Oggi è dom giu 24, 2018 06:56 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 13:44 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 1401
Giorgio Napolitano è il nuovo Presidente della Repubblica<BR><BR>Dopo tre fumate nere in altrettante votazioni, al quarto scrutinio Giorgio Napolitano è stato eletto Presidente della Repubblica.<BR><BR>Il senatore a vita ha ricevuto 543 preferenze (quorum richiesto 505). Al termine dello scrutinio è ripartito l'applauso dell'Unione. Tutti in piedi, Romano Prodi che ha seguito lo spoglio in piedi al centro dell'emiciclo è stato abbracciato da tanti deputati.<BR><BR>Mentre continua l'applauso del'Unione si alzano in piedi anche i deputati della CdL ma da quella parte non si registrano battimani.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 13:46 pm 
E' una brava persona, sarà un buon Presidente della Repubblica.<BR>La CdL ha perso un occasione di convergenza su un nome che potevano accettare, senza problemi.<BR>I miei auguri al nuovo Presidente<BR><BR>ciao<BR>babar


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 13:50 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 14:59 pm
Messaggi: 58
Le mie più vive congratulazioni al senatore giorgio Napolitano nuovo Presidente della Repubblica.<BR><BR>L'UNIONE ha votato compatta per Napolitano. <BR>Pur cosiderandola cosa entro la norma, non posso che trarne soddisfazione.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 13:51 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 1401
guardando bene la TV, una volta proclamato, anche dai banchi del centrodestra qualche applauso c'è stato. <BR><BR>Bene, cari amici, elette le massime cariche istituzionali, ora si inizia a lavorare.<BR>Ora si passa al Governo ed il nostro forum, lasciatemelo dire, assume un ulteriore compito, senza perdere quelli precedenti. <BR><BR>Il compito di critica, valutazione, stimolo e verifica di quello che verrà fatto (o non fatto) dal governo che abbiamo contribuito ad eleggere. <BR><BR>Partiremo dal programma e dalle dichiarazioni programmatiche che Prodi vorrà esporre alle Camere per ottenere la fiducia. <BR><BR>Grazie per il contributo costruttivo che vorrete dare. <BR><BR>Ciao,<BR>Francesco


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 14:38 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 1401
Napolitano sara' presidente di tutti<BR><BR>"Veramente una bella giornata per la democrazia italiana. In poco tempo abbiamo risolto tanti problemi che ci erano segnalati come difficili e che invece sono andati  avanti nei tempi e nei modi che volevamo. Sono proprio contento, e' stata un'elezione che ci ha dato proprio tutti i voti che aspettavamo, una votazione compatta e mi dispiace che anche la Casa delle Liberta' non abbia capito che questo sara' veramente il presidente di tutti gli italiani. Proprio perche' Napolitano e' cosi', credo che potremo considerare che in futuro potra' avere rapporti con tutti.<BR><BR>Ringrazio molto il Presidente Ciampi perche' e' stato dall'inizio alla fine un presidente di altissimo profilo e ha dato a tutti noi un esempio. Sono sicuro che Napolitano seguira' la stessa via."<BR><BR>Romano Prodi


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 15:13 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:07 pm
Messaggi: 3336
Bene!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 16:30 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
Il Presidente Napolitano sarà il garante per tutti.<BR><BR>Ne siamo certi!<BR><BR>Il nostro forum spero divenga la coscienza critica, del governo Prodi, con l'obiettivo di monitorare e stimolare il suo operato, partendo dal punto di vista consapevole e realistico di una base ulivista... politicamente e socialmente matura.<BR><BR>ciaooooooooo


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 17:51 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 136
Perché non creare nel forum uno spazio apposito col titolo "AZIONE DI GOVERNO: COMMENTI E CRITICHE".<BR><BR>sarebbe forse più semplice per noi da individuare, e lasciare dei commenti sull'azione di governo che viene portata avanti. <BR><BR>Inoltre così se un giorno qualche parlamentare volentoroso (quelli che non ci sono stati durante la scorsa legislatura) volesse leggere le osservazioni che vengono dal popolo dell'ulivo, magari potrebbe trarne linfa e correggere la rotta!


