Oggi è dom ago 19, 2018 03:43 am


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven feb 25, 2005 18:29 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 19
Re: Lombardia<br>Caro Andrea, non mi prendere per quello che gufa...anche a me piacerebbe un governo di centrosinistra e mi auguro vivamente che le tesi da te esposte potranno diventare reali, posso dire per ora che seppur timidamente la situazione sembra andare in questo senso..dopo le regionali potremmo trarre delle somme più complete. <br>Questo però non deve allontarci da ciò che è la realtà e i dati di fatto: innanzitutto togli pure quel probabilmente sulla vittoria del centro destra del '96 se si fosse presentato unito; sul friuli è vero, c'è stata un'inversione di tendenza con risultati storici, però vorrei capire quanto questo risultato sia legato alla presenza di illy (personaggio particolarmente popolare in friuli) e quanto invece ad un vero cambiamento di tendenza. <br>Ho preso i dati delle regionali 2003 e delle europee 2004 per fare un esempio (sono le somme dei voti di lista per ciascun schieramento) : nel 2003 il csx ha il 49,1% contro il 46,9% del cdx. Nel 2004 il csx ha il 42,16% contro il 48,58% del cdx. Si vede bene quindi come la presenza di illy abbia influito molto e come il csx non riesca a mantenere le sue posizioni senza di lui. Quindi a questo punto non so se si possa parlare di inversione di tendenza o di un semplice episodio, un po' come è avvenuto a Bologna. Io non voglio essere passimista ma realista e dico che non bisogna farsi prendere da facili entusiami e valutare tutti i dati approfonditamente e trarne le dovute conclusioni, che ci piacciano o meno. Un saluto


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab feb 26, 2005 20:25 pm 
I verdi al verde per la banca verde<br>Non c'e' solo "oil for food" come scandali lombardi : c'e' anche la banca Credieuro vicina alla Lega. <br>Naturalmente i leghisti si dissociano : io non so , io non c'ero e se c'ero dormivo! <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra <br> <br>Maria Castelli per La Provincia di Como <br>Credieuro Nord» <br>«La Banca Credieuro Nord non è la banca della Lega. Il Movimento non ha azioni, non è coinvolto in affari con la Credieuro Nord»: il segretario provinciale Nicola Molteni smentisce qualsiasi legame tra il Carroccio e l'istituto di credito nelle grane per gravi irregolarità nella gestione. Duecento i comaschi che avrebbero perso gran parte dei loro risparmi convertiti in azioni della Banca Popolare Credieuro Nord, 2.600 soci e 19 miliardi di lire capitale. «I comaschi sarebbero molto meno – precisa Molteni – ad ogni modo, siamo di fronte alla solita strumentalizzazione politica demagogica da campagna elettorale». Come mai, allora, la CredieuroNord è stata identificata da tutti come Banca della Padania? «Forse perché è una realtà creditizia che nasce in un contesto del Nord – precisa Molteni – ma con il Movimento non c'entra niente. La Lega Nord è tutt'altra struttura politica rispetto a questa banca». Eppure, il comitato dei creditori “Amici della CredieuroNord” che ha organizzato per oggi la presentazione di un esposto collettivo in Tribunale a Milano, ha chiamato a garanti per la salvaguardia del capitale rimasto il Consiglio Federale e lo stesso Umberto Bossi. «Questo Comitato dei creditori – spiega il segretario – è formato, come sembrerebbe, da fuoriusciti dalla Lega. Beninteso: sono io il primo a sollecitare azioni civili e penali nei confronti di chi ha sbagliato. Ma le solleciterei per chiunque si comporti in malo modo». I soci sono tutti militanti della Lega. «A titolo personale, potevano aderire tutti. Si trattava di una banca popolare, non di uno strumento o di una funzione della Lega nel mondo finanziario», ribadisce Molteni. I piccoli azionisti sono scandalizzati perché hanno acquistato cento o seicento azioni a 25.000 lire l'una. I maggiorenti, un'azione, della quale hanno perso l'85% come gli altri. Inoltre, secondo i giornali finanziari, sono coinvolti Maurizio Balocchi, sottosegretario agli Interni e tesoriere della Lega e nel consiglio d'amministrazione c'erano altri nomi illustri, Brambilla, Stefani, Giorgetti… Erano a titolo personale? «Presumo di sì. E se è vero che ci sono leghisti tra i soci fondatori, resta il fatto che banca e Movimento sono due realtà distinte e differenti». La Lega non ha mai nascosto le ambizioni di protagonismo in un istituto di credito, inteso come salvadanaio del risparmio padano e sostenitore dello sviluppo della Padania. «La Lega ha una serie di iniziative per dare sostanza e immagine al territorio padano. Ma la Credieuro Nord non è affine e vincolata alla Lega». Maria Castelli


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom feb 27, 2005 20:58 pm 
Re: I verdi al verde per la banca verde<br>Fin che c'e' vita c'e' speranza. <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra <br> <br>DaLa Provincia di Como <br>Sarfatti: «Posso vincere Formigoni si è esaurito» <br> <br>MILANO «Il capitalismo italiano non è stato lungimirante: per troppo tempo ha pensato molto a sé stesso e poco al benessere di tutti. Ora siamo a rischio di declino: i genitori non sono più certi di poter offrire un futuro migliore ai propri figli»: così si è espresso ieri Riccardo Sarfatti, candidato dell'Unione alle prossime elezioni regionali lombarde, intervenendo a Milano al sesto congresso provinciale di Rifondazione Comunista. «Ora siamo di fronte a una progressiva perdita di competitività sia nei confronti Paesi nostri tradizionali concorrenti, che nei confronti di alcuni in via di sviluppo - ha proseguito Sarfatti -. Dobbiamo ripensare a nuovi modelli dove i valori come la coesione sociale, il futuro non incerto e non precario, il laicismo e la multiculturalità rappresentino risorse e il collante dell'unità». «Occorre migliorare i livelli di democrazia e di partecipazione - ha aggiunto Sarfatti -, perché solo in questo modo si garantisce la trasparenza delle decisioni». «Al riformismo di plastica fatto coi Calderoli e con quelli che celebrano la Repubblica di Salò - ha aggiunto polemicamente il candidato ulivista -, dobbiamo contrapporre il riformismo vero basato su un progetto politico di ampio respiro e sulla ripresa dello sviluppo che punti sulla qualità del lavoro e sulla capacità di fare impresa». Ai giornalisti che gli chiedevano quale apporto darà Rifondazione Comunista alla coalizione, Sarfatti ha sostenuto che «Il Prc costituisce un valore aggiunto, un importante valore aggiunto. È una forza importante della coalizione non solo dal punto di vista elettorale, ma anche dal punto di vista programmatico». «Occorre impostare una visione della Regione diversa da quella che in questi dieci anni ha ispirato Formigoni - spiega Sarfatti -. Si tratta di incidere su una molteplicità di problemi (ambiente, trasporti, sanità, servizi sociali) da affrontare nei primi cento giorni di governo per riportare la Lombardia ai livelli di eccellenza che sono stati raggiunti in passato». «Abbiamo la possibilità di vincere - ha detto da parte sua il segretario regionale di Prc, Ezio Locatelli -. La spinta propulsiva di Formigoni si è esaurita, è fallito il suo modello improntato sul taglio dei diritti e dei diritti sociali. Ha accresciuto una condizione di insicurezza sia nel lavoro che nella vita quotidiana».


