Oggi è ven nov 24, 2017 07:38 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Veltroni chieda la lista degli evasori in Liechtenstein
MessaggioInviato: lun mar 03, 2008 21:21 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1407
ROMA - ''Chiedo che venga resa pubblica la lista di questi evasori fiscali, anche perche' non possa essere sottoposta a manipolazioni e gossip''. Cosi' il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, parlando a Porta a porta della lista di possibili evasori fiscali italiani che avrebbero utilizzato conti in Liechtenstein e che e' in possesso dell'Agenzia delle entrate

Non possiamo lasciare questa richiesta solo nelle mani di Casini, e subire delle insinuazioni alla pari di quelle che si faranno al PDL e SB:

Occorre che "DA SUBITO" Veltroni chieda al governo in carica la lista dei nomi.

Non ci sono scuse! Abbiamo ancora il governo e nessuno può insabbiare niente.

Anche se trovassero nomi del PD ... sarebbe utile anche per noi disfarsene subito.

Cari amici, vi prego di appoggiare questa mia richiesta per farla pervenire a Veltroni ... ovviamnete se liberamente siete d'accordo.

Un saluto allarmato

joblack


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Veltroni chieda la lista degli evasori in Liechtenstein
MessaggioInviato: lun mar 03, 2008 21:31 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1407
joblack53 ha scritto:
ROMA - ''Chiedo che venga resa pubblica la lista di questi evasori fiscali, anche perche' non possa essere sottoposta a manipolazioni e gossip''. Cosi' il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, parlando a Porta a porta della lista di possibili evasori fiscali italiani che avrebbero utilizzato conti in Liechtenstein e che e' in possesso dell'Agenzia delle entrate

Non possiamo lasciare questa richiesta solo nelle mani di Casini, e subire delle insinuazioni alla pari di quelle che si faranno al PDL e SB:

Occorre che "DA SUBITO" Veltroni chieda al governo in carica la lista dei nomi.

Non ci sono scuse! Abbiamo ancora il governo e nessuno può insabbiare niente.

Anche se trovassero nomi del PD ... sarebbe utile anche per noi disfarsene subito.

Cari amici, vi prego di appoggiare questa mia richiesta per farla pervenire a Veltroni ... ovviamnete se liberamente siete d'accordo.

Un saluto allarmato

joblack



Agli amici moderatori:

scusate ma ho sbagliato indice del forum.

Potreste cortesemente spostare quest 3D sul forum: Discussioni uliviste in libertà?

Grazie

joblack


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mar 04, 2008 09:45 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
[color=darkblue]Vaduz, due-tre miliardi
nei conti dei quattrocento
di LUCA IEZZI
<B>Vaduz, due-tre miliardi
nei conti dei quattrocento</B>

Il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso

ROMA - I conti di cittadini italiani in Liechtenstein al vaglio della procura di Roma varrebbero 2-3 miliardi di euro. È quanto emerge a un prima analisi della Guardia di Finanza e dei pm Pier Filippo Laviani e Mario Dovinola. Gli accertamenti in questa fase sono incentrati sulla verifica di un lista di 400 nomi acquisita dall'Agenzia delle entrate che a sua volta l'ha avuto grazie alla collaborazione con le altre amministrazioni fiscali d'Europa.

Massimo riserbo sui nomi e, per evitare duplicazioni di atti, la Guardia di finanza acquisirà gli accertamenti effettuati dall'Agenzia delle entrate per "ripulire" i dati, cioè per definire l'identità reale dei titolari dei conti e per accertare se il trasferimento dei capitali nel Liechtenstein è stato denunciato. L'elenco riporta, oltre ai nomi, anche alcune date e luoghi di nascita (per lo più nel Nord Italia). Non risultano, per esempio, le date dei versamenti. Ma nemmeno in Germania, dove la lista originale è stata acquisita dai servizi segreti, è stato mai chiarito quanto sia aggiornata: alcune indiscrezioni dicono che le posizioni non vadano oltre il 2003.

La strada della rogatoria direttamente in Liechtenstein per avere ulteriori chiarimenti si scontra con la tradizionale difficoltà ad ottenere collaborazione dalle autorità del principato su questioni che si imbattono nelle ferree leggi sul segreto bancario.

Agli aspetti criminali collegati alla presenza di conti nel principato è interessata la Direzione nazionale antimafia: "Abbiamo richiesto la lista dei nomi degli italiani che hanno depositi in Liechtenstein, se ce le danno possiamo lavorarci su e poi distribuire a pioggia alle procure d'Italia ciò che eventualmente fosse di loro competenza", ha detto il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. "C'è una economia criminale e mafiosa sommersa che non è mai venuta bene a galla - aggiunge il sostituto procuratore della Dda di Palermo, Antonio Ingroia - perché molti dei capitali di origine illecita sono collocati nei forzieri di banche e finanziarie di certi paesi e numerose nostre indagini hanno evidenziato come anche il Liechtenstein sia uno di quei paesi".