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 18:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 1465
Sono veramente felice ed orgoglioso si essere italiano.<BR><BR>Abbiamo un ottimo Presidente. Che Dio gli conceda lunga vita!<BR><BR>Giuseppe


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 19:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 3864
Ottimo, Napolitano!  Eccellente l'epilogo istituzionale del risultato elettorale più "contestato" della storia repubblicana <BR>Ora le responsabilità nei  ruoli, e i ruoli responsabili, hanno un certo ordine.<BR><BR>- A noi qui, e agli elettori tutti, resta la responsabilità di vigilare sui doveri, a partire da quelli di un'opposizione che intendesse spingere in piazza la presunta "metà che non si sentirebbe rappresentata" in questo paese.<BR><BR>- Agli eletti del e dal centrosinistra, toccano le incombenze a cui in prevalenza fa riferimento Francesco con logico intento aggiornante, secondo gli echi... dal basso, anche di un forum come questo.<BR><BR>- All'opposizione resta il dovuto rispetto, ove minoranza lealmente presente, anche perché non partecipe della vittoria.<BR><BR>- Al premier uscente, va l'indifferenza... di quello entrante, ma non della giustizia ordinaria e di ogni 'vittima' di millanterie.<BR><BR>Infine all'ex 'migliorista' neo-inquilino del Colle vanno i miei auguri da amendoliano (*) anni Sessanta per un fecondo radicamento nei cuori da Capo dello stato.<BR><BR>Saluti<BR><BR>montepino<BR><BR>(*) curiosamente mi capita d'essere contento oggi di ciò che mi dava fastidio ieri. l'epiteto [per me lo era] di "migliorista" mi veniva da quei compagni di sezione PCI ogni volta che citavo a modello il gigante, di nome e di fatto, dai capelli a spazzola Giorgio Amendola. Se Giovanni Amendola seminò princìpi liberali, Giorgio fruttificò politicamente in un terreno ideologicamente "compatto". E lì, su quel terreno, crebbe anche l'allievo Napolitano.<BR><BR>Dunque, una modestissima coscienza liberale non aveva 'scampo' in una sezione di partito come la mia, dove già il semplice "riformismo" era quasi tradimento ideologico. <BR>Ti etichettavano come uno che aspira solamente a "migliorare" nel tempo ciò che esiste, più che a sovvertirlo o riformarlo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 20:31 pm 
Amministratore

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 4044
Coraggio ora il tutto si gioca su due fronti.<BR>Il governo dove il ben fare darà la misura della differenza e ci garantirà da ritorni di fiamma dell'elettorato.<BR>Le riforme dove la scommessa di berlusconi di andare subito a nuove elezioni e/o continuare per cinque anni in un'eterna campagna elettorale ha subito una tremenda batosta oggi. Si isolerà con la sua cultura eversiva ed altri saranno interlocutori facendolo estinguere dalla scena politica. Finalmente perché se un governo di centro destra ci può stare non ci può stare la sua eversione.<BR>Un augurio di cuore a Giorgio Napolitano per quanto di bene farà per il nostro Paese nel suo delicato e meritato ruolo.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 20:42 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 4697
Per  tomas7<BR> Esiste già un forum "IL FUTURO DELL'ULIVO" basta inserire un nuovo argomento e,   viaaaa<BR><BR>ciao gi.bo.<BR><BR>ah... dimenicavo...<BR>LUNGA VITA A GIORGIOOOOOOOO