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mar 02, 2005 13:25 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 90
Re: Lombardia<br>Il centrosinistra ha concluso l'alleanza con il partito dei pensionati (che sosteneva Formigoni inq uetsa legislatura). La loro consigliera regionale Elisabetta Fatuzzo apparirà nel listino collegato a Sarfatti. <br> <br>Sono sono annunicati sia il listino dell'unione che quello della cdl. La cdl ha lasciato fuori Bobo Craxi e così il nuovo Psi è furioso.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mar 02, 2005 21:48 pm 
Re: Lombardia (tre giornate di mobilitazione)<br>Care amiche ed amici, <br>stiamo dando vita ad una importante serie di mobilitazioni nell’ambito della campagna elettorale a favore di Riccardo Sarfatti. <br>Si tratta di tre iniziative sui temi che, a giudicare dai sondaggi, sono considerati tra i più sentiti dai cittadini: trasporti (pendolari)- sanità- aria pulita. <br>Sui tre temi sono già in stampa i rispettivi volantini, che saranno pronti a giorni <br> <br> 1^ giornata: Trasporti e treni (problema dei pendolari) il giorno 9 marzo <br> <br>Il 9 marzo, in tutta la Lombardia, i volontari, i cittadini interessati, i Comitati Sarfatti ed i partiti dell’Unione presidiano le stazioni della Lombardia dove il problema del pendolarismo è particolarmente sentito. <br>Il Candidato presidente, la mattina tra le 6.30 e le 7 prende il treno con i pendolari, incontrando la stampa alla partenza ed all’arrivo a Milano. <br>Alla sera effettua il percorso contrario, naturalmente modificando sia la stazione di partenza che quella di arrivo. <br> <br> 2^ giornata: Sanità il giorno 16 marzo <br> <br>Il 16 marzo le stesse forze di cui sopra presidieranno gli ospedali ed i centri di analisi della Lombardia distribuendo il volantino ed incontrando i cittadini. <br>Verranno scelti alcuni tra gli ospedali più problematici e significativi e Sarfatti parteciperà ai presidi tenendo delle piccole conferenze stampa. <br> <br> 3^ giornata: Aria pulita il giorno 19 marzo <br> <br>E’ sicuramente l’argomento di maggiore attualità e, il 19 marzo, presidieremo le città, i grossi centri ed i paesi inquinati dal traffico delle varie provinciali. <br>Avremo forse a disposizione delle auto elettriche e, comunque, sarà importante, oltre alla distribuzione del volantino predisposto, pensare ed immaginare iniziative divertenti o di denuncia dei vari problemi. <br> <br>E’ chiaro a tutti che queste tre giornate, per riuscire, richiederanno uno sforzo immane ai volontari ed agli amici dei partiti che ci daranno una mano e bisogna, sin da ora, cominciare a preparale individuando i luoghi delle iniziative ed il taglio che, localmente, si intenderà dare (naturalmente dentro allo spirito di una giornata regionale e quindi ispirata a criteri ed a logiche profondamente unitarie). <br>Vi preghiamo, quindi, di contattarci per segnalarci la vostra disponibilità così da poter comporre una serie di “gruppi di zona”. <br>So che molti di voi, adesso, diranno “ma io ho già dato la mia disponibilità, scrivendo una mail”. <br>E’ vero, ma non erano ancora previste iniziative tanto precise nella data e nel tema; vi pregherei, pertanto, di essere pazienti e di rimandare una mail inserendo nell’oggetto il titolo “Tre giornate” e verrete immediatamente contattati. <br>A presto <br> <br> Stefano Facchi <br>Comitato Elettorale di Riccardo Sarfatti


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mar 15, 2005 15:43 pm 
Re: Lombardia<br>SI PREGA DI DIFFONDERE - GRAZIE - <br> <br>Cari amici, in allegato la locandina dell'incontro: <br>"Chi comunica a Milano. Milano che comunica? <br>Fare sistema a Milano nella comunicazione" <br>18 marzo ore 21.15 Auditorium San Carlo corso Matteotti 14 <br>Presiede <br>Roberto Zaccaria <br> <br>Tavola rotonda <br>Lionello Cerri (Lumière &co.), Fiorello Cortiana (Senatore Verdi), Sandro <br>Parenzo (Telelombardia), Emanuele Pirella (Lowe Pirella), Gilberto Squizzato <br>(RAI), Fabio Terragni (Milano metropoli Agenzia di Sviluppo) <br> <br>Interviene <br>Riccardo Sarfatti <br>(Candidato Presidente Regione Lombardia) <br>Conclude <br>Filippo Penati <br>(Presidente Provincia di Milano) <br> <br>INCONTRO PROMOSSO DALLE ASSOCIAZIONI <br>Aprile-Articolo 21-Circolo Archimede-Cittadini per l'Ulivo-Communitas 2002- <br>Fuorionda-Ideura-Italia popolare-Le Girandole-Libertà e Giustizia-Libertàeguale- <br>Nuove Regole MilanoEuropa-Punto rosso <br> <br>Cordiali saluti. <br>La Segreteria <br> <br>Associazione Nuove Regole Milano Europa <br>Centro Formazione Politica <br>Via Cosimo del Fante, 13 <br>20122 Milano <br>tel. 02 58325661 <br>fax 02 58434329 <br>http://www.formazionepolitica.org


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio mar 17, 2005 11:28 am 
Re: Lombardia<br>Cari amici, <br>vi inviamo l'invito a un' importante serata in cui il nostro candidato alla Presidenza della Lombardia RICCARDO SARFATTI presenterà il suo programma attraverso un dibattito aperto con il pubblico. <br>La serata è promossa dal Circolo Archimede ed è organizzata per lunedì 21 marzo alle ore 21 presso il Teatro dell'Elfo in via Ciro Menotti 11. <br> <br>SI PREGA DI DIFFONDERE -GRAZIE- <br> <br>Cordiali saluti <br>La Segreteria <br> <br>Associazione Nuove Regole Milano Europa <br>Centro Formazione Politica <br>Via Cosimo del Fante, 13 <br>20122 Milano <br>tel. 02 58325661 <br>fax 02 58434329 <br>http://www.formazionepolitica.org


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven mar 18, 2005 00:44 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 200
Re: Il Programma<br>i pigri e per chi non a molto tempo per navigare allego il programma Di Sarfatti. <br>NON è un vero programma perchè manca di 'tecnicità' che è la base del programma ma rispetto al politicismo e alla superficialità di alcuni <br>'political men ' è sicuramente un buon punto di partenza e comunque diverso dal passato. <br> <br>UNA LOMBARDIA DI <br>CUI ESSERE ORGOGLIOSI. <br>FORTE, SICURA E SOLIDALE <br> <br> <br> <br>LA LOMBARDIA CHE VOGLIAMO 2 <br>Un metodo nuovo: ascolto, sussidiarietà, partecipazione, democrazia 2 <br>INNOVAZIONE, SVILUPPO, LAVORO 3 <br>Sviluppo e innovazione per competere nel mondo 3 <br>Linee di politica del lavoro 6 <br>UNA SCUOLA APERTA 7 <br>I buoni-scuola della giunta di destra 7 <br>Una formazione professionale di eccellenza 9 <br>UNA SANITÀ DI QUALITÀ E PER TUTTI 10 <br>LA LOMBARDIA DELLE PERSONE 16 <br>Una Lombardia che offre pari opportunità e uguaglianza di diritti 16 <br>Politiche per l’infanzia 18 <br>Gli anziani: una ricchezza per la società 19 <br>L’immigrazione come risorsa 21 <br>Un terzo settore integrato nella società 21 <br>LA CASA: IL BENE PRIMARIO DEI CITTADINI 22 <br>UNA LOMBARDIA SICURA 24 <br>AMBIENTE E TERRITORIO 25 <br>Buone norme per la pianificazione territoriale 27 <br>Turismo, sport e tempo libero 28 <br>AGRICOLTURA: RISORSA ECONOMICA ED AMBIENTALE 29 <br>INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ 33 <br>COMMERCIO E CARO PREZZI 36 <br>UNA POLITICA CULTURALE APERTA E INNOVATIVA 37 <br>STATUTO E AUTONOMIE LOCALI 38 <br> <br> <br> <br> <br>LA LOMBARDIA CHE VOGLIAMO <br> <br> <br>La Lombardia è ancora una regione di benessere, dotata di straordinarie risorse, anche se caratterizzata da disagio sociale crescente. Una regione di cui vogliamo e possiamo tornare a essere orgogliosi. Una regione aperta, ricca di potenzialità, cerniera tra l’Italia e il mondo, al servizio del Paese. <br> <br>Negli ultimi anni queste potenzialità sono state mortificate da una amministrazione senza progetto, che concepisce il potere come risorsa privata, da esercitare nell’interesse di gruppi economico-finanziari, se non di consorterie di amici. <br> <br>Per la prima volta da mezzo secolo i padri temono di non poter assicurare ai figli la prospettiva di una vita migliore della loro. Crescono precarietà e insicurezza. Il potere di acquisto dei redditi fissi diminuisce. Si moltiplicano le manifestazioni di intolleranza e integralismo religioso e politico. <br> <br>Affermare i valori della pace, della giustizia sociale, della cooperazione, della solidarietà, della laicità e del pluralismo, cercare di rimuovere la disuguaglianza nelle condizioni di partenza, per poter davvero premiare il merito di ciascuno non sono più semplici petizioni di principio, ma necessità per lo sviluppo economico, sociale e culturale del Paese. <br> <br>La Lombardia che vogliamo costruire è un luogo di accoglienza, dove il diverso non è nemico; una regione in cui lo sviluppo avviene all’interno di un solido sistema di protezione sociale, nel rispetto dei diritti delle persone che lavorano, dell'ambiente e del sostegno alle imprese. Noi coltiviamo l'idea di un’amministrazione che consenta alla regione di ritrovare una sua identità in progetti di eccellenza nei quali si possano riconoscere i suoi cittadini. Che sappia suscitare passioni ed interesse intorno all'istituzione, esercitare l'ascolto, promuovere partecipazione popolare, democrazia. . L’idea di una Lombardia come territorio di una società che vuole rinnovarsi sulla base di valori diversi da quelli su cui si fondano le politiche neoconservatrici, anche se si autoproclamano riformatrici, pericolose per il nostro futuro. <br> <br>La ripresa dello sviluppo è la prima necessità per la soluzione di ogni altro problema. Uno sviluppo che deve essere basato sulle capacità di creatività, imprenditorialità e lavoro di cui la nostra regione è ricca. Uno sviluppo fondato sulla qualità: qualità dei prodotti, ma anche della vita, del lavoro, dell’ambiente e degli assetti sociali. Dobbiamo invertire la tendenza al declino verso cui chi ci governa ci sta portando. Il rischio di declino è reale e non va sottovalutato: bisogna coniugare l’ottimismo della prospettiva con la severità e la serietà dell’analisi. <br> <br>Senza sviluppo non c’è libertà. Libertà