Oggi è sab mag 26, 2018 23:40 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer gen 26, 2005 12:59 pm 
Lombardia<br>dal sito www.sondaggipoliticoelettorali.it <br> <br>Domanda : <br>D1 – Se ieri si fossero tenute le elezioni regionali per la Lombardia a quale partito avrebbe dato la Sua preferenza? <br>D2) Se ieri si fossero tenute le elezioni per eleggere il nuovo Presidente della regione Lombardia a quale candidato avrebbe dato la sua preferenza?. <br> <br>Risposta: <br>D1) Forza Italia 25,8; UDC 2,9; Alleanza Nazionale 5,0; Lega Nord 14,0; Nuovo PSI 1,0; Altri centrodestra 1,0; TOTALE CENTRODESTRA 49,7; Democratici di Sinistra 15,7; La Margherita 14,9; SDI 1,0; Rifondazione Comunista 6,0; Federazione dei Verdi 2,5; Lista Di Pietro 1,1; Comunisti Italiani 1,8; Alleanza Popolare/UDeuR 0,3; Altri centrosinistra 1,5; TOTALE CENTROSINISTRA 44,8; Lista Bonino 3,0; Altri partiti 2,5 - <br> <br>D2) Roberto Formigoni 57,0; Riccardo Sarfatti 37,0


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer gen 26, 2005 13:10 pm 
Re: Lombardia<br>Purtroppo il sondaggio sembra presagire il voto disgiunto a nostro sfavore. <br>E questa volta con la lista regionale si eleggeranno 16 consiglieri anzicche'8. <br>Il divario fra le coalizioni e' meno di 5 punti , sale a 20 quello fra i candidati. <br>Ci si puo' consolare ricordando che nel 2000 i divari furono : <br>fra coalizioni : 35,5% ( sondaggio 4,9%) <br>fra i candidati : 30,9% ( sondaggio 20,0% ) <br>Il divario si potra'restringere man mano che Sarfatti si fara' conoscere . a mio avviso dovrebbe essere piu' aggressivo in particolare contro Formigoni. <br>Il nostro pi' grande alleato e' la INCXXXXXura della gente ( il nostro GENERALE INVERNO ) <br>Il sondaggio ci autorizza a sperare. <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer gen 26, 2005 18:38 pm 
Re: Lombardia<br>Finalmente Riccardo Sarfatti ha aperto un sito come candidato presidente della Lombardia. <br> <br>http://www.riccardosarfatti.it/ <br> <br>Buona navigazione agli ulivisti lombardi ( che se non abitano sui laghi di Como o Garda di ulivi ne han visti pochi e quindi sono persone di grande ed incrollabile fede ) <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 27, 2005 02:15 am 
Re: Lombardia<br>Riccardo Sarfatti nel suo sito sollecita suggerimenti per il programma. <br> <br>>Il programma è ancora in corso di definizione e >sarà disponibile intorno al 10 di febbraio. Ritengo >sia molto importante ascoltare tutte le realtà della >nostra regione, e in questa sezione del sito ogni >cittadino può dare il proprio contributo, segnalando >proposte e esigenze. <br>>Come dire la vostra? <br> <br>>Inviando una email a >programma@sarfattipresidente.it <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab gen 29, 2005 22:24 pm 
Re: Lombardia<br>FORMIGONI : UN COLPO DI BUON GOVERNO!!! <br> <br>Lo scorso anno la regione Lombardia ha ELARGITO , tramite la COMUNITA MONTANA LARIO INTELVESE ( 26 microcomuni - 27525 abitanti ) 3,9 miliardi di euro di cui 1,4 ai comuni , 2,5 ad imprese commerciali tutte praticamente individuali e gia’ avviate.. <br>Le imprese commerciali beneficiate sono state 51 : ad un primo terzo sono andati l’11,3% dei fondi ( contributi da 15000 euro a 21000) , al secondo terzo il 27,8% ( da 21000 euro a 58000 ) all’ultimo terzo il 60,9% ( da 58300 euro a 185000 euro ) <br>Sono stati beneficiati moltissimi bar , negozi , ristoranti , concessionarie di autovetture , autofficine e perfino una farmacia. <br>Io conosco quasi tutte le realta' e posso dire che e' uno schifo : un esempio di sperpero di denaro pubblico. <br>I contributi sono chiaramente clientelari : con gli stessi soldi si sarebbero potuti finanziare 5 o 6 <br>programmi imprenditoriali di giovani che avrebbero potuto portare occupazione e ricchezza : ma, ahime’ , avrebbero portato molto meno voti clientelari. <br>Io sono contrario a tutti i contributi alle imprese in genere che non siano finalizzati ad un progetto innovativo ( in questo caso vedo meglio il prestito agevolato che coinvolge di piu’ il beneficiario nella responsabilita’ ) o , in via straordinaria , a superare una crisi temporanea: ma quelli ad imprese commerciali gia’ operanti sono veramente un controsenso : infatti una impresa commerciale o e’ nel mercato e produce margine sufficiente per sostenersi oppure non sara’ un contributo una tantum che la salva. <br>E per sostenere i contributi ai privati e’ come se ogni abitante della zona avesse rinunciato a circa 100 euro o se vogliamo all’equivalente di 50 tickets / medicinali a testa. <br> <br>Per attenuare la mia indignazione un mio conoscente mi ha detto che i contributi erogati a certa pseudo-agricoltura sono ancora piu' scandalosi! <br> <br>Non e' vero che mancano i soldi agli enti locali e' che li sprecano per acquistare il consenso : se i soldi a disposizione diminuiscono tagliano i servizi ma non le elargizioni clientelari. <br> <br>Mi chiedo anche a cosa servono le COMUNITA' MONTANE e tutte le altre strutture intermedie fra comuni e province : considerata l’appetibilita’ di un posto di consigliere di una comunita’ montana devo <br>concludere che servono solo ai galoppini di partito. <br> <br>L’unica cosa utile e’ invece promuovere l'unione dei piccoli comuni ; con la mobilita’ di oggi questo non crea problemi e da’ solo vantaggi permettendo una economia di scala per i costi. <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 01, 2005 13:26 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 25
Re: Lombardia<br>Lombardia, terra di ricchezza ed industria, 1 dei motori del nostro paese, 1 delle sedi principali della nascita del liberismo ed affermazione e radicamento della tradizione popolare. <br>la Lombardia è la sede delle destre, il bastione di berlusconi. Lombardia è come l'Emiglia per noi. Milano VS Bologna. <br>detto questo è facile immaginare che la Lombardia non verrà presa, grazie a Formigoni, un uomo abile, indubbiamente dalle notevoli qualità, prima di tutto un moderatismo caro ai più. non si sbilancia con la lega ed anzi è promotore di apertura verso il centro (sinistra) basti pensare alla sua LISTA, ormai bocciata. Formigoni non è l'uomo del partito, ma è 1 che abbraccia trasversalmente una ampia zona di elettori, sa ciò che fà. <br>la linea adottata può essere discutibile o non condivisa, ma sono certo che per la sua competenza egli avrà ruoli ben più rilevanti nelle destre in futuro. Tornando però al principio. se Maroni fosse corso da solo, certo è che avremmo vinto, ma non qualitativamente, bensì quantitativamente. ciò è buono, ma non ottimo. l'eccellenza la si raggiunge solo riuscendo a comunicare con la gente, farsi carico dei loro fardelli, infondere fiducia. questo dobbiamo imparare e questo deve fare il centro sinistra. Un saluto compagni ed amici.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 02, 2005 23:22 pm 