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 10, 2006 22:13 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 23861
>Se Giovanni Amendola seminò princìpi liberali .........<BR><BR>montepino 10/05/2006 19:02<BR>=====================<BR><BR>Per la serie come è difficile stare al mondo.<BR><BR>In questo momento a Otto e mezzo è intervenuto Macaluso.<BR><BR>Non ricordo bene se Macaluso ai tempi gravitasse nell'area di Amendola, solo che oggi me lo trovo spostato a destra più di quanto non fossimo noi allora.<BR><BR>Sostiene Macaluso di aver scritto nella sua rubrica sul Riformista all'indomani delle elezioni delle due Camere che è stato un errore non concedere una carica agli avversari.<BR><BR>Ma come è possibile essere così ottusi.<BR><BR>Il caimano e suoi chierici hanno tenuto una posizione netta di non riconoscimento dell'avversario, fatto inusuale per la storia repubblicana, ed è stato Prodi a dover rompere il ghiaccio per primo, e noi avremmo dovuto riconoscere una camera all'opposizione?<BR><BR>A chi a questi barbari fuorilegge solo per far vedere che siamo buonisti?<BR><BR>Tutte le volte che si presentano in Tv i rappresentanti della casa dei caimani ripetono la stessa storiella che loro sono maggioranza nel Paese e che la sinistra avrebbe dovuto riconoscere questa realtà assegnando un carica di prestigio a loro.<BR><BR>Ma qualcuno è ancora così fesso da pensare che se i caimani avessero vinto di un solo punto, legittimamente, si sarebbero preoccupati di dividere le cariche con il Cs?<BR><BR>Sono stati loro a rompere la tradizione democristiana di assegnare la Camera all'opposizione già quando il partito di plastica si è presentato sulla scena italiana per la prima volta, colto da un'attacco di ingordigia fuori misura.<BR><BR>Lo sport preferito dei vecchi Pci collocati ai tempi a sinistra di Amendola è il salto con l'asta.<BR><BR>Solo che hanno preso l'abitudine di caricare così tanto l'asta che invece di accontentarsi a superare il livello regolamentare dell'asticella si proiettano oltre il muro di cinta nel campo avversario.<BR><BR>A.Hopkins


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio mag 11, 2006 00:02 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 116
Mi associo calorosamente all'ugurio di benvenuto per il senatore Giorgio Napolitano a nuovo Presidente della repubblica.<BR><BR>Finalmente è stato fatto il Presidente!<BR><BR>Dopo le varie analisi fatte su questo forum, anche molto critiche nei confronti del candidato unico (D'Alema) a cui anchio ho contribuito, e le diverse possibilità alternative, ritengo che questa sia la scelta migliore che si poteva fare. <BR>Anche se c'è l'eta, la personalità e la lucidità del nuovo Presidente è fuori discussione; certo qualche anno in meno e una forma mentis più adeguata alle nuove sfide future, poteva essere richiesta, ma accontentiamoci, anzi, se  pensiamo che la scelta poteva ricadere tra i nomi della rosa del Cdx, meglio di Napolitano non ce ne sono.<BR><BR>Un merito, però, i Fini e Casini hanno avuto: mettere in discussione la candidatura unica tanto cara a Berlusconi, che ci ha permesso, fortunatamente, di toglierci dall'incartamento su D'Alema, che francamente, come direbbe lui, non sarebbe stato per niente il Presidente di tutti gli Italiani.<BR><BR>Non voglio certamente ringraziare questa parte della Cdl che, senza volerlo, ci ha tolto le castagne dal fuoco, ma, sicuramente senza di loro, a quest'ora probabilmente Prodi e gli altri non avrebbero avuto la necessaria determinazione per far votare una persona degna ed autorevole come Giorgio Napolitano.<BR><BR>Buon Lavoro Presidente! <BR><BR>Buon Lavoro a tutta la coalizione di CS: ora ci attendono sfide molto importanti, e mi auguro che i nostri politici sappiano affrontarle. <BR>Come ellettore, farò il possibile per controllare e vigilare che vengano rispettate le promesse e il programma previsto; questo forum, sicuramente sarà la voce critica del popolo dell'Ulivo e di tutta l'Unione.<BR>Potremmo essere duri ma anche propositivi, tutto dipenderà dalle scelte che si faranno.<BR><BR>Cari politici del CS non deludeteci, non ci saranno sconti la prossima volta, gli Italiani non vi capirebbero e il Caimano è li dietro la porta pronto con le sue fauci ad ingoiare l'Italia intera.<BR>Non permettete che questo accada, sentite la voce del foruma che vi sa spronare e consigliare; guai a non ascoltare la base,  e a non essere in sintonia con loro.<BR>La strada ormai è tracciata percorretela fino in fondo, senza tentennamenti, fate ripartire veramente l'Italia, tutti stiamo aspettando.<BR><BR>ciao


