Oggi è mar giu 19, 2018 05:07 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven apr 06, 2007 11:28 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
Dopo il primo, pubblicato a febbraio, l'Ipcc ha varato il secondo capitolo del documento<BR>Lo studio si concentra sulle drammatiche conseguenze del riscaldamento globale<BR>Clima, trovato l'accordo sul rapporto Onu<BR>"I cambiamenti minacciano uomini e natura"<BR>Tra le situazioni più a rischio, l'accesso all'acqua per milioni di persone e la tutela della biodiversità<BR><BR> <BR>Le emissioni di gas serra sono i principali reponsabili dei cambiamenti climatici<BR>BRUXELLES - La scienza alla fine ha prevalso sulla politica, almeno per il momento. Dopo un temuto rinvio dovuto alle pressioni di Stati Uniti e Cina e Arabia Saudita, preoccupate per le conclusioni decisamente allarmanti, l'Ipcc, l'organismo delle Nazioni Unite che si occupa dei cambiamenti climatici, ha finalmente trovato l'accordo sul secondo capitolo del rapporto 2007. Dopo il primo capitolo sulla fisica dei cambiamenti, pubblicato nel febbraio scorso, quello attuale è il dossier che prende in esame le conseguenze pratiche dei mutamenti. <BR><BR>"Alla fine abbiamo un documento che spero attirerà l'attenzione in tutto il mondo", ha annunciato il presidente dell'Ipcc, Rajendra Pachauri. "Stiamo facendo le ultime correzioni della bozza - ha aggiunto - il lavoro non è facile ed è un documento complesso". Nella notte, tra mille tensioni, è stata fatta un'estenuante opera di limatura, correggendo alcuni aggettivi e alcune definizioni ("alto rischio" riferito al timore di perdita di biodiversità è divenuto ad esempio "crescente rischio"), ma la sostanza delle conclusioni messe insieme dallo staff di oltre duemila scienziati coordinato dall'Ipcc non è cambiata ed è la stessa anticipata dalla stampa nei giorni scorsi. <BR><BR>L'allarme per le conseguenze pratiche sulla vita umana e gli ecosistemi portate dal riscaldamento globale lanciato nel documento è pesantissimo. Stando alle previsioni basate su proiezioni scientifiche, già tra venti anni centinaia di milioni di persone rimarranno senza acqua a causa della siccità, mentre epidemie come la malaria si estenderanno anche in zone non tropicali. Nel 2050 l'Europa potrebbe perdere tutti i suoi ghiacciai e nel 2100 metà della vegetazione mondiale potrebbe essere estinta. Inoltre si ripeteranno ondate di calore anomalo in grado di uccidere migliaia di persone ed eventi climatici estremi come inondazioni e alluvioni. <BR><BR>Rispetto al precedente rapporto, pubblicato dall'Ipcc nel 2001, quello attuale è molto più allarmato e circostanziato e soprattutto affronta il riscaldamento globale non più come una vaga minaccia per un futuro lontano, ma come un fenomeno che sta già producendo i suoi effetti. "I cambiamenti climatici - spiega Neil Adger, uno dei leader della delegazione britannica nell'organismo Onu - non è qualcosa che riguarda il futuro, è già tra noi". Dopo l'estate l'Ipcc pubblicherà anche il terzo capitolo del suo rapporto 2007 nel quale vengono affrontati i possibili rimedi per contrastare il riscaldamento globale e mitigarne gli effetti. <BR><BR>(6 aprile 2007)<BR>www.repubblica.it


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mag 15, 2007 13:19 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 3234
Bruxelles, 12:34<BR>CLIMA: KYOTO, UE TAGLIA PIANO EMISSIONI ITALIA DEL 6,3%<BR><BR>La commissione europea ha accettato il piano nazionale di allocazione delle emissioni di CO2 dell'Italia per il periodo 2008-2012 a patto di diminuire il totale delle emissioni consentite da 209 milioni di tonnellate a 195,8 per una riduzione totale del 6,3%. Lo ha annunciato la portavoce del commissario Ue all'Ambiente Stavros Dimas, Barbara Helffreich. Il piano nazionale di emissioni si inserisce nel contesto del sistema di scambio di emissioni europeo che serve a rispettare il protocollo di Kyoto per la riduzione di emissioni di gas serra.<BR><BR>15 maggio 2007<BR>www.repubblica.it


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010