di respirare un’aria pulita, libertà dalla precarietà del lavoro, libertà di muoversi sul territorio, libertà di curarsi, libertà di godere di servizi efficienti, libertà da discriminazioni di età e di sesso. <br>Una libertà non proclamata, una libertà vera. <br> <br>Un metodo nuovo: ascolto, sussidiarietà, partecipazione, democrazia <br> <br>La Lombardia che vogliamo deve essere un centro di partecipazione democratica e trasparenza decisionale. La partecipazione deve coinvolgere Comuni, Province e tutti i corpi intermedi espressione della società civile, includendo associazioni rappresentative di interessi, associazioni non-profit, volontariato, fondazioni, enti legati al territorio, e non solo i livelli dirigenziali dei partiti come sinora è avvenuto. <br> <br>I processi decisionali dell’amministrazione regionale, che toccano in modo incisivo pressoché ogni aspetto della vita dei cittadini lombardi, devono uscire dall’opacità e dalla logica affaristica e clientelare che a tratti li hanno caratterizzati. La Lombardia, come già hanno fatto altre regioni italiane, deve favorire la partecipazione dei cittadini al governo della loro regione e la trasparenza dei propri atti decisionali come presupposto di uno stile di governo aperto ad un tessuto sociale ricchissimo in competenze e passione civile. Il miglioramento della democrazia è un grande compito che non può essere eluso da chi governa. <br> <br>Lo strumento per il raggiungimento di questi obiettivi è un nuovo Statuto, che sappia sfruttare gli ampi spazi di autonomia consentiti dalla riforma del Titolo V della Costituzione per liberare le energie della società lombarda e coordinarle nella ricerca di assetti istituzionali più adeguati a governare una Regione ricca e complessa come la Lombardia. <br> <br>La giunta di destra è l’unica in Italia a non avere neppure elaborato una bozza di nuovo Statuto. Ciò è il segno di un evidente disinteresse per questi temi, e di un approccio al federalismo che non va oltre facili slogan. Di più, è sintomo di una volontà di gestione del potere come cosa propria, che antepone l’interesse di parte a quello generale. <br> <br>Vi è inoltre l’esigenza di una forte ed effettiva valorizzazione degli enti locali, che spezzi la spirale centralistica dell’attuale Giunta. Bisogna spostare il potere decisionale quanto più vicino possibile ai cittadini e alle loro esigenze, valorizzando il ruolo dei Sindaci e delle Province, prevedendo per la Regione un ruolo di coordinamento ed indirizzo generale, di sintesi delle domande e dei bisogni espressi a livello locale. <br> <br> <br>INNOVAZIONE, SVILUPPO, LAVORO <br> <br>Sviluppo e innovazione per competere nel mondo <br> <br>La Lombardia cresce meno della media italiana ed esporta sempre meno. Lo leggiamo dallo stesso rapporto IRER della Regione: <br> <br>“L’evoluzione recente dell’economia lombarda ha sostanzialmente seguito il rallentamento nazionale, per certi aspetti accentuandone le caratteristiche negative. In particolare, tanto nella media dell’intero periodo 1995-2003 (+1,4% contro +1,7%) quanto nel lasso di tempo più recente, la regione si caratterizza per una performance al di sotto di quella italiana, evidenziando chiaramente soprattutto nell’ultimo quinquennio, maggiori difficoltà ad affrontare le sfide dell’economia internazionale contemporanea. <br>A livello regionale, inoltre, i dati pubblicati evidenziano come la competitività globale della Lombardia sia la più bassa rispetto alle altre aree europee considerate (Catalogna, Baviera, Île de France e Rhône-Alpes). <br>Con riferimento agli scambi di merci dell’economia lombarda verso il resto del mondo, l’incidenza delle esportazioni regionali rispetto al PIL si è ridotta negli ultimi dieci anni di più di tre punti percentuali, passando dal 31,3 al 28,1%. Nel medesimo periodo si è registrato, invece, un incremento del peso delle importazioni, salito dal 34 al 36,6%. La quota delle esportazioni lombarde sul totale nazionale si è continuamente ridotta, passando dal 30,2% del 1995 al 28,5% del 2003, con un’ulteriore lieve flessione di due decimi di punto percentuale nel primo semestre dell’anno in corso” (Rapporto IRER “Lombardia 2005”, p. 128 e 129). <br> <br>Tutto ciò nonostante la Lombardia disponga del più forte sistema produttivo del paese: 750 mila imprese, quasi 3,9 milioni di occupati, un quinto dell’occupazione nazionale, che produce il 20% circa del PIL. L’estesa base produttiva e la ricca gamma di specializzazioni costituiscono il punto di forza dell’economia lombarda. Ma l’andamento negativo dell’ultimo decennio risente di specificità negative dell’area lombarda. <br> <br>L’economia mondiale ha recentemente conosciuto due grandi trasformazioni: l’apertura dei mercati internazionali e la rivoluzione tecnologica. L’economia lombarda ha difficoltà a sfruttare le opportunità offerte dalla globalizzazione e dalle nuove tecnologie. <br> <br>In un’economia sempre più globalizzata e competitiva l’innovazione tecnologica costituisce un fattore di successo strategico. La dimensione medio-piccola prevalente tra le imprese lombarde non ha sinora consentito di effettuare sufficienti investimenti, determinando un crescente ritardo tecnologico e un conseguente calo della produttività. <br>Per competere a livello internazionale sono infatti necessari due cambiamenti: <br>- produrre beni e servizi ad alto valore aggiunto; <br>- conquistare e mantenere quote di mercati esteri. <br> <br>I più importanti settori produttivi in Lombardia sono ancora quelli tradizionali, come il metalmeccanico, l’elettromeccanico, il tessile e abbigliamento, l’arredamento, la chimica e plastica. A questi si affiancano in misura sempre maggiore i settori più innovativi, come finanza, media e telecomunicazioni, design, biotecnologie. <br> <br>La leadership mondiale in alcuni dei settori trainanti è ormai minacciata dai diretti concorrenti, e dai più dinamici paesi emergenti (Cina, India, Brasile). Il modello lombardo, di specializzazione in settori ancora caratterizzati da livelli tecnologici non altissimi, ci espone alla concorrenza dei paesi emergenti, che godono di ampi bacini di manodopera a basso costo. <br> <br>La domanda mondiale cresce invece nei settori dove l’Italia e la Lombardia non sono forti. <br> <br>Dobbiamo competere sulla qualità del prodotto anche nei settori tradizionali dove siamo ancora forti. Per fermare il lungo declino dei 10 anni di governo della destra è necessaria una profonda ridefinizione delle priorità della Regione. Una politica di sviluppo efficace significa accrescere le competenze dei nostri lavoratori e la domanda di lavoro qualificato da parte delle imprese. <br> <br>È una necessità improrogabile che la Regione abbia un ruolo nella rivitalizzazione e nel rilancio del sistema produttivo lombardo. Esso va considerato nel suo complesso e nelle sue specificità: vi è una forte prevalenza delle imprese di dimensioni medio piccole, accompagnata da significative realtà medio grandi, indispensabili alla solidità del sistema. <br>Una prospettiva di rilancio dell’impresa manifatturiera medio grande sta nella capacità di risposta alla crescente domanda di prodotti socialmente ed ecologicamente desiderabili (per esempio auto non inquinanti, macchinari per l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, ecc.). Tale domanda può costituire il volano per un nuovo sviluppo di un’industria qualificata che si basa su scienza e ricerca e su interventi di riqualificazione di aree di insediamento storico dell’industria lombarda come quella di Arese. <br>Analogamente, per dimensioni di impresa più ridotte, si tratta di porre particolare attenzione ai settori che caratterizzano la frontiera più avanzata delle scienze, della ricerca e delle tecnologie quali nanotecnologie, bioingegneria, tecnologie legate allo sviluppo dei nuovi media. <br> <br>Per spostarsi sulle lavorazioni a più alto valore aggiunto e facilitare una maggiore innovazione anche nei settori più tradizionali è comunque necessaria una triplice strategia, imperniata sui principi condivisi nell’agenda europea di Lisbona per il 2010: <br> 1. accrescere le competenze dei lavoratori; <br>2. incentivare ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e processi connessi con la specificità del territorio; <br>3. promuovere le imprese lombarde nel mondo. <br> <br>1) Il ruolo della Regione nel campo della formazione professionale è fondamentale. In Lombardia ci sono tanti laureati, ma il problema non è quello dei numeri, quanto quello di creare professionalità adeguate alla domanda di competenze. Questo processo deve coinvolgere in primo luogo le imprese: per competere con efficacia è necessario un coordinamento delle esigenze delle imprese e dei lavoratori. È altresì centrale un diverso rapporto tra Università e industria ai fini della ricerca attraverso la promozione di convenzioni tra Regione, associazioni di imprese e Università. <br> <br>2) Il punto centrale per la Lombardia è estendere gli incentivi allo sviluppo dalla grande alla piccola impresa che non può essere esclusa dalle attività di innovazione. Il sostegno all’attività di ricerca e sviluppo delle imprese deve essere coordinato con il livello nazionale, semplificando le procedure per l’accesso agli incentivi (che deve abbandonare la logica “a pioggia”, basata sulla redistribuzione pro-quota di fondi insufficienti tra tutta la platea dei richiedenti). Questi devono concentrarsi su progetti selezionati in base a criteri predefiniti e sul trasferimento tecnologico alle PMI, ed essere erogati attraverso un Fondo per l’Innovazione Regionale, in modo che siano le imprese stesse a decidere gli investimenti. Il Fondo dovrà anche contemplare condizioni di favore per le piccole start-up e per consorzi di PMI. È inoltre necessaria una politica di rafforzamento dei distretti industriali, attraverso norme e incentivi in