Oggi è lun lug 23, 2018 19:23 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 23, 2006 10:10 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 3
Buongiorno,<BR>   sono un appassionato di energia convenzionale ed ecologica. In questi giorni sto seguendo con molta apprensione gli sviluppi politici relativi alla gestione del gas europeo. Con profondo rammarico noto che il governo accecato da chissa quali logiche non si accorge di minare con il suo comportamento una leadership tecnologica europea com'è quella di ENI nel campo del gas naturale.<BR>Quest'azienda ha gestito come unico forte interlocutore i rapporti con i produttori di gas fino ad oggi. Ebbene, adesso sembra che i problemi energetici siano colpa sua. Ma come si può affermare una cosa del genere? Anche il + sprovveduto capirebbe che indebolire le posizioni di forza di ENI nel mercato mondiale del gas non può che essere controproducente proprio per i consumatori finali. Un esempio spero possa facilitare la comprensione di quanto detto sopra: se nel mio paesino ogni capo famiglia si reca a comprare la carne dal macellaio questi farà a ciascuno un prezzo X. Se invece dal macellaio ci va un portavoce di tutto il paese a contrattare l'acquisto di un quantitativo pari alla somma dei fabbisogni dei singoli abitanti quanto pensate che possa essere il prezzo? Io credo X - Y. <BR>Quindi facciamo capire al buon Prodi che la strada che sta percorrendo è sbagliata, dannosa e soprattutto controproducente in termini economici, d'immagine e anche politici.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 23, 2006 11:41 am 
La vicenda è molto complessa.<BR>C'è il parere del garante che vorrebbe liberalizzare, i prezzi nazionali continuano a essere alti. Mi sembra comunque che al momento Bersani sia piuttosto prudente sull'argomento, e l'incontro tra Putin e Prodi è stato molto positivo. Inoltre il Governo sta affrontando, forse per la prima volta, il problema dell'emergenza gas con una logica di medio periodo.<BR>Comunque anche io penso che costringere ENI a vendere Snam Rete Gas e la rete di stoccaggio Stogit, sia un errore. <BR><BR>ciao<BR>Babar


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 23, 2006 12:51 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 3
Mi trovi totalmente daccordo in merito ai prezzi alti. Ma risottolineo che qualora subentrassero altri interlocutori - vettori con minor potere di ENI il risultato che otterremmo sarebbe disastroso.<BR>Poi, scusa ma ad un amante della patria come me vengono dei coccoloni al solo pensare che si possa perdere una delle pochissime leadership italiane: ENI.<BR>Sono 15 anni che quest'ultima fa investimenti consistenti di ogni tipo anche nel campo ecologico. E adesso la vogliamo smembrare. No questo non posso crederlo. Prodi è troppo intelligente anche solo per pensarla una cosa simile.<BR>Buona giornata


