione.
Senza idee possiamo andare tutti a casa subito. Senza idee c'è solo l'interesse privato dei politici che si fanno eleggere e che si muovono esclusivamente per ottenere il consenso necessario a perseguire i loro obiettivi privati.
Le idee sono indispensabili, ma le idee, senza la comunicazione, non si affermano.
Mi sembra che i successi della destra, conseguiti principalmente grazie ad una sofisticata stategia di comunicazione a tutti i livelli, anche in carenza di idee significative, stiano a dimostrarre quanto la comunicazione sia fondamentale.
Le idee non bastano. E' indispensabile una strategia di comunicazione coerente, seguita da tutti, a tutti i livelli, in tutte le occasioni e per una durata di tempo significativa.

Non si possono classificare le tecniche di comunicazione come corrette o scorrette in senso "etico". Le tecniche sono semplicemente dei modi di comunicare che funzionano.
E' etico solo il contenuto del messaggio: la calunnia rimane calunnia e la menzogna menzogna.
La comunicazione "negativa", che mette in luce i difetti dell'avversario è parte del gioco. E' usata da tutti in tutte le campagne politiche. Non credo si possa rinunciare a questo tipo di messaggi. Devono essere parte della strategia.
Non trovo neanche disdicevole ripetere messaggi semplici se questo porta al successo.

I destinatari dei messaggi sono persone molto varie.
Chi cerca un messaggio politico articolato se lo va a cercare. La maggior parte degli elettori ha poco tempo e probabilmente poca voglia di seguire i dibattiti.
Dedica pochi minuti al giorno, all'informazione "politica", a volte volte vi inciampa solo casualmente.
In quei pochi minuti bisogna far passare il messaggio, convincere.
In pochi minuti è possibile solo far passare messaggi semplici o impressioni. Le impressioni che resteranno quando si dovrà decidere di chi fidarsi, in chi sperare o da chi difendersi.


Ultima modifica di Ospite il mar feb 12, 2008 23:21 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mar feb 12, 2008 23:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
agostbruni~} ha scritto:
Sì, le idee sono fondamentali! Ma in campagna elettorale sono determinanti i fatti così come riusciamo a raccontarli! Per esempio, questo famigerato tesoretto...??? E' forse proprietà privata del TPS? Lui lo ha "inventato", lui ne parla e straparla, lui lo nasconde o lo cancella a proprio piacimento...?? Non sa che siamo in campagna elettorale UFFICIALE (nel senso che lo siamo da sempre ma ora più che mai!). Qualcuno gli dica di fare attenzione! TPS: Taccia Più Spesso!
:( Coraggio, si può fare!!



Ti faccio presente che TPS non ne ha mai parlato, ma sono stati gli altri a parlarne (a vanvera).
L'unico che dovrebbe parlare dei conti dovrebbe essere proprio lui, e tutti gli altri tapparsi la bocca.

L'unica cosa che ha detto TPS è stato di aspettare la trimestrale di cassa (quindi Aprile) prima di poter aprire una discussione su un EVENTUALE extragettito, sempre che ci sia.

Saluti Perrynic


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mer feb 13, 2008 02:26 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 2
Ti faccio presente che TPS non ne ha mai parlato, ma sono stati gli altri a parlarne (a vanvera).
L'unico che dovrebbe parlare dei conti dovrebbe essere proprio lui, e tutti gli altri tapparsi la bocca.

L'unica cosa che ha detto TPS è stato di aspettare la trimestrale di cassa (quindi Aprile) prima di poter aprire una discussione su un EVENTUALE extragettito, sempre che ci sia.

Saluti Perrynic[/quote]


Non mi pare che si proprio così. Tutti possono leggere da Repubblica:

"Il ministro dell'Economia frena sulla possibilità di alleggerire le tasse prima delle elezioni
"Nessun buco nelle finanze 2008", ma per la Bindi e la sinistra radicale l'extragettito esiste

Padoa-Schioppa chiude la cassa

"Conti ok, ma il tesoretto non c'è"
di ROBERTO MANIA

ROMA - "Il tesoretto non c'è. L'ho detto a dicembre e nel frattempo la situazione è solo peggiorata".

Quando Tommaso Padoa-Schioppa, ministro dell'Economia, lo spiega ai suoi collaboratori sul volo diretto a Bruxelles per la riunione dell'Eurogruppo, pensa a diverse cose: ai tracolli sulle Borse mondiali, al vento della recessione che arriva dagli Stati Uniti, all'ultimo dato dell'Istat sulla produzione industriale che marca un allarmante - 6,5 per cento, ai preoccupanti scenari disegnati a Tokyo al vertice dei G7, ma anche al voto del Senato che ha buttato giù il governo Prodi.

Quella del titolare dell'Economia, dunque, è molto più di una frenata. È, in qualche modo, la parola fine a un dibattito elettorale che stenta a trovare solide basi di appoggio. Tanto più che l'economia italiana è destinata a rallentare ancora, andando anche sotto l'1 per cento. Ed è di ieri l'ultima stima del Centro studi della Confindustria che vede un Pil allo 0,7 per cento contro lo 0,9 per cento della precedente previsione.

Nemmeno il premier Romano Prodi, d'altra parte, si è infilato in questa nuova discussione sul tesoretto dopo aver rassegnato le dimissioni. Suo era il piano per alleggerire il carico fiscale sui redditi da lavoro fino a 40 mila euro, ma ora lo scenario è cambiato. Tant'è che anche il leader del Pd, Walter Veltroni, ha scelto una strada decisamente tortuosa per lanciare il taglio delle tasse sugli stipendi: ha proposto un patto bipartisan da realizzare in Parlamento, non un atto del governo. L'ipotesi è caduta nel vuoto.