grado di promuovere una migliore organizzazione della piccola e media industria lombarda secondo il sistema a rete per filiere regionali di prodotto e dei distretti industriali, là dove le caratteristiche del territorio e degli insediamenti industriali presenti lo richiedono. <br> <br>3) Per competere con efficacia a livello internazionale è necessario che i nostri prodotti siano conosciuti e apprezzati sui più importanti mercati esteri. Malgrado le apparenze e casi isolati sinora ciò non è avvenuto. <br>Il declino dell’export lombardo ci indica che le 120 missioni di Formigoni sono servite solo a dare visibilità a lui e al suo seguito. In generale ha prevalso la politica dell’annuncio di iniziative in realtà mai realizzate. Una politica di facciata. Il prezzo pagato dalla Lombardia è stato alto per lo spreco di risorse dissolte in iniziative inutili o sbagliate e per il ritardo competitivo accumulato sul resto delle realtà produttive europee e mondiali con cui le imprese della nostra Regione devono confrontarsi ogni giorno. La creazione di uno specifico e nuovo Assessorato per le politiche internazionali della Regione è lo strumento adeguato alle necessità dell’internazionalizzazione che non debbono gravare in modo anomalo sui compiti e sulle funzioni del Presidente. <br> <br>I nostri progetti per il rilancio dell’economia lombarda: <br> <br> sostegno alla competitività attraverso l’incremento di risorse e servizi destinati al potenziamento dei fattori locali dello sviluppo; <br> strumenti finanziari a sostegno delle specializzazioni produttive lombarde; <br> istituzione di centri di rilevazione delle specificità dei territori e della domanda di competenze da parte delle imprese. È necessario creare un circolo virtuoso tra formazione di capitale umano, finanza e impresa; <br> una politica di relazioni internazionali a servizio delle imprese lombarde, che accompagni e sostenga i nostri imprenditori nei mercati mondiali, e diffonda i nostri prodotti di eccellenza, attuata con trasparenza e imparzialità a favore di tutti gli operatori che ne facciano richiesta; <br> consolidamento e rilancio del modello industriale lombardo, riqualificando la presenza pubblica nei settori strategici dell’acqua, dell’energia e della gestione del territorio. <br> <br> <br>Linee di politica del lavoro <br> <br>La concorrenza internazionale porta le imprese a competere tra loro anche intervenendo sul costo del lavoro e sulla maggiore flessibilità dell’occupazione e della prestazione. La flessibilità non può essere il frutto di un arbitrio lasciato ai rapporti di forza, ma va regolata impedendo che si trasformi in precarietà tramite gli accordi tra le parti sociali e la contrattazione. <br>Con la promulgazione a livello nazionale della legge 30/2003 il rapporto di lavoro precario si sta diffondendo in maniera crescente. I gruppi di lavoro colpiti dalla precarizzazione sono in particolare gli anziani e i giovani, per cui la precarietà del rapporto di lavoro si trasforma in precarietà di vita, in cui l’insicurezza del rapporto di lavoro porta con sé l’impossibilità di programmare le proprie scelte di vita, pregiudicando gli stessi diritti di cittadinanza. La nuova organizzazione del lavoro comporta l’emergere di nuovi diritti in termini di stabilità e sicurezza nelle nuove condizioni, di cui le istituzioni devono farsi carico. <br> <br>La Lombardia è la regione in cui sono più diffuse le varie forme di lavoro precario. <br>Dovrà essere drasticamente rivisto l’attuale assetto del collocamento, determinatosi a seguito della sua privatizzazione che ha comportato un’eccessiva proliferazione di agenzie accreditate, spesso su basi puramente clientelari. È necessario sostenere una rete pubblica di servizi per l’impiego in coordinamento con le amministrazioni comunali, le scuole e le Università, in modo da garantire con più efficacia un accesso più tutelato al mondo del lavoro, anche ai lavoratori maggiormente svantaggiati (come i disoccupati di lunga durata e i disabili). <br>La Regione – nell’ambito delle sue competenze – deve intervenire con vari strumenti per alleviare la situazione di precarietà e favorire l’inclusione sociale dei lavoratori atipici o colpiti da situazioni di crisi. Proponiamo dunque: <br> un tavolo regionale per gli interventi nelle situazioni di crisi, anche prevedendo forme di tutela del reddito dei lavoratori precari; <br> la realizzazione di accordi con gli istituti di credito per garantire l’accesso al credito bancario per i lavoratori atipici a fronte di esigenze personali e familiari e prestiti d’onore per i giovani; <br> l’istituzione di un apposito Fondo pensione integrativo regionale, rivolto specificamente al lavoro autonomo, artigiano e dipendente di piccole aziende, che oggi registrano un forte ritardo nella costituzione di strumenti di previdenza integrativa; <br> l’assunzione di impegno ad attuare politiche da parte delle amministrazioni pubbliche affinché si disincentivi il ricorso alle forme di lavoro temporaneo e si arresti il dilagare del collocamento privato. <br> <br>Sotto un ulteriore profilo, devono essere attuate misure di monitoraggio, prevenzione e repressione di ogni forma di discriminazione nell’accesso e nella permanenza al lavoro, che penalizzi le donne, i giovani, gli anziani, i disabili, ovvero sia basato sulla fede religiosa, gli orientamenti sessuali, la razza, la nazionalità. <br> <br>Misure che favoriscano l’inclusione dei lavoratori “atipici” devono poi riguardare anche settori non direttamente attinenti le politiche del lavoro, come una diversa organizzazione dei tempi, una maggiore disponibilità di servizi alla famiglia (come per esempio asili e nidi). <br> <br>Infine maggiore attenzione deve essere rivolta ai lavoratori più anziani, espulsi precocemente dal mercato del lavoro. A loro favore devono essere avviati programmi che in futuro potranno portare a finanziare: <br> interventi per i disoccupati in età matura che svolgono attività saltuarie e intermittenti; <br> un completamento dei versamenti previdenziali per i disoccupati in età matura privi di occupazione da almeno un anno e che dispongano di versamenti contributivi da almeno 30 anni; <br> l’anticipo della indennità di cassa integrazione straordinaria in tutti quei casi in cui si registri un ritardo nell’erogazione da parte dell’INPS. <br> <br>UNA SCUOLA APERTA <br>I buoni-scuola della giunta di destra <br>Nell’attuale contesto (modifica del Titolo V della Costituzione e la recente sentenza della Corte Costituzionale) le responsabilità ed il ruolo della politica regionale sono fortemente accresciute. Spetta alla Regione la programmazione dell’offerta formativa territoriale e la gestione del servizio scolastico con interventi finanziari propri ed equilibrati per garantire il diritto allo studio e di cittadinanza di tutti gli studenti. Spetta alla Regione tutto ciò che non coinvolge gli aspetti finanziari e la distribuzione del personale tra regioni (Corte Cost., sentenza n. 13/2004), nonché la determinazione delle finalità e degli obiettivi del sistema scolastico mentre spetta alle istituzioni scolastiche le determinazioni autonome sul piano della ricerca, della didattica, dell’organizzazione e della gestione. <br>La Lombardia presenta un basso tasso di frequenza alla scuola superiore rispetto alla media nazionale (-7%). Il suo numero di laureati è inferiore del 5,47% alla media nazionale, a fronte di un alto tasso di occupazione tra i giovani di quell’età. Ciò conferma che il problema della dispersione scolastica e dell’ingresso precoce al lavoro è tuttora irrisolto. Le risorse devono essere concentrate nell’affrontarlo, oltre che nel sostegno alle famiglie più disagiate. <br>Le significative risorse che oggi la Regione ha a disposizione sul versante del diritto allo studio sono invece utilizzate in modo sproporzionato per sostenere il buono scuola. <br>La giunta di destra, infatti, per il quarto anno consecutivo ha erogato un buono scuola a favore delle famiglie i cui figli frequentano le scuole private (l.r. n. 1/2000). Tale erogazione è disegnata in modo tale da essere sostanzialmente versata solo agli utilizzatori delle scuola private e paritarie, in quanto prevede il rimborso del 25% (50% per le famiglie disagiate) dei costi di frequenza ad esclusione delle spese per libri e gite scolastiche (chi va alle scuole statali pertanto non può usufruire buono). Il buono viene erogato a favore di chiunque ne faccia richiesta, a condizione che possegga un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) inferiore a 46.597,62 euro annui. Il buono cioè viene erogato prevalentemente alle famiglie con redditi medio-alti. Infatti i ceti medio-bassi generalmente non possono permettersi di mandare i propri figli alle scuole private e paritarie (la retta media annuale si aggira in Lombardia sui 4.500 euro annui, in un intervallo compreso tra 3.000 euro per la scuola elementare e 6.000 euro per la scuola superiore). <br>Per il buono-scuola sono stati spesi nel 2003 ben 40.073.917,22 euro per sostenere le rette di 61.246 studenti delle scuole private (il 6,74% del totale degli studenti lombardi), a fronte dei 7.075.976 euro per sostenere il diritto allo studio di tutti gli studenti della Lombardia (compresi i 899.275 che frequentano la scuola pubblica). Ciò significa che nel 2003 l’investimento pro-capite che della Regione Lombardia è stato di 652,36 Euro per gli alunni delle scuole private beneficiari del buono scuola e di 7,21 Euro per tutti gli studenti lombardi. <br>L’introduzione del buono scuola non ha prodotto benefici nemmeno per le scuole private le iscrizioni non sono aumentate a tre anni dall’introduzione del buono e la loro situazione finanziaria incontra difficoltà crescenti. <br>L’obiettivo dichiarato, di aumentare la libertà di scelta delle famiglie, è palesemente fallito e nel contempo si sono ridotte le