Re: Lombardia<br>Il sondaggio ( 18-19 gennaio ) del Clandestino e' brutto ma mostra un grande avanzamento della coalizione rispetto al 2000 con una clamorosa riduzione dello svantaggio specialmente nel voto per i partiti.( ridotto da 35,5 punti percentuali e meno di 5 punti ) <br> <br>Sintesi dei risultati del sondaggio : <br>---Per la lista regionale del Presidente <br> <br>Fornigoni :57% ( 62,4% ) <br>Sarfatti : 37% ( 33,5% - Martinazzoli ) <br>Altri : 6.0% (4,1%) <br> <br>---Per le liste provinciali dei partiti : <br> <br>CDX : 49,7% ( 65,8% ) <br>CSX : 44,8% ( 30,3% ) <br>Altri : 5,5% ( 3,9% ) <br> <br>Nei risultati 2000 ho sommato a CSX ed a Marinazzoli i voti dei Comunisti Italiani che avevano corso da soli con Nesi. <br> <br>Sarfatti deve farsi conoscere se vuole migliorare ed a mio avviso deve andare di piu' tra la gente. <br>Finora ha visitato quattro province : Varese , Bergamo , Brescia e Sondrio ma con un programma limitato ad incontri con le istituzioni ( vedere programma della visita a Sondrio ) <br> <br>31 Gennaio 2005 <br>Giornata di Riccardo Sarfatti a Sondrio <br>candidato Presidente della Regione Lombardia <br> <br>Programma degli incontri pubblici di Riccardo Sarfatti <br> <br>11.30 Bormio incontro Comunità Montana con presidente Trabucchi. A seguire, presenza di Riccardo Sarfatti presso l'«arrivo» della pista dei Mondiali di Sci. <br> <br>12.30 alle Terme di Bormio, incontro con Sindaco di Bormio e proprietà Terme <br> <br>15.30 visita Azienda Enologica <br> <br>16.30 a Sondrio, Hotel Posta, incontro con i segretari della GAD <br> <br>17.15 Conferenza stampa, Hotel Posta, Sondrio. <br>al termine aperitivo <br> <br> <br> <br>Con il casino dei trasporti sarebbe magari stato piu' proficuo che salisse su qualche treno di pendolari o che si presentasse all'uscita di qualche grosso stabilimento ( in crisi o no ) <br>E' urgente che si faccia conoscere perche' fra 60 giorni esatti si vota. <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 07, 2005 01:11 am 
Re: Lombardia<br>>sondaggio ( 18-19 gennaio ) del Clandestino <br> <br>> ---Per la lista regionale del Presidente <br>> <br>> Fornigoni :57% ( 62,4% ) <br>> Sarfatti : 37% ( 33,5% - Martinazzoli ) <br>> Altri : 6.0% (4,1%) <br> <br>Sarfatti riduce il gap da Formigoni ( da -20 a -18 punti ) <br> <br>sondaggio ( 2 febbraio ) di IPR <br> <br>Fornigoni :58% <br>Sarfatti :40% <br>Altri : 2% <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar feb 08, 2005 12:41 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1696
Re: Lombardia<br>Ciao a tutti, <br>riassumendo dai vari sondaggi disponibili: <br>Liguria: in testa Burlando <br>Piemonte: in testa Bresso <br>Lombardia: in testa Formigoni (con forte recupero ns. su regionali 2000 ed europee 2004) <br>Lazio: in testa Marrazzo <br>Campania: in testa Bassolino <br>Puglia: in testa Vendola <br>Calabria: in testa Loiero <br> <br>una sola parola: <br>MOBILITAZIONE !!!!! <br>Ce la possiamo e dobbiamo fare !!! <br>Andrea


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 09, 2005 13:56 pm 
l'Onu indaga su Formigoni<br>Già lo si sapeva da mesi. Non credo sia una novità per chi segue la politica. <br> <br>Vediamo cosa dice la stampa di oggi: <br> <br>www.repubblica.it <br>Un'inchiesta del Sole-24 ore e del Financial Times svela <br>la "pista italiana" seguita dagli ispettori delle Nazioni Unite <br>Lo scandalo 'Oil for food' in Iraq: <br>l'Onu indaga su Formigoni <br>Secondo le rivelazioni dei due quotidiani, il governatore <br>della Lombardia agiva attraverso la società Cogep <br> <br>Il governatore della Lombardia Roberto Formigoni <br> <br>ROMA - La commissione speciale dell'Onu che sta indagando sulle degenerazioni del programma 'Oil for food' ritiene che nella vicenda sia coinvolto anche il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. E' quanto si apprende da un'inchiesta condotta dai quotidiani Il Sole-24 ore e Financial Times. Secondo quanto riporta oggi il giornale italiano, Formigoni risulta il maggiore beneficiario tra tutti i politici occidentali delle assegnazioni petrolifere segrete a prezzi di favore in cambio del supporto nella campagna contro le sanzioni Onu. <br> <br>L'elenco dei possibili beneficiari comprende 270 persone di 52 Paesi. E' stato redatto