"Massima collaborazione con la magistratura - assicura il direttore generale dell'Agenzia delle Entrate, Massimo Romano - noi garantiremo la massima collaborazione e tutto quello che dobbiamo fare secondo le regole. Per noi si tratta di ordinaria attività di controllo amministrativo". La posizione ribadita è che qualora i controlli facessero emergere rischi di illecito le informazioni saranno girate ai magistrati, ma le regole europee impongono di non poter rendere pubblici i nomi che arrivano grazie alla collaborazione internazionale. Invece sono tanti i leader politici a chiedere proprio di conoscere la composizione. Il leader dell'Udc, Pierferdinando Casini ha chiesto la pubblicazione degli evasori, così come Fausto Bertinotti, numero uno della Sinistra Arcobaleno. Stessa posizione per l'Italia dei Valori.

Al contrario Silvio Berlusconi ha esortato Visco: "Deve rendersi conto che non può dare i nomi goccia a goccia agli organi di stampa amici, ma li deve portare alla magistratura". Cauto Massimo D'Alema: "Io in generale sono per la tutela della privacy, avere un conto in Liechtenstein non significa automaticamente compiere un illecito. Ci sono degli accertamenti in corso".

Sull'impossibilità di rendere pubblici i nomi dei correntisti emersi da un'indagine cominciata in Germania si è anche espresso Il ministro francese del Bilancio, Eric Woerth: "Non è un elenco telefonico e sono contrario a darlo in pasto alla stampa". I francesi coinvolti sarebbero 200. "La somma che rappresenta la lista degli asset trasferiti nel Liechtenstein è circa un miliardo - ha detto Woerth - è possibile che si tratti di danaro trasferito legalmente. E' quello che dobbiamo verificare, non vi è alcun nome noto".

(4 marzo 2008)[/b]
www.repubblica.it


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mar 04, 2008 10:50 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 23861
Caro joblack,

Lascerei questo problema agli avversari, tenendo sulla vicenda un profilo basso.

Le ragioni le ho già espresse in:

http://2007.partitodemocratico.it/forum ... 9&start=30

Come volevasi dimostrare, dopo sei giorni dalla messa in campo di questa lista, la risposta non ha tardato a farsi sentire.

La magistratura partenopea, dormiente per i tredici anni della gestione di Cs, si è all’improvviso svegliata.

Guarda caso nel mezzo di una campagna elettorale.

E’ ipotizzabile, che Visco potesse gestire alla meglio questa vicenda, in quanto è probabile che quella lista non comprenda nomi di questo schieramento, ma solo quello degli avversari.

Pubblicando i nomi di quella lista in cui fossero presenti politici del PD, avrebbe tagliato le gambe alla campagna elettorale di Veltroni.

Possiamo quindi supporre che nomi di questo schieramento non ne esistano.

Con l’uscita di quei nomi, si andrebbe a danneggiare gli avversari e gli industriali legati agli avversari.

Lasciamo quindi che sia il centrodestra a sciogliere la matassa.

Lasciamo che le conseguenze tra la richiesta di Casini e gli esiti, crei un conflitto solo da quella parte.

Teniamoci a debita distanza, perché noi siamo seduti su una polveriera contenente in prevalenza tnt.

Il caso Campania rischia in ogni istante di compromettere tutto.

Perchè è pur vero che come riconoscono gli avversari, ci sono loro responsabilità locali e di governo del Cd (Vietti stamani a Omnibus), ma come ha affermato Penati, PD, alla fine le responsabilità politiche ricadono su chi ha il cerino in mano, e cioè il PD attuale, che tramite gli ex, dirige il traffico da molti anni.

E la chiave di tutto sta in questa affermazione di Bassolino, già anticipata nei primi giorni di gennaio e ripetuta in questi giorni:

Bassolino a Veltroni: <<Se crollo io crolla tutto>>

Roma - Dopo l’ultima litigata telefonica con Walter, ’o governatore non vuole sentire più nessuno. Ha tagliato i fili, eccezion fatta per l’amico Massimo (D’Alema). «Devi fargli capire che se mi mollano, sono guai per tutti. Crollo io, crolla il mondo». Tramite il neo-assessore regionale Claudio Velardi, tramite il ragionevole alter-ego veltroniano Goffredo Bettini, così il presidente della regione Campania manovra per la personale resistenza. Si sente in guerra, vuole «combatterla a testa alta». Disertare è il verbo usato da Antonio Bassolino, che non ci sta a concludere nella munnezza un quindicennio sugli altari.