risorse per la scuola di tutti. <br>A tutt’oggi inoltre la Regione non ha predisposto alcuna forma di controllo sulle scuole indirettamente beneficiarie del buono. Infatti il buono scuola viene assegnato, in base alla legge regionale che lo ha istituito, anche alle famiglie i cui figli frequentano le scuole private non paritarie, senza quindi nessun elemento di controllo e garanzia sulla qualità dell’offerta scolastica. <br> <br>Le nostre proposte: <br> trasferimento delle risorse dal buono scuola al diritto allo studio; <br> introduzione della carta dello studente che permetta la gratuità o la semigratuità del servizio di trasporto, della mensa, della fornitura di servizi specifici per tutti i soggetti che rientrano nella condizione di studente e vale a dire la garanzia del diritto di cittadinanza indipendentemente dalla scuola frequenta; <br> politiche che contrastino il precoce abbandono scolastico; <br> sostegno all’autonomia scolastica; <br> investimenti nell’edilizia scolastica per l’accoglienza degli studenti fuori sede; <br> politiche di integrazione degli studenti extra-comunitari; <br> potenziamento dei servizi per i disabili; <br> creazione di percorsi integrati tra scuola e formazione professionale, per includere nel sistema scolastico i ragazzi a più elevato rischio di abbandono, in contrasto al modello sperimentale di rigida segmentazione dei due sistemi. <br> <br>Il diritto allo studio universitario <br>Le competenze regionali in materia di sistema universitario sono specificatamente legate al diritto allo studio. Cruciale è la questione degli studenti fuori sede che di fatto rappresentano il 40% della popolazione universitaria. La Regione deve intervenire in questo ambito attraverso: <br> assegnazione di risorse adeguate al diritto allo studio universitario; <br> favorire la ricerca di alloggi idonei alle esigenze dei fuori sede, cooperando alla costruzione, stipulando accordi con banche e proprietari di abitazioni; <br> potenziare la gestione unitaria del diritto allo studio, incrementare le risorse disponibili e individuare criteri trasparenti per la loro assegnazione; <br> revisione della legge appena approvata dal Consiglio in merito alla riforma degli Isu rilanciando un idea di accesso alle risorse unitario sull’intero territorio regionale e non assegnato alle singole Università; <br> riorganizzare gli enti di ricerca, garantendone l'autonomia, responsabilizzandone la gestione e ampliando, al loro interno, il numero di ricercatori giovani e le loro possibilità di qualificato lavoro scientifico; <br> creare un fondo regionale cofinanziato per la ricerca scientifica e accademica. <br> <br>Una formazione professionale di eccellenza <br>Negli ultimi anni è aumentata la domanda di forza lavoro qualificata da parte delle imprese lombarde, incluse quelle medie e piccole, come fattore essenziale per lo sviluppo. La legge 53 introdotta dal Governo impone alla scuola secondaria superiore di trascura gli indirizzi formativi connessi alle esigenze tecniche delle imprese innovative. Similmente, nelle Università prevalgono ancora gli iscritti alle discipline umanistiche rispetto a quelli che frequentano facoltà tecniche. <br>Emerge dunque, accanto alla necessità di superare sul piano nazionale la legge 53, la necessità di rafforzare i servizi di orientamento, come pure la necessità di assegnare alla formazione regionale il ruolo di trasmissione delle specifiche competenze richieste dal mercato del lavoro, che né la scuola superiore, né il triennio universitario trasmettono. A fronte di queste esigenze, la Regione ha gestito in modo assai negativo i fondi europei per la formazione e ha accreditato un migliaio di nuovi soggetti senza verifica di qualità né di efficacia del loro lavoro. Il sistema storico della formazione professionale prima dell’accreditamento era composto da circa 80 soggetti convenzionati, attualmente i soggetti accreditati sono 1.289. La gestione attuata dalla giunta di destra ha prodotto la crisi di un sistema sempre più burocratico e frammentato, dovuto anche alla scelta di non decentrare effettivamente alle Province la gestione delle risorse. È invece necessaria una programmazione dichiarata degli interventi accompagnata da un progetto operativo, sul quale sia realizzabile un reale monitoraggio della spesa e del raccordo delle azioni con le istanze dei giovani in cerca di occupazione e le imprese. <br>La contro-riforma del Ministro Moratti ha inoltre inferto un duro colpo all’unità e alla qualità del nostro sistema scolastico. Particolarmente nociva appare la “liceizzazione” della scuola, che impone allo studente e alla sua famiglia una scelta troppo precoce tra percorsi scolastici di accesso all’università e percorsi di accesso al lavoro, che di fatto determina una netta separazione tra scolari di serie A e di serie B. Per contrastare gli effetti negativi della riforma, appare cruciale l’elevamento dell’obbligo scolastico da una parte e dell’altra degli standard qualitativi della formazione professionale, la cui finalità è l’ingresso nel mondo del lavoro, che assume importanza crescente anche a seguito della citata “liceizzazione” (che non trasmette competenze immediatamente spendibili sul mercato del lavoro). Al tempo stesso appare necessario apprestare percorsi di formazione “leggeri”, svuotati delle esigenze formative generaliste assolte dai licei, e facilmente adattabili alle richieste del mercato, rivolte espressamente ai “maturi” che non intendono rivolgersi all’Università. Inoltre, riconosciamo che i diritti all’accesso e al successo di ciascuna persona si realizzano nel contesto di una formazione lungo tutto l’arco della vita. <br>Gli interventi devono seguire i seguenti criteri: <br> rivedere i criteri e le regole dell’accreditamento dei soggetti che operano nella formazione professionale, attraverso l’individuazione di precisi vincoli quantitativi e qualitativi, in particolare: il numero e l’adeguatezza agli obiettivi formativi delle sedi e delle attrezzature necessarie, la presenza di figure professionali specifiche e stabili (formatori, progettisti, coordinatori e tutor) necessarie a garantire percorsi formativi di qualità; <br> stretto legame delle iniziative formative con le produzioni di eccellenza del territorio lombardo e con la specifica richiesta di competenze; <br> facilità di accesso anche per corsi di breve durata, rivolti a studenti che terminano liceo e triennio universitario; <br> ridefinire le modalità di utilizzo e di assegnazione delle risorse del Fondo Sociale Europeo ancora disponibili, per garantire trasparenza e correttezza nel loro utilizzo, ed una loro più efficace finalizzazione; <br> maggiore coinvolgimento delle Province e delle autonomie funzionali nella gestione dei fondi, nell’ambito della programmazione regionale; <br> costruire un sistema di formazione continua in Lombardia. A tal fine è necessario un forte raccordo con la programmazione regionale, nel cui ambito occorre individuare una sede di confronto con i Fondi Interprofessionali, per realizzare il raccordo fra le politiche attive del lavoro e le strategie e le priorità di intervento sulla formazione continua; <br> promuove la collaborazione tra istituti scolastici, Università e centri di formazione e sostenere percorsi scolastici e formativi in integrazione tra istruzione e formazione professionale; <br> favorire l’orientamento scolastico e formativo per l’inserimento nel mondo produttivo; <br> iniziative specifiche volte alla formazione permanente per gli adulti, dei pensionati e degli anziani, oggi inesistente. Vanno inoltre sostenute, attraverso la messa a disposizione di specifici servizi, le iniziative promosse dagli Enti Locali e da associazioni pubbliche e private rivolte ad offrire agli anziani opportunità culturali e formative. <br> <br> <br>UNA SANITÀ DI QUALITÀ E PER TUTTI <br> <br> <br>Premessa necessaria per qualsiasi programma che riguardi il sistema sanitario è che la salute è un diritto da garantire e non un bisogno da soddisfare. Caratteristiche di questo diritto devono essere l’universalità, l’equità e l’uguaglianza. <br>Il cosiddetto "modello lombardo" si basa sull'introduzione di logiche di mercato con separazione fra il finanziatore/acquirente e fornitore di prestazioni e cioè fra ASL (che vede impoverita la propria originaria funzione di gestione di servizi rivolti alla tutela della salute) e aziende ospedaliere pubbliche e private. <br>Il finanziamento non avviene sulla base dei bisogni della popolazione, ma a prestazione. I DRG, cioè gruppi di prestazioni correlati alla diagnosi, a cui viene corrisposto un controvalore economico sono stati introdotti dal 1995 su scala nazionale. In Lombardia questo strumento, con la l.r. 31/97 che ha introdotto la generalizzazione delle Aziende Ospedaliere affiancandole a quelle private in una logica di mercato, ha favorito l’incremento della produzione di prestazioni sanitarie a prescindere da ogni logica di programmazione e dalla loro appropriatezza. <br>Questo modello, contrariamente a quanto ufficialmente dichiarato, ha comportato un forte aumento delle spese, contemporaneamente ad una diminuzione delle prestazioni utili. Le cause erano facilmente prevedibili. Le cliniche e le altre strutture sanitarie private non erogano mai l'intero arco delle prestazioni: si limitano a quelle più convenienti individuate in un elenco definito dalla Regione Lombardia (una sorta di listino prezzi – i DRG appunto – in base al quale l’istituzione pubblica rimborsa gli istituti per le prestazioni eseguite). <br>I rimedi messi in atto per contenere la spesa, hanno conseguenze negative su quello sociale: si è introdotta la compartecipazione alla spesa da parte dei malati (in genere la parte più povera della popolazione) attraverso i ticket e l’aumento dell’IRPEF, si sono posti tetti alle prestazioni, si sono ridotti gli interventi socio