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 23, 2006 13:08 pm 
Ma, non penso che abbiano intenzione di smembrarla, sarebbe assurdo. Poi lo smembramento della catena verticale non risolve i problemi della concorrenza, visto che i fornitori di gas sono sempre quelli e gli investimenti da fare enormi.<BR><BR>Comunque il piano portato avanti da Bersani per fronteggiare l'emergenza è valido.<BR><BR>Ecco, in sintesi, il piano-Bersani per l'emergenza-gas, fra misure per fronteggiare il prossimo inverno e interventi d'impatto, per tirare l'Italia fuori dalla crisi.<BR><BR>-PIU' IMPORT PER 1,2 MLD METRI CUBI Per fronteggiare una domanda che, fra novembre 2006 e marzo 2007, si prevede salga a 51,8 miliardi di metri cubi, entro luglio sarà pronta una direttiva che obbligherà le società che trasportano gas sulla rete italiana a "massimizzare i contratti di import". Misura che, secondo Bersani, dovrebbe portare 1,2 mld di gas in più rispetto allo scorso inverno.<BR><BR>-AZIONE DIPLOMATICA CON PAESI FORNITORI Per avere garanzie sugli approvvigionamenti da paesi come la Russia, Bersani promette una "azione diplomatica verso i paesi fornitori e le autorita".<BR><BR>-PRONTE RISERVE STRATEGICHE In vista dei mesi più freddi, Bersani punta a erogare tutto lo stoccaggio di modulazione (8,4 miliardi di metri cubi contro i 7,8 miliardi dello scorso inverno). E se necessario è pronto a utilizzare 600 milioni di metri cubi della riserva strategica, meno dei 1.200 per evitare un drenaggio eccessivo che non permetterebbe, poi, di far fronte a punte improvvise.<BR><BR>-PIU' CARO GAS TERMOELETTRICO Ma il piano d'emergenza di Bersani, oltre che sull'offerta, vuole agire anche sulla domanda di gas: prima dell'estate il ministro emanerà una direttiva in base alla quale l'Authority dovrà determinare tariffe più care per le centrali elettriche, per frenare l'eccessiva richiesta di gas per il termoelettrico.<BR>Risparmiando complessivamente circa 300 milioni di metri cubi.<BR><BR>-CONTRATTI INTERROMPIBILI E CENTRALI A OLIO Saranno nuovamente attivati contratti di fornitura interrompibili, con una quota minima di clienti interrompibili per le società di trasporto. E poi sarà massimizzato l'impiego di olio combustibile per le centrali elettriche, risparmiando così 200-300 milioni di metri cubi di gas al mese.<BR><BR>-POSSIBILE NUOVO TAGLIO RISCALDAMENTO saranno anche i cittadini a dover fare qualche sacrificio: Bersani prevede "una campagna di sensibilizzazione per il risparmio di gas", ma anche, se necessario, "un decreto per la riduzione delle temperature e dei tempi di riscaldamento nel settore civile".<BR><BR>-POTENZIARE GASDOTTI E STOCCAGGI Non c'é solo il prossimo inverno nel mirino del piano di emergenza. Fra le misure previste per tirare fuori l'Italia dalla crisi del gas, Bersani prevede "azioni per accelerare al 1° ottobre 2008, rispetto all'attuale previsione dell'aprile 2009, la seconda fase del potenziamento dei gasdotti di transito in Austria", con una capacità di trasporto aggiuntiva di 3,3 miliardi di metri cubi. E sarà promosso lo sviluppo di nuovi gasdotti (operativi però non prima del 2010): con la Grecia per l'importazione di gas proveniente dalla Turchia, e con l'Algeria. Per potenziare gli stoccaggi, Bersani intende dare entro fine anno cinque nuove concessioni a chi farà investimenti. E chi investirà potrà utilizzare almeno l'80% della nuova capacità per 20 anni.<BR><BR>-UNO O DUE RIGASSIFICATORI ENTRO DUE ANNI Altro obiettivo del piano è "promuovere la realizzazione di nuovi terminali di rigassificazione di Gnl": Bersani, in proposito, sta sentendo gli operatori e spera che "almeno uno, o meglio ancora due rigassificatori siano in funzione nel 2008".<BR>(ANSA).<BR><BR>  <BR><BR>


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven giu 23, 2006 13:56 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:04 pm
Messaggi: 3
Mi auguro fortemente che non si voglia indebolire ENI. <BR>Tuttavia l'atteggiamento poco trasparente (in senso buono) degli ultimi giorni mi preoccupa molto.<BR>In merito ai vari punti indicati. Sono parzialmente contento di quanto previsto ma rimango molto scettico sui risultati a medio lungo termine.<BR>Mi spiego meglio. Si vuole aumentare l'import diminuendo i costi e contemporaneamente si dice che si disincentiveranno i consumi (ovviamente aumentando i costi). Questo in poche parole il succo del discorso. Ma ci sono strade decisamente + accattivanti da percorrere che avrebbero un impatto economico enormemente positivo risolvendo il problema alla fonte e non a valle. Quello che mi lascia perplesso è il fatto che nessuno ne parli. Eppure come sono venute in mente al sottoscritto credo che possano venire in mente a chiunque mastichi un po di economia. Credo e mi auguro di leggere fra non molto qualcosa di veramente innovativo, che non sia un minestrone di soluzioni già viste  che hanno avuto scarsi risultati.<BR>Siamo un paese di mare, di sole  (anche se io il mare lo vedo solo in ferie) <BR>non abbiamo petrolio ma queste risorse enormi (il mare), sfruttiamole!<BR>Scusami se quando parlo di queste cose scrivo tutto d'un fiato e faccio mille errori. E' la passione che mi frega.<BR>Di nuovo buona giornata.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010