dal ministero del Petrolio di Bagdad e pubblicato nel gennaio dello scorso anno dal giornale iracheno Al Mada. Il Sole-24 ore riferisce di aver contattato Formigoni, che però non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Il governatore della Lombardia, si legge nell'elenco, ha ottenuto dal regime iracheno 'buoni' per 24 milioni di barili. I 'buoni' erano semplici comunicazioni telefoniche o via fax, con le quali gli assegnatari comunicavano alla Somo, la società petrolifera di stato irachena, a quale azienda intendevano trasferirli. A quel punto si creava un documento ufficiale, che veniva inviato all'Onu. <br> <br>Il programma 'Oil for food' fu creato il 14 aprile 1995, quando il Consiglio di sicurezza approvò la risoluzione 986, con la quale permetteva all'Iraq di vendere petrolio sotto la stretta supervisione Onu. L'obiettivo era fare in modo che gli introiti delle vendite di petrolio venissero utilizzate per l'acquisto di derrate alimentari, medicinali e beni di prima necessità. Invece il governo di Saddam Hussein trovò il modo di aggirare i divieti, e di vendere sottobanco il petrolio a prezzi di estremo favore creando dei fondi neri, che vennero utilizzati in un primo momento per 'ricompensare' politici e opinion-maker di tutto il mondo disposti ad attivarsi in una campagna contro le sanzioni all'Iraq, e in un secondo momento per l'acquisto di armi e comunque per la costituzione di fondi neri a disposizione del regime. A un certo punto Saddam impose su tutti i prodotti esportati in Iraq e sugli acquisti di petrolio una 'tassa' del 10 per cento. Le maggiori società petrolifere rifiutarono di pagarla bollandola come una tangente, ma alcune compagnie più piccole accettarono il ricatto, traendone grandi vantaggi economici. <br> <br>Tra queste l'italiana Cogep (Costieri Genovesi Petroliferi), "una piccola azienda di prodotti petroliferi raffinati" divenuta dal '98 "interlocutore privilegiato" della società petrolifera di Stato irachena Somo. Come? Il Sole-24 ore e Financial Times sono entrati in possesso di un fax spedito l'8 giugno 1998 da Formigoni all'ex vicepresidente iracheno Tarek Aziz, nel quale si legge: "Eccellenza, in seguito al nostro incontro a Roma, del quale le sono grato, poiché so che Somo sta firmando i nuovi contratti, mi lasci ricordarle i nomi delle società petrolifere italiane che le ho segnalato: una è la Cogep e l'altra la Nrg Oil. Molte grazie per quello che sarà in grado di fare. Cordiali saluti, Roberto Formigoni". Da due note scritte a mano in arabo risulta che il fax è stato tradotto al ministro del Petrolio e al direttore esecutivo della Somo. <br> <br>Il titolare della Cogep, Natalio Catanese, ha negato tuttavia che i contratti ottenuti dalla Somo fossero collegati all'intervento di Formigoni. Ma i due quotidiani finanziari sostengono che il primo contratto della Cogep con la Somo non sia stato firmato da un rappresentante della società, ma da un consulente di Formigoni, Marco De Petro, ex onorevole democristiano ed ex sindaco di Chiavari. Anche De Petro nega tuttavia la circostanza. Il governatore della Lombardia si è limitato ad affermare qualche tempo fa di "aver aiutato aziende italiane a fare affari con l'Iraq nell'ambito del programma Oil for food". <br> <br>Formigoni, appura ancora l'inchiesta, continuò a ricevere "buoni" di petrolio dall'Iraq anche dopo il 2000, quando la Somo offrì petrolio solo a chi era disposto a pagare una 'sovrattassa' del 10 per cento al regime. La natura illegale di questo pagamento risultava dal fatto che tutti i versamenti vennero effettuati su uno speciale conto aperto presso la banca UBS a Lugano, non quello della Paribas a Ginevra autorizzato dal programma 'Oil for