sanitari quasi a toglierli dal sistema sanitario (salute della donna, salute mentale, tossicodipendenze, handicap grave, cronicità e non autosufficienza). <br>Il sistema di finanziamento a prestazione (DRG) ha aumentato le prestazioni non giustificate, ha di fatto aumentato la spesa, e ha ridotto l’importanza degli interventi per la prevenzione, così come per la riabilitazione. Il caso Galeazzi e quello più recente, in corso di indagine, dell’Humanitas, mostrano che il sistema sanitario lombardo, in molte sue parti, è più volto al profitto che alla soddisfazione del bisogno di salute dei cittadini <br> <br>Gli obiettivi dichiarati dalla giunta di destra erano una più vasta libertà di scelta dei cittadini; lo sviluppo di una più ampia rete di offerta con una liberalizzazione degli accreditamenti e convenzionamento di tutti i privati che lo avessero richiesto; la riduzione delle liste di attesa (conseguenza dell’aumento dell’offerta); un miglioramento qualitativo dei servizi; il contenimento della spesa sanitaria. <br> <br>Dopo dieci anni di governo della giunta di destra il fallimento di questa politica è evidente, in quanto: <br> <br> La sbandierata libertà di scelta è contraddetta dall’esperienza di cittadini sempre più soli, che si avventurano nel percorso ad ostacoli alla ricerca delle cure più appropriate. È divenuta un miraggio dopo l’introduzione dei tetti ai volumi di attività per le strutture sanitarie. Ma soprattutto la libertà di scelta ha di fatto creato disuguaglianze sociali dovute al decadimento dell’immagine e della valorizzazione del servizio pubblico; <br> I tempi di attesa per numerosi esami diagnostici, visite specialistiche e diversi interventi chirurgici risultano inaccettabili e spingono i cittadini all’acquisto privato delle prestazioni pur di ottenerle in tempi ragionevoli; <br> La collocazione territoriale delle nuove strutture e l’accreditamento di attività specialistiche sono avvenute senza programmazione, con una logica puramente di mercato incrementando gli squilibri del sistema; <br> Le politiche di razionamento della spesa, di precarizzazione del personale, gli inadeguati investimenti stanno pesando sulla qualità dei servizi; <br> La dinamica della spesa è cresciuta oltre il previsto a causa dell’incremento ingiustificato e repentino dell’offerta. L’eccesso di spesa è stato ripianato fino al 2001 facendo mutui per 1234 mln di €, dal 2002 introducendo un’addizionale IRPEF per un gettito annuo di 320 mln di €, dal 2003 con ticket sui farmaci e pronto soccorso per altri 200 mln di € annui. <br> Le ASL sono state di fatto private del ruolo di orientamento e di politica sanitaria e provvedono semplicemente a pagare le prestazioni. Per controllare la spesa la Regione ha emanato nel 2003 una delibera che impone alle ASL di fissare dei tetti di spesa agli erogatori, impegnandosi a riconoscere una percentuale fissa del fatturato dell’anno precedente indipendentemente dalla qualità del servizio fornito. Questo è puro dirigismo, con un governo della spesa fatto dal centro, che esautora le ASL chiamate solo ad applicare le direttive regionali. <br> Seppure l’aziendalizzazione del servizio sanitario sia stata introdotta da legge dello Stato, il modello lombardo l’ha portata agli estremi: i direttori generali rispondono a criteri di nomina politica, e a loro volta nominano i direttori amministrativi e sanitari all’interno di ASL e Aziende Ospedaliere. I pervasivi poteri del direttore generale, anche nel merito delle scelte sanitarie ha determinato l’emarginazione del personale medico-sanitario, con pesanti conseguenze sulla qualità del governo aziendale degli ospedali. <br> I medici di base, che costituiscono il punto di contatto tra i cittadini e il sistema sanitario, sono in realtà privi di raccordi con il sistema ospedaliero e non sono sufficientemente incentivati ad aggiornare il loro patrimonio di conoscenze: ciò fa del tanto decantato “modello lombardo” un gigante dai piedi d’argilla. <br> L’erogazione di prestazioni diagnostiche, difficilmente controllabili per appropriatezza e qualità, è di fatto condizionata dalla convenienza degli operatori. Ciò penalizza sempre l’utente, o sotto il profilo economico, o sotto quello della qualità delle cure. <br> Sono stati fatti passi indietro nel rapporto con i Comuni, estromessi da qualunque ruolo significativo; questo di fatto impedisce al cittadino di poter esercitare anche in forma indiretta una verifica su tutte le scelte di politica sanitaria. <br> La decisione di distribuire in modo generalizzato la Carta Regionale dei Servizi (tessera sanitaria elettronica) è un’azione velleitaria, in quanto non sono disponibili i servizi promessi. Nelle quattro ASL dove è già stato avviato il Sistema Informatico Socio Sanitario, i servizi attivati sono pochi e con gravi problemi di funzionamento. La sproporzione tra servizi disponibili e costi, diverse centinaia di milioni di euro, si sta trasformando in un colossale spreco e distrazione di risorse pubbliche dalla cura dei malati. <br> La gestione dell’Assistenza domiciliare integrata, storicamente affidata in modo prevalente ai distretti delle ASL in alcune province, con prevalenza di rapporti convenzionali in altre, è in via di smantellamento e di esternalizzazione e viene sostituita dall’utilizzo dei voucher. <br> Va registrato un grave ritardo nella riorganizzazione dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta e dei Medici di Continuità Assistenziale, sia nel loro ruolo di garante della salute dei cittadini in forme territoriali e prossime alla domiciliarità che nella loro valorizzazione per assicurare le cure primarie. La guardia medica è ormai ridotta a poco più di un centralino. Questo impoverimento del tessuto sanitario (e sociale) ha determinato confusione, sensazioni di insicurezza da parte dei cittadini, diffidenza nei confronti della rete dei servizi pubblici, fuga al privato come elemento di rassicurazione in un vissuto complessivo di perdita di diritti; <br> La giunta di destra ha proposto l’istituzione di Fondazioni di partecipazione, aperte ai Comuni, per gestire taluni ospedali. In altri casi le Fondazioni sono state la via per affidare a soggetti privati la gestione di piccoli ospedali in cambio di investimenti. In realtà si tratta di strumenti creati per rispondere all’evidente difficoltà di rapporto con i cittadini e con le comunità locali, che hanno tuttavia dimostrato di non essere del tutto idonei a garantire una buona collaborazione tra pubblico e privato; non creano evidenti vantaggi per i cittadini, mentre vi è il rischio concreto che sfuggano al controllo degli Enti pubblici. <br> <br>Più in generale, si deve osservare che dal 1992 in Italia, per mantenere in equilibrio economico il sistema, si è puntato su politiche di risparmio, di razionalizzazione, di efficienza aziendale condizionando le politiche sanitarie alla compatibilità economica, senza valorizzare i livelli di programmazione territoriali e regionali. Questo ha portato risultati diversi tra le regioni. Di fatto, il sistema è stato finanziato in disavanzo, in modo cumulativo e costante, costringendo Stato e regioni a ripiani, assunzione di mutui, rinuncia ad adeguamenti tecnologici, ma soprattutto a scaricare progressivamente i costi sui cittadini. In un quadro di crescenti disuguaglianze sociali e di contrazione dei redditi, ciò porta spesso alla impossibilità di accesso alle prestazioni sanitarie creando disparità e penalizzazioni sul piano della salute. Le scelte strategiche ed organizzative attuate dalle giunte di destra in Lombardia hanno accentuato in modo forte questa impostazione economicistica. È necessario correggere questa visione della sanità. I livelli essenziali di assistenza non devono essere pensati come limiti di spesa ma come servizi essenziali da garantire. Si tratta di riformulare il valore della salute come investimento sul bene comune economico e sociale e non soltanto come costo da ridurre, puntando con forza alla riconversione dei bisogni di cura in bisogni di salute. <br> <br> <br>I nostri obiettivi: <br> <br> Abolizione dei ticket su farmaci e pronto soccorso, e gratuità di tutte le cure sanitarie previste dai livelli essenziali di assistenza, comprese le fasi di riabilitazione. Il ticket è di fatto una tassa sulla malattia e uno strumento iniquo e inefficace per il controllo della domanda di prestazioni e dei farmaci. Durante la legislatura dovranno essere progressivamente ridotti gli altri ticket sulla medicina specialistica. Il servizio pubblico sostenuto dalla fiscalità generale e senza altri oneri per il cittadino è lo strumento più idoneo al perseguimento dell’interesse generale. <br> Nello stesso tempo occorre rendere più efficace l’attività di prevenzione e di cura per le patologie odontoiatriche, prevedere cioè anche per i denti cure gratuite. Infine, va garantita l’offerta di servizi per la riabilitazione (motoria, neurologica, cardiaca e psichica), oggi raramente disponibili come cure gratuite. <br> Ridefinizione del sistema di finanziamento. Quello a tariffa incentiva il proliferare delle prestazioni, e dunque l’aumento della spesa. Occorre dunque uscire dall’attuale paradigma. L’obiettivo è quello di pagare i risultati di salute e non la malattia. Altri sistemi appaiono più idonei al contenimento dei costi, come quello che assegna un budget prefissato ad ogni erogatore di servizi. Obiettivo deve essere l’introduzione di sistemi di finanziamento e remunerazione che allineino le convenienze dei diversi attori in sanità ai principi dell’etica professionale e agli obiettivi di salute della comunità. <br> Riduzione delle liste di attesa. Le liste d’attesa devono essere ridotte ricorrendo alla riqualificazione del ruolo del medico di base nella individuazione dei percorsi di cura per il cittadino a cui deve corrispondere un’offerta di prestazioni qualificate da