Oggi è mer apr 25, 2018 00:35 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 11, 2006 15:02 pm 
Leggi ambientali<br>Ho letto il programma dell'Unione e ho trovato qualcosa sulle leggi ambientali. Ovviamente la materia è molto più vasta di quanto si possa mettere su un programma politico di legislatura, però, se possibile, mi piacerebbe sapere come andrà a finire il testo unico in tema ambientale proposto nella ormai passata legislatura.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mar 28, 2006 10:25 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1696
Ciao.<BR>un fronte importante si è riaperto pochi giorni fa grazie alla richiesta di chiarimenti del presidente della repubblica sul testo unico in materia ambientale, che, parimenti a quello sulla sicurezza sul lavoro (distrutto e ritirato dal governo grazie alla ferma opposizione di tutte le categore professionali), imponeva una colossale deregulation in materia ambientale (dove già scontiamo il record di infrazioni airettive comunitarie e di innalzamento delle % di gas serra sulle quote stabilite a kyioto). non significa rinvio alle camere, ma è comunque un buon segno, perchè dovcrà occuparsene il nuovo parlamento dove si presuppone saremo noi in maggioranza e cambieremo questo scempio.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 05, 2006 19:43 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 269
Caro michel, oggi Ciampi ha fimato per legge il Testo Unico ambientale.<BR>Ho letto molte critiche su questo testo. Dato che sono dell'ambiente (scusa il gioco di parole) dovrò leggermi tutte le 700 e più pagine. Son sicuro però che susciterà in me e agli addetti ai lavori più dubbi che altro...speriamo nel futuro.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer apr 05, 2006 19:46 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:03 pm
Messaggi: 269
Codice dell'ambiente<BR> <BR><BR>Articoli e primi commenti sul Codice dell'Ambiente<BR><BR> <BR><BR>____________<BR><BR> <BR><BR> DELEGA AMBIENTALE: CIAMPI HA FIRMATO IL DECRETO LEGISLATIVO<BR><BR>(ANSA) - ROMA - Il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, a quanto si apprende, ha controfirmato il decreto legislativo sull'ambiente. Si tratta del provvedimento sul quale il capo dello Stato aveva chiesto chiarimenti al governo. Il 20 marzo scorso, il Presidente della Repubblica, dopo aver esaminato il provvedimento trasmesso da Palazzo Chigi, aveva chiesto per lettera dei chiarimenti al governo, sollevando una questione di metodo relativa al parere negativo espresso dalla Conferenza Stato-Regioni sulla delega ambientale, e sulla eventualita' di un parere del Consiglio di Stato.<BR><BR>- LE NOVITA': Tra le modifiche apportate la scorsa settimana dal Governo, sulla base dei chiarimenti richiesti dal Quirinale, la specifica formale della titolarita' delle associazioni ambientaliste nei procedimenti per danno ambientale. Il decreto legislativo che attua la delega ambientale aveva avuto il via libera definitivo da parte del Consiglio dei Ministri lo scorso 10 febbraio, in terza lettura. Si tratta di un codice di oltre 700 pagine, 318 articoli e 45 allegati. Tra le novita' incentivi alle rinnovabili al Sud e rafforzamento della clausola sociale per tutelare i lavoratori in alcuni settori ambientali. Introdotti anche tempi certi per i procedimenti di Valutazione di impatto ambientale. Il disegno di legge di delega era stato approvato per la prima volta in Consiglio dei Ministri il 9 agosto del 2001 e aveva concluso il suo iter parlamentare il 24 novembre del 2004. La Commissione di saggi istituita ad hoc per la scrittura dei testi aveva concluso il suo lavoro a settembre del 2005. Il Consiglio dei Ministri aveva quindi approvato il testo in prima lettura il 18 novembre 2005 e in seconda lettura il 19 gennaio 2006. (ANSA) 03/04/2006 18:12<BR><BR>____________<BR><BR> <BR><BR>AMBIENTE: DELEGA; COSA PREVEDE IL CODICE VERDE / SCHEDA<BR><BR>(ANSA) - ROMA, 3 APR - Questo quanto prevede il Codice dell' Ambiente: - Via (Valutazione di impatto ambientale), Vas (Valutazione ambientale strategica), Ippc (Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento): Integrale recepimento di quattro direttive. Scansione puntuale dei procedimenti Via per garantire il completamento di tutte le procedure in tempi certi. Anche per la Via ordinaria verra' esaminato il progetto preliminare. Definizione dei meccanismi di coordinamento tra Via e Vas e tra Via e Ippc. Introduzione di un sistema di controlli successivi. Accoglimento del principio del silenzio-rifiuto e rafforzamento della disciplina di informazione al pubblico. - Difesa suolo, lotta alla desertificazione, tutela delle acque e gestione delle risorse idriche: Riordino e coordinamento delle disposizioni normative frammentate in una pluralita' di testi e interconnesse come la difesa del suolo, la tutela delle acque, la gestione delle risorse idriche. Integrale recepimento della direttiva 2000/60/Ce in materia di acque che prevede l' istituzione di Autorita' di bacino distrettuali e la definizione dei distretti idrografici, che sono stati definiti in sette (Distretto delle Alpi Orientali, che comprende i bacini dell' Adige e dell'Alto Adriatico; Distretto Padano, che segue la geografia dell'attuale Autorita' di bacino del Po; Distretto dell'Appennino Settentrionale, che comprende il bacino dell' Arno, della Liguria, i bacini meridionali dell'Emilia e quelli settentrionali delle Marche; Distretto Appennino Centrale, che include il bacino del Tevere, quelli delle Marche meridionali, dell Umbria e dell Abruzzo; Distretto Appennino Meridionale, che include anche tutti i bacini dell'Italia meridionale; Distretto idrografico della Sicilia e Distretto idrografico della Sardegna). Individuazione del Piano di gestione come strumento di pianificazione, riconferma del principio di pubblicita' delle acque. Rafforzamento della clausola sociale per tutelare i lavoratori dei servizi idrici e di igiene urbana. - Rifiuti e bonifiche: Vengono riordinate e coordinate le disposizioni normative concernenti questi settori. Per le bonifiche vengono confermati sostanzialmente i parametri in vigore per la definizione di 'sito inquinato' e per la successiva bonifica viene compiuta un'analisi di rischio, viene confermato anche il meccanismo dell'accordo di programma che ha dato buoni risultati e che prevede procedure piu' snelle e tempi piu' veloci nel pieno rispetto dell'ambiente. Vengono ridefinite le priorita' nella gestione dei rifiuti in conformita' con la normativa UE. Viene istituita inoltre un'Authority per acque e rifiuti, creando due sezioni al posto del vecchio Comitato di vigilanza sull'uso delle risorse idriche e dell'Osservatorio nazionale dei rifiuti, con una diminuzione nel numero degli organi. Viene riconosciuto il ruolo delle Province in materia di rifiuti. - Tutela dell'aria: Riordino e coordinamento di tutte le misure concernenti la prevenzione dell'inquinamento dell'aria; promozione del ricorso alle migliori tecniche disponibili; introduzione di una durata fissa per l'autorizzazione pari a 15 anni. L'apparato sanzionatorio non e' stato variato rispetto al passato in quanto la delega non prevedeva modifiche di questo capitolo. Impegni maggiori sulle fonti rinnovabili con priorita' nel dispacciamento e interventi finanziari per incentivare l' energia rinnovabile al Sud, soprattutto per raggiungere gli obiettivi di Kyoto. - Danno ambientale: Viene definita la nozione di danno ambientale e una nuova disciplina in materia per conseguire l' effettivita' delle sanzioni amministrative e viene applicato il principio che chi inquina paga. Per accorciare i tempi del risarcimento del danno, ad oggi il Ministero ha incassato soltanto le somme derivanti da transazioni, e' prevista un' ordinanza-ingiunzione per il risarcimento del danno che dara' la possibilita' al Ministero di incassare in modo certo e veloce le somme. Viene recepita integralmente la direttiva europea. (ANSA). 03/04/2006 19:12 <BR><BR>http://www.ambientediritto.it/dottrina/attualit%E0%202003/Codice_Ambiente.htm


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 4 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010