food' dell'Onu. Gli incassi del 10 per cento sono serviti a costituire cospicui fondi neri del regime. <br> <br>Nell'aprile 2004, conclude l'articolo del Sole-24 ore, in una mozione presentata dall'opposizione nel consiglio della Giunta regionale lombarda fu chiesto al presidente Formigoni di rassicurare i cittadini lombardi di non aver fatto "opera di intermediazione petrolifera. Perché ogni opera di intermediazione politica porta con sé vantaggi economici". Formigoni non ha mai risposto. Dopo la pubblicazione dell'articolo odierno, la richiesta di riferire in aula sulla questione è stata ripetuta dal capogruppo Ds in Consiglio regionale, Pierangelo Ferrari. <br>(9 febbraio 2005)


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 09, 2005 14:24 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 1696
Re: l'Onu indaga su Formigoni<br>niente male il modello lombardo di governo: <br>Sirchia indagato per tangenti nella sanità <br>Formigoni coinvolto nello scandalo OIL for FOOD <br>Se perdiamo anche stavolta ... <br>A presto <br>Andrea


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer feb 09, 2005 19:50 pm 
Re: l'Onu indaga su Formigoni<br>Questo e' il dramma ! <br>Sarfatti fa fatica a farsi conoscere. <br>Si parla tanto di metodo Penati ma : <br> <br>-Penati era da anni ospite fisso delle TV locali <br>-La campagna di Penati si e' svolta contemporaneamente a quella dei sindaci e tutti gli aspiranti sindaci e consiglieri del CSX oltre che per loro facevano campagna per Penati <br>-la campagna di Penati e' durata almeno un anno con un attivismo esemplare del candidato stesso <br>-tutti i big nazionali sono venuti a Milano ed hanno sostenuto Penati ( cosi' come Zaccaria ) <br>Prima delle elezioni verranno anche per Sarfatti ma considerata la situazione dovrebbero venir prima <br>- il sito internet di Sarfatti e di uno squallore disarmante : ricordo quello di Lilli Gruber e mi chiedo se nessuno puo dargli una mano. <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra ---- segue articolo da La Provincia di Como <br> <br>Da La Provincia di Como <br> verso le elezioni Il candidato del centrosinistra conosciuto soltanto dal 25% degli elettori lombardi Sarfatti, il consigliere imbarazzato e la ripresa ulivista <br> <br> Riccardo Sarfatti, avversario di Formigoni alla guida della Regione <br> <br>«Sarfatti? Sarfatti chi?». Il candidato del centrosinistra a presidente della Regione Lombardia paga lo scotto della scarsa notorietà. Un divertente episodio è capitato lunedì in centro a Como, quando Riccardo Sarfatti ha tenuto il primo incontro ufficiale in città. Luca Gaffuri, segretario della Margherita e candidato consigliere nella lista dell'Ulivo alle elezioni di aprile, stava facendo quattro passi in compagnia dell'aspirante presidente e dei dirigenti locali del centrosinistra, quando in piazza Perretta ha incontrato il capogruppo di An Claudio Corengia. Destra e sinistra si guardano ancora in cagnesco ma, per fortuna, non si tirano più i pugni come vent'anni fa. Buona educazione, quindi, ha voluto che Gaffuri salutasse Corengia. «Come va? Ti presento il nostro candidato: Sarfatti» ha esordito il segretario della Margherita indicando un uomo alle spalle del capogruppo di An. Corengia si è voltato e si è trovato di fronte a cinque uomini distinti. L'esponente del partito di Fini a quel punto è riuscito a mal celare l'imbarazzo: chi è dei cinque Sarfatti? A chi stringere la mano? Ci ha pensato Sarfatti a protendersi verso Corengia e risolvere la situazione. Un caso isolato? Non pare proprio se si spulciano i dati del sondaggio effettuato dalla Ipr Marketing, che il 31 gennaio e il 1 febbraio scorso ha intervistato 1.000 cittadini lombardi sulle future