Oggi è dom set 24, 2017 19:29 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Lotti Il Pd non funziona e va aggiustato. IO LO DICO DA MO'.
MessaggioInviato: ven lug 22, 2016 12:02 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
Lotti: "Vicesegretario unico? Se mi verrà chiesto valuterò. Il Pd non funziona e va aggiustato"
"Niente di male se Verdini vota le riforme, alla base non interessa il mio rapporto con lui"

Di ANDREA CARUGATI
22 luglio 2016

ROMA Gioca in casa, il braccio destro del premier Luca Lotti. Alla festa dell'Unità di Prato, calda serata estiva, il sottosegretario parla a tutto campo del governo, delle riforme del Pd. E sembra fare un passo avanti proprio sulla gestione del partito, di cui si era occupato nel 2014 dopo la vittoria di Renzi alle primarie - come responsabile organizzazione- prima di approdare a palazzo Chigi. "Io vicesegretario unico? Non ci penso nemmeno, non sta a me deciderlo. Sto facendo il mio lavoro, sto seguendo al governo una serie di argomenti importanti, se mi verrà chiesto valuteremo la proposta, ma credo che il tema non sia chi farà il vice-segretario. Credo che sarà opportuno, semmai, discutere di come vogliamo affrontare i prossimi mesi e di come vogliamo rimettere a posto quello che non va nel nostro partito".

È il Pd il malato cui Lotti intende prestare le proprie cure. Un'ipotesi che si era affacciata già dopo le regionali del 2015, e che nelle ultime settimane- dopo il flop alle comunali- sembra aver ripreso quota. "Non vogliamo essere un partito che si organizza soltanto durante le elezioni, non vogliamo un partito che da Roma dà le indicazioni al territorio e che dice 'tu devi fare quello e quell'altro'. Lo abbiamo scritto in una mozione congressuale che ci ha dato il 60% dei consensi fra gli iscritti del nostro partito". Il fedelissimo di Renzi ammette per la prima volta le ammaccature nel corpo del partito: "Qualcosa in due anni di nostra segreteria non è andato bene, perchè alcuni risultati lo testimoniano. Ebbene, lì dobbiamo andare a interrogarci su dove e come la forma di partito che stiamo portando avanti nel territorio, raccontandola nelle nostre federazioni, sta sbagliando in alcuni aspetti". E allora, chiarisce, "non so se sarà giusto avere un vice-segretario o se sarà opportuno continuare con due vice-segretari, oppure cambiare l'organizzazione con gli enti locali. Non dico che non mi interessa, però sarà molto più importante capire come affrontare il cambiamento della società e il rapporto fra i cittadini e i politici, il rapporto fra i cittadini e i partiti, di come il Pd che è ancora uno dei principali partiti in Europa può e vuole cambiare il contatto con la gente".

Lotti racconta la sua esperienza di due anni fa: "Andavo in giro per l'Italia e chiedevo ai cittadini, quando si parlava del tesseramento, 'prendete la tessera per un solo anno'. Qualcuno mi guardava con gli occhi sgranati perchè era per lui una bestemmia". Invece, quel che occorre oggi, è una "tessera a tempo determinato, troppe volte siamo considerati un partito distante, lontano dalla gente. Siamo abituati anche troppo al confronto al nostro interno, dobbiamo chiedere a chi non ha mai fatto esperienza in un partito, a chi viene da un'altra associazione, a chi magari viene da un altro partito, venite con noi, parliamo, discutiamo".
Non manca una sferzata alle correnti: “Troppe volte siamo attenti a quello che ha detto quel leader o quella corrente e diamo l'idea di litigare, di un partito che ogni giorno sta con Bersani contro Renzi, Renzi contro Speranza, a chiedersi se Lotti è un giovane turco o con chi sta Giacomelli. Basta. È finito quel tempo, ci portano via tutti. Non ce ne rendiamo conto, ma non solo diamo l'idea di litigiosità, ma non facciamo il bene del Pd".

Il sottosegretario tocca anche il punto- dolente per una parte della base- del suo rapporto con Denis Verdini, fatto anche di scherzi e canzoni al telefono, raccontato dall'ex berlusconiano alcuni mesi fa in una intervista su Sky.

"Non credo che agli iscritti del mio partito interessi il rapporto fra me e Verdini e fra me e mio padre su Verdini. È importante raccontare perchè in aula il mio partito si comporta in un certo modo, se per fare queste riforme occorre andare in aula e raccontare che i senatori danno voto favorevole a queste riforme non credo che ci sia niente di male. Ci ricordiamo tutti che nessuno aveva vinto le elezioni, in primis la nostra coalizione. Il nostro obiettivo è fare le riforme, fare qualcosa di concreto per i nostri cittadini, se qualcuno vota le unioni civili che anche il gruppo di Ala ha votato non ci vedo niente di male".

Lotti fa mostra di tranquillità anche a proposito delle fibrillazioni interne a Ncd: "Sono movimenti da pre-estate. A me interessa che il governo vada avanti, che faccia cose concrete". Sulle possibili modifiche all'Italicum ribadisce la linea già espressa da Guerini e Serracchiani: "Se qualcuno in Parlamento ha voglia di proporre modifiche si presenta in aula e si offre alla discussione e lì si valuteranno maggioranze presenti o meno su ciò che è modificabile. Quello che conta ora è concentrare l'attenzione sul referendum. Non stiamo facendo un referendum sull'Italicum, ma sulla riforma costituzionale. È una cosa che piace a tanti anche del mio partito quella di legare le due cose, ma sono distinte".

© Riproduzione riservata 22 luglio 2016

Da - http://www.repubblica.it/politica/2016/ ... ef=HREC1-5


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010