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio mag 11, 2006 09:01 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1696
ciao,<BR>vi posto l'editoriale di E. Mauro. Mi sembra condivisibile.<BR>"COMMENTO<BR>Il secolo nuovo della sinistra<BR>di EZIO MAURO<BR><BR>QUELL'APPLAUSO del Parlamento in piedi, che dura a lungo e si allarga a tutta l'aula, dividendo la destra, è il vero atto d'inizio della nuova legislatura. <BR><BR>Nell'omaggio a Giorgio Napolitano eletto Capo dello Stato c'è prima di tutto la consapevolezza di aver compiuto il supremo rito della liturgia repubblicana, scegliendo un uomo adatto a rappresentare l'intero Paese e tutto il sistema politico in un ruolo super partes, dopo una presidenza di grandissima popolarità come quella di Carlo Azeglio Ciampi. Poi c'è la coscienza di aver compiuto il destino della sinistra, per troppi anni monco per l'anomalia comunista e la sua legittimazione parziale. Ancora, c'è la presa d'atto che il centrosinistra ha non solo una maggioranza autonoma, ma la capacità di esprimere una politica per le istituzioni, con gli uomini giusti. E infine, c'è la certezza che il nuovo settennato sarà difficile, perché il quadro politico italiano resta terremotato, in una sorta di eterna campagna elettorale permanente. <BR><BR>Le poche parole e i gesti sobri di Napolitano prima e dopo l'elezione sembrano adatti al momento. Oggi non c'è bisogno di retorica, come ieri non c'era bisogno di una campagna elettorale, perché l'incarico non la consente. Per un candidato come Napolitano parla la biografia politica, culturale, istituzionale, per il programma parla la Costituzione. Non c'è altro, perché non ci deve essere altro. Il Presidente è nato come deve nascere nell'aula di Montecitorio, senza compromessi, liberi i partiti - naturalmente - di valutare le loro convenienze di schieramento. <BR><BR>Napolitano non ha aggiunto nulla alla storia della sua vita: si è solo limitato (com'è giusto, perché lo suggerisce la Costituzione) ad auspicare una convergenza più ampia del suo schieramento politico di sostegno. <BR><BR>La sua presidenza super partes, dunque, nascerà da un dovere costituzionale di ruolo, da un'educazione istituzionale, da una convinzione personale: non da patti che sarebbero tutti impropri, perché la Repubblica non può e non deve patteggiare nulla con nessuno, in quanto tutti i cittadini - qualunque sia la loro rilevanza pubblica - sono nel suo perimetro, e nello stesso momento nessuno è un partner speciale o privilegiato con cui la presidenza va preventivamente concordata. <BR><BR>Questa lunga biografia repubblicana, la storia di un uomo sempre a sinistra, che ha coltivato un forte senso delle istituzioni e una cultura europea, è stata offerta dal centrosinistra a tutto il Parlamento, fin da domenica, per cercare un punto d'incontro che portasse maggioranza e opposizione ad essere insieme parti costituenti del nuovo settennato. Toccava alla sinistra che ha vinto le elezioni il diritto-dovere di fare la scelta. Ma le toccava anche l'obbligo di cambiare schema per il Quirinale rispetto alle Camere, ricercando l'intesa con l'opposizione. E qui la destra si è divisa. Fini ha contestato il metodo del candidato unico, con la mancanza della rosa e dunque della scelta. Berlusconi ha annunciato al Paese che non avrebbe comunque mai accettato un comunista al Quirinale. Casini ha continuato ad inventare candidature, di regola durate non