criteri di appropriatezza e di efficacia che consentano di risparmiare sulle attività diagnostiche e sulle terapie. <br> La rete ospedaliera lombarda deve essere riprogrammata e ridisegnata, superando la legge 31/ 97, con il ritorno, là dove è conveniente, degli ospedali alla ASL. <br>Le nuove strutture ospedaliere e quelle da ristrutturare dovranno seguire criteri innovativi nell’organizzazione logistica e gestionale, integrarsi come nodi di una rete, che deve contemplare le strutture private accreditate, distinte in: <br> ospedali ad alta specialità ragionevolmente distribuiti sul vastissimo territorio regionale, valorizzando le vocazioni e distribuendo in modo equilibrato le specialità e le più importanti dotazioni tecnologiche. Non è tollerabile che in Lombardia siano presenti 20 cardiochirurgie di cui 12 collocate in provincia di Milano e hinterland. Gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) debbono tornare ad essere considerati coma l’eccellenza del patrimonio pubblico e come tali gestiti; <br> ospedali intermedi, ben distribuiti territorialmente e dotati delle principali specialità e di reparti di riabilitazione; <br> ospedali di comunità organizzati per ospitare lungodegente, riabilitazione, diagnostica e visite specialistiche. Integrati ai servizi territoriali e alle attività dei Medici di Medicina Generale. <br> Creazione di un centro di eccellenza per la cura, la riabilitazione e il recupero dei pazienti in stato di coma di lunga durata e dei grandi traumatizzati, altamente specializzato su base multidisciplinare, di cui la Lombardia è ancora priva. <br> Più servizi sul territorio. La Lombardia ha storicamente una rete di servizi territoriali sanitari e sociali assai debole e poco integrata. E’ indispensabile far fronte alla carenza di servizi territoriali per la salute mentale, la neuropsichiatria infantile, i consultori. E’ inadeguata l’offerta pubblica sul territorio in alcune specialità: ginecologia, dermatologia, oculistica, odontoiatria. E’ fondamentale una condivisione per la progettazione dei servizi necessari e per la loro localizzazione, da parte di ASL, Aziende Ospedaliere, Comuni, associazioni di volontariato, operatori. La qualità e la sostenibilità del sistema sanitario si giocano sulla capacità di riorganizzare il sistema delle cure primarie. I medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, i medici della continuità assistenziale, specialisti convenzionati devono essere incentivati all’associazionismo, affinché i cittadini trovino un’adeguata continuità assistenziale. Il medico di base ha la responsabilità di guidare il cittadino lungo i complessi percorsi diagnostici e terapeutici imposti dalla malattia. Nello stesso tempo è il professionista che meglio di altri può aiutare a evitare il rischio, oggi molto diffuso, di un consumo eccessivo e inutile di farmaci e prestazioni sanitarie: visite, esami, interventi chirurgici. <br> Valorizzare i servizi territoriali studiando soluzioni organizzative che permettano al cittadino di trovare risposta in un unico luogo a diverse esigenze di cura, semplificando il più possibile gli attuali iter burocratici e sperimentando modelli come l la “Casa della Salute” - ospitando nella stessa sede gli studi di medicina generale, la specialistica di primo livello, laboratori di analisi e attività consultoriali e di riabilitazione – che appare oggi il modello più adatto a una larga sperimentazione regionale E’ necessario riformare la Guardia medica notturna e festiva, così da rendere questo servizio, molto richiesto dai cittadini, più efficace che in passato. Vanno rilanciati i servizi territoriali di neuropsichiatria infantile, adolescenziale e per adulti, tutti gravemente penalizzati dalla preminenza accordata negli ultimi anni agli ospedali. Va garantita una capillare rete di Assistenza domiciliare integrata come strumento in grado di ritardare il ricorso ad istituzionalizzazioni o al ricorso a ricoveri costosi e inutili,in particolar modo per le persone fragili, anziani,disabili,persone con difficoltà psichiche. <br> Va potenziata la rete degli interventi legati alle cure palliative per garantire il diritto alla casa e alla domiciliarità per le persone anche nella fase terminale della propria vita. <br> Per evitare conflitti e aumentare il coordinamento tra l’attività territoriale e quella degli ospedali, è necessario superare la separazione generalizzata tra ‘acquirente’ e ‘produttore’ di prestazioni sanitarie in particolare nei servizi territoriali. Per questi le ASL devono continuare a garantire l’erogazione dei servizi. <br> I comuni associati, nella loro funzione di “sponsor dei cittadini” devono diventare attori che concorrono alla programmazione strategica dei servizi a media e bassa intensità, al controllo dei risultati di salute, alle scelte nella allocazione delle risorse. I comuni associati devono esprimere un parere obbligatorio sulla nomina dei direttori generali e devono poterne chiedere la revoca motivata. <br> Valorizzare gli operatori sanitari. Attualmente il sistema di governo delle Aziende ospedaliere si risolve in un controllo politico del direttore generale sul personale medico-sanitario. Ciò è inaccettabile, è invece necessario un riequilibrio del potere decisionale a favore degli operatori sanitari. <br> Fondo per la non autosufficienza. Per l’addizionale IRPEF è necessario elevare il livello di esenzione. Il gettito non può essere utilizzato per ripianare i disavanzi prodotti dalle inefficienze del sistema ma va finalizzato esclusivamente alla costituzione di un Fondo regionale per la non autosufficienza le cui risorse dovranno essere amministrate dalle ASL. Agli anziani ricoverati in strutture residenziali va garantita la piena attuazione del Decreto Legge 130 del 2000, evitando di far ricadere gli oneri sui parenti. Saranno valorizzati i Piani di Zona e forme di gestione consortile: eventuali buoni o voucher concessi dalla regione o dagli enti locali agli ultrasessantacinquenni verranno utilizzati esclusivamente a integrazione dei servizi garantiti. <br> Rivedere il sistema della diagnostica. L’inadeguatezza delle linee guida in questo settore pregiudica gravemente l’efficacia dei percorsi terapeutici. È necessaria una riorganizzazione su base regionale dei servizi, con laboratori d’urgenza locali e grandi laboratori per le alte specializzazioni, al fine di migliorare la qualità e contenere gli sprechi che si registrano oggi. <br> Prevenzione, informazione, educazione. La prevenzione primaria, la diagnosi precoce, l’educazione sanitaria costituiscono un investimento in salute ad elevato ritorno sociale ed economico. Esse devono essere considerate un obiettivo prioritario del sistema sanitario, nell’ambito delle quali promuovere iniziative di contrasto a fumo, inattività fisica, eccesso alimentare, stigma dei disturbi mentali, alcolismo, droga, incidenti stradali. Tutti gli attori del sistema, dai medici di medicina generale alle ASL alle AO, devono essere coinvolti in programmi di prevenzione attiva verso la popolazione generale o a gruppi di rischio per malattie di rilevanza sociale, che cerchino l’adesione consapevole dei cittadini interessati. Particolarmente importanti sono i servizi per la salute dell’età evolutiva e per prevenire il decadimento psicofisico e la non autosufficienza degli anziani. Va prestata una particolare attenzione alla prevenzione nei luoghi di lavoro, in una regione ad altissimo tasso di incidenti e di mortalità, che non si riesce ad abbattere anche a causa dell’estensione della precarizzazione e del persistere del lavoro nero. Va insediato un osservatorio epidemiologico regionale per monitorare i rischi, e per operare in modo integrato con l’ARPA a tutela dell’ambiente per migliorare la condizione di vita dei cittadini. Occorre una rigorosa valutazione di impatto ambientale per gli impianti termici ed industriali per contrastare l’inquinamento atmosferico e ambientale. Per quanto riguarda le sostanze tossiche o cancerogene e i processi produttivi pericolosi va perseguito l’obiettivo tendenziale del rischio zero, prevedendo i necessari interventi di bonifica ambientale, a partire da quelli che riguardano l’amianto. <br> Dipendenze. La complessità e i mutamenti che sono avvenuti nel campo delle dipendenze richiedono un intervento da parte del servizio sanitario regionale di ampie dimensioni. Anche in Lombardia, i Dipartimenti delle Dipendenze che intervengono sui temi delle droghe e dell'alcolismo, devono essere istituiti in tutte le ASL e devono essere aperti a tutte le altre forme di dipendenza. Il rispetto della dignità della persona ed il riconoscimento della esigibilità del diritto alla cura e alla riabilitazione e reinserimento sociale e lavorativo devono essere le principali linee guida. <br> Ai Dipartimenti di salute mentale, ai CPS, va garantita la destinazione dei redditi prodotti dall’uso e dalle vendite dei beni mobili ed immobili degli ex ospedali psichiatrici. <br> Una politica del farmaco più appropriata. Un sistema sanitario efficace richiede una politica del farmaco adeguata, senza sprechi e senza che i cittadini siano obbligati a spendere in proprio. Essa deve articolarsi sulle seguenti linee: maggiore disponibilità di farmaci generici, fino a oggi poco usati in Lombardia; sviluppo della distribuzione diretta: come in altre Regioni va introdotta, soprattutto per i pazienti dimessi dagli ospedali, la distribuzione dei farmaci necessari alle cure nei giorni successivi alle dimissioni; revisione dell’elenco dei farmaci distribuiti in ospedale; adeguamento delle confezioni alle esigenze dei malati. <br> Ricerca biomedica e innovazione: più sviluppo e nuove opportunità per la salute. Nella ricerca biomedica la Lombardia vanta una diversificazione ed una tradizione di eccellenza uniche. Negli ultimi anni, gli IRCCS pubblici lombardi sono stati teatro di