E’ quel “Crollo io, crolla il mondo” che è preoccupante, perché sappiamo tutti cosa vuol dire quel messaggio in codice.


A.Hopkins


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mar 04, 2008 11:30 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1407
UncleT ha scritto:
Caro joblack,

Lascerei questo problema agli avversari, tenendo sulla vicenda un profilo basso.

Le ragioni le ho già espresse in:

http://2007.partitodemocratico.it/forum ... 9&start=30

Come volevasi dimostrare, dopo sei giorni dalla messa in campo di questa lista, la risposta non ha tardato a farsi sentire.

La magistratura partenopea, dormiente per i tredici anni della gestione di Cs, si è all’improvviso svegliata.

Guarda caso nel mezzo di una campagna elettorale.

E’ ipotizzabile, che Visco potesse gestire alla meglio questa vicenda, in quanto è probabile che quella lista non comprenda nomi di questo schieramento, ma solo quello degli avversari.

Pubblicando i nomi di quella lista in cui fossero presenti politici del PD, avrebbe tagliato le gambe alla campagna elettorale di Veltroni.

Possiamo quindi supporre che nomi di questo schieramento non ne esistano.

Con l’uscita di quei nomi, si andrebbe a danneggiare gli avversari e gli industriali legati agli avversari.

Lasciamo quindi che sia il centrodestra a sciogliere la matassa.

Lasciamo che le conseguenze tra la richiesta di Casini e gli esiti, crei un conflitto solo da quella parte.

Teniamoci a debita distanza, perché noi siamo seduti su una polveriera contenente in prevalenza tnt.

Il caso Campania rischia in ogni istante di compromettere tutto.

Perchè è pur vero che come riconoscono gli avversari, ci sono loro responsabilità locali e di governo del Cd (Vietti stamani a Omnibus), ma come ha affermato Penati, PD, alla fine le responsabilità politiche ricadono su chi ha il cerino in mano, e cioè il PD attuale, che tramite gli ex, dirige il traffico da molti anni.

E la chiave di tutto sta in questa affermazione di Bassolino, già anticipata nei primi giorni di gennaio e ripetuta in questi giorni:

Bassolino a Veltroni: <<Se>>

Roma - Dopo l’ultima litigata telefonica con Walter, ’o governatore non vuole sentire più nessuno. Ha tagliato i fili, eccezion fatta per l’amico Massimo (D’Alema). «Devi fargli capire che se mi mollano, sono guai per tutti. Crollo io, crolla il mondo». Tramite il neo-assessore regionale Claudio Velardi, tramite il ragionevole alter-ego veltroniano Goffredo Bettini, così il presidente della regione Campania manovra per la personale resistenza. Si sente in guerra, vuole «combatterla a testa alta». Disertare è il verbo usato da Antonio Bassolino, che non ci sta a concludere nella munnezza un quindicennio sugli altari.


E’ quel “Crollo io, crolla il mondo” che è preoccupante, perché sappiamo tutti cosa vuol dire quel messaggio in codice.


A.Hopkins


UncleT

mi hai convinto, forse tenere un basso profilo è + opportuno.

Proprio ieri sera sono riuscito a vedere, dopo quasi due anni di silenzio, il film-inchiesta "Uccidete la Democrazia" di Enrico Deaglio.

Un'indagine giornalistica ben fatta, fruibile, forse scomoda, ma onesta.

Accaddero cose strane quella sera della scorsa elezione 2006.

Adesso andiamo a votare con Prodi-Amato e mi sento + tranquillo tranne cne per la Campania (si vota pure là). Che tutto vada in "monnezza" è possibile.

Il fatto è, che una legge elettorale come il "porcellum" ma anche una qualsiasi variante dia un premio di maggioranza per cui basta 1 voto, 1 solo voto per farlo scattare, tutto ciò si presta a brogli. Non capisco perchè bisogna premiare quel solo voto in +.

A questo punto è doveroso modificare subito la legge elettorale (perchè non lo ha fatto Prodi?) o alla francese, o alla tedesca per detensionare il sistema.

Vinca chi vinca, ma trucchi ...no!

Per il bene di tutti.

Un saluto

Joblack

P.S.: Volevo ringraziare i moderatori ed in particolare francescopf per lo spostamento di questo mio 3D proveniente da altro forum. Grazie e scusi per il disturbo arrecato.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010