più di mezza giornata. <BR><BR>D'Alema ha rappresentato l'opzione più forte, dunque più difficile da digerire per la destra. Tanto forte che gli stessi Ds hanno sentito il bisogno di correggere l'imprinting leaderistico e di partito del loro presidente con una sorta di proposta programmatica alla destra: compiendo un grave errore. Nella corsa al Quirinale si possono trattare i consensi, com'è sempre avvenuto, non i poteri del Presidente, che sono indisponibili e fissati una volta per tutte. E soprattutto: lo Stato (in questo caso il Presidente che lo rappresenta) non tratta preventivamente con una sua parte, anche se questa parte si comporta spesso come l'Antistato. <BR><BR>Questo errore ha scoperto D'Alema a sinistra, non ha smosso a destra quel grumo ideologico che abita il cuore e la mente di Berlusconi. Ma il falò sacrificale di D'Alema ha in qualche modo spianato la strada a Napolitano perché la destra mentre negava la pregiudiziale anticomunista faticava a dire due volte no ad un nome che viene dal vecchio Pci. Anzi: Casini e Fini sono stati ad un passo dal convincere Berlusconi. Prima di loro c'è riuscito Bossi, che dice spesso a voce alta ciò che il Cavaliere pensa nel profondo. Così ancora una volta Berlusconi ha fatto ciò che ha voluto dell'intera Casa della Libertà e i moderati di destra si sono mostrati ieri come sempre politicamente sterili, improduttivi, enunciatori di progetti che non riescono mai a tradurre in pratica. E sullo sfondo risuona la voce della destra estrema di Calderoli, l'unico parlamentare capace di dire ieri che non riconoscerà il nuovo Capo dello Stato. <BR><BR>La destra ha perso l'occasione di votare un galantuomo per il Quirinale, ma soprattutto di aprire un percorso politico di dialogo con la maggioranza sul terreno istituzionale. Con il risultato di mostrarsi divisa tra due culture e due pratiche politiche quasi inconciliabili al primo vero test pubblico poche settimane dopo il voto. <BR>Ecco perché Prodi esce più forte da questa prova, dopo la tenuta della maggioranza in Parlamento, e può affrontare l'ultimo decisivo passaggio, quello della formazione del governo. <BR><BR>Più forte, a dispetto di tutto, è anche la prospettiva del partito democratico, ogni giorno più inevitabile e urgente. L'applauso del Parlamento per Napolitano presidente saluta infatti anche l'approdo di una storia incompiuta per troppi ritardi e troppi errori, quella della sinistra italiana. La compie, non per caso, un uomo che ha partecipato con i più giovani alla rottura della vecchia tradizione comunista (avvenuta in Italia purtroppo solo dopo la caduta del Muro, e non prima), e che negli anni precedenti aveva però saputo puntare la sua bussola di minoranza sull'Europa nell'eredità di Altiero Spinelli e sulla socialdemocrazia, nella convinzione di superare la frattura storica con i socialisti. Proprio qui, a ben vedere, sta la radice del riformismo italiano, che è l'identità culturale del post-comunismo e può sboccare in una compiuta cultura "democratica" senza aggettivi, con il nuovo partito. In questo senso, e con ritardo, l'elezione di Napolitano chiude il Novecento politico italiano, una storia che non sapeva chiudersi. L'applauso a un Presidente che viene dalla storia del Pci significa che anche la politica è entrata nel secolo nuovo: e la sinistra, finalmente, attende ora l'inizio di una nuova storia"


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010