elezioni. Il nome di Sarfatti, infatti, è risultato conosciuto solo dal 25% degli uomini e dall'11% delle donne, contro il 100% di notorietà del presidente in carica Roberto Formigoni. Anche se il candidato è semisconosciuto, il centrosinistra può comunque consolarsi con il dato delle intenzioni di voto: il 41% voterebbe per l'opposizione. Ben quindici punti ancora sotto il centrodestra, ma pur sempre dieci punti avanti rispetto a cinque anni fa. Un risultato valutato positivamente dall'Ulivo in vista delle politiche del 2006, quando si voterà per i collegi di Camera e Senato. Luca Marchiò


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 12, 2005 09:54 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:02 pm
Messaggi: 25475
SEGRATE, Comunali, il centrosinistra candida ex capogruppo FI.<br>SEGRATE <br>Comunali, il centrosinistra candida ex capogruppo FI <br> <br> <br>dal Corriere - 12 febbraio 2005 <br> <br>Per le elezioni di aprile, il centrosinistra sceglie l'ex capogruppo di Forza Italia. Raffaello Pieri, presidente del consiglio comunale uscente, fino allo scorso novembre consigliere di maggioranza poi fuoriuscito da Forza Italia, un passato nel partito repubblicano e da trent'anni attivo in politica. <br>Ad appoggiare Pieri, 60 anni, dirigente industriale in pensione, oltre alla lista civica Aria Nuova (nata dalla fusione di due comitati da anni attivi sul territorio, Comitato Rivoltana e Comitato Cassanese) saranno Ds, Sdi, Margherita, Rifondazione e Pdci. <br> <br>DS Milano - Rassegna Stampa.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 12, 2005 17:44 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 7
Re: l'Onu indaga su Formigoni<br>Ma non c'è nessuno che gli dà la sveglia al Sarfatti? <br>Ma non c'è nessuno che gli dà una mano? <br>A' padani!!!...


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun feb 14, 2005 12:49 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 90
Re: Lombardia<br>Intanto si stanno delineando le candidature al consiglio regionale. <br>Per quanto riguarda la circoscrizione di Milano (quella che darà più seggi, visto che è la più grande), Ds e Margherita stanno "litigando" su chi avrà il capolista nel listone. In corsa ci sono Maria Grazia Fabrizio (ex leader della Cisl lombarda) e Franco Mirabelli ( segretario provinciale dei Ds milanesi). <br>Nel frattempo la direzione provinciale dei Ds ha deciso i candidati per Milano che proporrà agli alleati per inserirli nel listone. I nomi sono: <br>Franco Mirabelli <br>Sara Malvaggi (assessore a Sesto) <br>Marco Cipriano (consigliere uscente) <br>Aurelio Mancuso (segretario nazionale arcigay) <br>Ardemia Oriani (segretario milanese dello Spi Cgil) <br>Felice Besostri (ex senatore) <br>Vincenzo Olita (direttore di "Società libera") <br>Tonino Mulas (presidente dell'associazione "Federazione associazione sardi") <br>Renata Sparacio (ambientalista) <br> <br>Per lo Sdi dovrebbe correre il segretario della federazione provinciale Elio Luraghi. <br>Per la margherita quasi certe le candidaure di Onofrio Battista e Paolo Danuvola a Milano (oltre alla Fabrizio). Si parla anche dell'ex presidente della provincia Livio Tamberi. <br>L'ex avvocaro di Berlusconi, Vittorio Dotti dovrebbe correre in quota repubblicani europei nel listone (probabilmente nella cirocscrizione di Lecco). <br> <br>I verdi schierano l'uscente Monguzzi come capolista sia a Milano, che a Bergamo e Brescia. <br>Rifondazione schiera come capolista a Milano Mario Agostinelli (cgil ed ex diessino) e il capogruppo Gianni Confalonieri. <br>I comunisti italiani schierano Margherita Hack e l'ex parlamentare Anna Bernasconi.


Top
Non connesso Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010