Dunque - si ragiona in Via XX settembre - se anche ci fosse un extragettito da distribuire - non sarebbe tecnicamente possibile intervenire prima di luglio quando si conosceranno i dati sull'autotassazione. La Trimestrale di cassa di metà marzo, infatti, sarà solo un primo step per comprendere l'andamento delle entrate e l'efficacia del controllo sulla spesa pubblica.

In ogni caso a marzo è impensabile la presentazione di una nota di variazione del bilancio da parte di un governo in carica esclusivamente per l'ordinaria amministrazione. Avrebbe il sapore di uno strappo istituzionale che il Tesoro non intende affatto assecondare. Padoa-Schioppa vuole lasciare i conti rigorosamente in ordine. Tanto più che ora da più parti si grida al "buco" nelle finanze pubbliche.

Dopo un articolo sul Sole-24 Ore di domenica che parlava di circa 7 miliardi di spesa per il 2008 prive delle relative coperture, il tema è stato ripreso con rilievo dai giornali e dalle televisioni più vicine al centrodestra, costringendo il Tesoro a intervenire ieri con una nota. "Non esiste alcun buco", si legge. Perché le spese, non ancora iscritte a bilancio, che però si dovranno sostenere (i rinnovi contrattuali nel pubblico impiego, per esempio) troveranno la relativa copertura una volta che se ne individuerà anche l'ammontare.

Ma - sottolinea la nota - "la legge Finanziaria e il Bilancio approvati dal Parlamento hanno coperture piene e certificate per tutte le spese che vi sono iscritte e comprendono tutte le spese che derivano dalla legislazione vigente". Che questa fosse l'impostazione di Padoa-Schioppa era già noto dal Documento di programmazione economico e finanziaria. "Non ci sono problemi per il 2008", ha voluto precisare anche il vice ministro Vincenzo Visco. L'obiettivo del deficit al 2,2 per cento non è quindi in discussione

Ma di "risarcimento" sociale continua a parlare la sinistra dell'ex Unione. "I soldi ci sono", ha detto il sottosegretario al Tesoro, Alfiero Grandi (Sd) e "i lavoratori italiani - secondo il capogruppo di Rifondazione comunista alla Camera, Gennaro Migliore - devono essere immediatamente risarciti". Anche il ministro della Famiglia, Rosy Bindi, si è detta convinta che il tesoretto ci sia ancora.

Per i fautori di un intervento in extremis c'è anche un veicolo che passa in Parlamento: è il cosiddetto decreto milleproroghe. Hanno presentato un emendamento per raggiungere l'obiettivo. Ma il tentativo rischia di infrangersi davanti allo scoglio rappresentato dalla verifica dell'ammissibilità da parte delle Commissioni.
(12 febbraio 2008) "

TPS ha parlato (ed è stato sentito dai commentatori di dx e di sx). Dopo di che, ovviamente, si scatena la bagarre e TPS stesso riprecisa che bisogna aspettare la trimestrale di cassa (già lo strasapevamo!!). E' un vecchio, triste copione dal quale mi sembrava che ci si stesse pian piano emendando...invece.


:wink: Si può fare!!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mer feb 13, 2008 16:35 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
errore


Ultima modifica di Ospite il mer feb 13, 2008 16:38 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: strategie di comunicazione
MessaggioInviato: mer feb 13, 2008 16:38 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 1911
agostbruni~} ha scritto:
Ti faccio presente che TPS non ne ha mai parlato, ma sono stati gli altri a parlarne (a vanvera).
L'unico che dovrebbe parlare dei conti dovrebbe essere proprio lui, e tutti gli altri tapparsi la bocca.

L'unica cosa che ha detto TPS è stato di aspettare la trimestrale di cassa (quindi Aprile) prima di poter aprire una discussione su un EVENTUALE extragettito, sempre che ci sia.

Saluti Perrynic

Non mi pare che si proprio così. Tutti possono leggere da Repubblica:

"Il ministro dell'Economia frena sulla possibilità di alleggerire le tasse prima delle elezioni
"Nessun buco nelle finanze 2008", ma per la Bindi e la sinistra radicale l'extragettito esiste

Padoa-Schioppa chiude la cassa

"Conti ok, ma il tesoretto non c'è"
di ROBERTO MANIA

ROMA - "Il tesoretto non c'è. L'ho detto a dicembre e nel frattempo la situazione è solo peggiorata".

TPS ha parlato (ed è stato sentito dai commentatori di dx e di sx). Dopo di che, ovviamente, si scatena la bagarre e TPS stesso riprecisa che bisogna aspettare la trimestrale di cassa (già lo strasapevamo!!). E' un vecchio, triste copione dal quale mi sembrava che ci si stesse pian piano emendando...invece.


:wink: Si può fare!!


Scusami dai titoli e dall'articolo che hai scritto comferma quello che ti ho detto.

TPS non ha mai parlato di esistenza di un tesoretto per il 2008.

Anzi sono stati gli altri a parlarne e lui ha dovuto sempre precisare la realtà dei fatti.

Ok! leggere i giornali, ma bisogna anche capire quello che c'è scritto ..... e quello che c'è scritto conferma che TPS ha sempre negato l'esistenza di un tesoretto per il 2008.

Saluti


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010