contesa tra Regione e Governo con il risultato di metterli in seria difficoltà e far loro accumulare pesanti disavanzi di gestione. È necessario puntare su un loro forte rilancio. Ciò significa prevedere investimenti significativi in ricerca corrente e finalizzata, rafforzare la collaborazione virtuosa con le università, puntare su innovazione tecnologica e gestionale. Non solo gli IRCCS, ma tutti i maggiori ospedali devono essere messi in grado di partecipare a programmi di ricerca, i finanziamenti devono essere sempre più legati alla qualità dei progetti ed ai risultati conseguiti. <br> Medicine complementari e servizi per il benessere. Sempre più numerosi sono i cittadini che si rivolgono alla medicina non convenzionale. E’ doveroso regolare questo settore supportando i cittadini nei processi di selezione e consumo della medicina complementare e dei servizi per il benessere. Periodicamente va verificato ciò che è bene assicurare tramite il servizio sanitario nazionale, secondo il principio fondamentale dell’evidenza dei risultati, e ciò che va escluso. <br> Le risorse umane in sanità. Le professioni sanitarie infermieristiche, tecniche riabilitative e della prevenzione, sono una risorsa strategica per il sistema salute, considerato che la ricchezza professionale specifica di ognuna di queste discipline professionali (che raccolgono nella Regione Lombardia circa centomila operatori) presidia quotidianamente gli standard quanti/qualitativi delle prestazioni sanitarie erogate ai cittadini di concerto con il personale medico. Bisogna individuare requisiti per i criteri di accreditamento professionale al di là di quelli istituzionali già previsti, basati sui risultati dei benefici di salute attesi del professionista che eroga prestazione professionale. Questo percorso di garanzia del sistema è necessario per evitare lo snaturamento e l’abuso del ruolo professionale a tutela dei cittadini all’oscuro, attualmente, di qualsivoglia forma di garanzia reale delle performances sanitarie. <br> Umanizzazione dei servizi. Con il Decreto ministeriale 65/95 che istituisce la Carta dei Servizi Sanitari, è stato istituito un patto con i cittadini per l’umanizzazione dei servizi lungo due linee principali: l’accessibilità e l’accoglienza, dentro un sistema che garantisca equità e universalità. La prima fase di questo percorso è stata un tentativo di costruire una relazione fra pari; quindi un cittadino consapevole dei propri diritti verso strutture accessibili a tutti e umanizzate, e operatori della salute rispettosi della dignità della persona in un particolare momento della propria vita. Purtroppo ancora troppo spesso il sistema sanitario regionale risulta auto-referenziale e mette a tacere qualsiasi criticità proveniente dalla cittadinanza attiva. Questo percorso va dunque portato a compimento, attivando anche le indicazioni della legge 150/00 sulla comunicazione e sugli Uffici della Relazione con il Pubblico. <br> <br>In conclusione, osserviamo che un sistema sanitario improntato alla qualità, che sappia anche integrare strutture gestite privatamente secondo criteri di complementarietà ed equilibrio, è certamente realizzabile, come hanno dimostrato le Regioni storicamente governate dal centrosinistra. <br>Così come hanno dimostrato che una programmazione democratica e partecipata, determina condizioni di cambiamento se ha il consenso dei cittadini e delle loro rappresentanze istituzionali; che, risparmi ed investimenti, non sono incompatibili, bensì fattori essenziali di buon governo. Che l’innovazione organizzativa e strutturale è realizzabile senza dover percorrere la strada delle Fondazioni. <br> <br> <br>LA LOMBARDIA DELLE PERSONE <br> <br>Una Lombardia che offre pari opportunità e uguaglianza di diritti <br> <br>Le donne sono nella nostra società il punto di incontro fra lavoro, famiglia, affetti, realizzazione di sé: sono loro infatti a fare i conti con la pressione della vita quotidiana, con un'organizzazione sociale del tempo poco attenta agli individui, ma anche con l'invecchiamento dei propri cari, o con la cura dei figli, la loro crescita, o con la esiguità del tempo per sé. <br> <br>È ora che anche la Lombardia dia seguito concreto alla legge regionale sui tempi, in attuazione della normativa nazionale, promovendo con i Comuni piani dei tempi che consentano maggiore libertà nell’attuazione dei piani di vita individuali. <br> <br>Nella nostra regione solo il 7% degli uomini usufruisce dei congedi parentali. Le donne lavorano più degli uomini, poiché la cura delle persone in ambito familiare è quasi interamente sulle loro spalle. Una madre su 3 dichiara che è difficile conciliare i tempi per il lavoro e quelli per la famiglia. Il 6% delle future madri viene licenziato prima del parto. Il 14% delle donne lascia il lavoro dopo la nascita del figlio per l'inconciliabilità degli orari con le nuove esigenze. Questi numeri sono inaccettabili per una Regione che vuole essere modello di coesione sociale per il resto d’Italia. <br> <br>Una Regione ricca e moderna come la Lombardia non può imporre alle donne di rinunciare al lavoro, all’autonomia economica, ma anche alla realizzazione di sé, nei lavori dipendenti, nelle professioni, nell'impresa, nell’artigianato, per realizzare la propria identità di genere. <br> <br>Le donne lombarde sono cittadine con pari diritti e dignità degli uomini; diritti e dignità, oggi negati dalla precarizzazione e dal non riconoscimento della maternità, che sono anche condizione di sviluppo economico e di autonomia nel progetto di vita di tutti. <br> <br>Condivisione delle responsabilità familiari, conciliazione fra maternità e lavoro devono diventare l'asse attorno cui ridisegnare una moderna politica delle pari opportunità. Non è più accettabile culturalmente che i bambini non siano ancora considerati soggetti autonomi di diritto: è qualcosa di più che la pur necessaria battaglia per l'incremento degli asili nido, peraltro pochissimi. E' una strategia non assistenziale ma educativa, è coraggio nell'innovazione dei servizi per l'infanzia e per la loro diffusione sul territorio. <br> <br>L'invecchiamento della popolazione, sebbene derivata da un aumento delle aspettative di vita grazie al benessere, pone problemi inediti, le cui risposte oggi sono prevalentemente affidate alle famiglie, e in esse, alle donne. La colpevole inerzia della destra ne affida l'assistenza quasi interamente alle risorse familiari e parentali. A tutti noi è capitato di entrare in relazione con esigenze di assistenza domiciliare, o con il bisogno di una residenza protetta, o solo con la necessità di periodi di sollievo delle donne che curano e si fanno carico della non autosufficienza di un padre, di una madre, di un disabile. Abbiamo trovato disperazione, o indifferenza delle istituzioni, o rassegnazione e rinuncia delle donne al loro progetto di vita in nome dell'affetto. Un ricatto inaccettabile. <br> <br>Ancora più difficile è il percorso che attende le giovani donne, dal momento dell’ingresso nel mondo del lavoro, che in troppi casi saranno chiamate a scegliere tra lavoro e avere figli, per la drammatica insufficienza di servizi alle famiglie, nidi e asili in testa. <br> <br>Alle donne della Lombardia serve più welfare, servizi sociali e sistemi dei tempi adeguati alle loro esigenza di coordinare famiglia e lavoro. Sinora invece è notevolmente cresciuta la flessibilità nel lavoro, mentre l’organizzazione sociale non ha conosciuto analoghi cambiamenti. <br> <br>Al familismo della destra, fatto di effetti annuncio e poche scelte concrete, ma di erogazioni finanziarie a pioggia, contrapponiamo un progetto sulla famiglia che tenga conto delle sue trasformazioni. <br> <br>Alla ricchezza e qualità della società femminile lombarda non corrisponde un adeguato riconoscimento nella presenza istituzionale. Il nuovo Statuto e la nuova legge elettorale dovranno tenere adeguatamente conto che una rappresentanza condivisa da donne e da uomini, una presenza paritaria nelle liste sono ormai regole di una democrazia moderna, sottratta all'opacità degli accordi di potere. <br> <br>Le nostre proposte partono dall’assunto che le differenze, a partire da quella di genere, sono un valore della nostra società. Esse richiedono dunque una politica che valorizzi le competenze femminili nella vita sociale e nel mercato del lavoro attraverso: <br> l'incremento delle misure a sostegno della famiglia (come luogo di valorizzazione delle diverse soggettività) e di una paritaria relazione di coppia, anche attraverso l’impegno a sostenere la famiglia nei suoi momenti di crisi, in particolare tenendo in considerazione il benessere dei figli; in questo senso siamo a favore della creazione del mediatore familiare per il sostegno delle famiglie in crisi nell’ambito delle ASL territoriali; <br> la costruzione di una rete diffusa e integrata di servizi a favore della persona (prima infanzia, handicap, anziani) e a sostegno del lavoro di cura; <br> la ricostituzione di servizi specifici di cura della salute e di prevenzione (consultori pubblici per la contraccezione, la maternità, la menopausa); <br> il sostegno legislativo ed economico delle autonomie locali e all'autonomia scolastica per l'avvio di esperienze concertate (scuola di base, superiori, università, ricerca) che promuovano e producano nuovi modelli educativi; <br> sostegno formativo e informativo all'imprenditoria femminile; <br> l'incentivo alla progettualità locale per la piena attuazione della legge 53/2000 in materia di conciliazione tra lavoro di cura e lavoro fonte di reddito (congedi parentali, sperimentazioni di adattabilità nelle aziende, sostituto d'impresa, piano degli orari e dei servizi). <br> <br>Politiche per l’infanzia <br> <br>La nostra regione investe poco in politiche per l’infanzia e sono troppo poche le politiche attive per i diritti dei bambini. Il numero dei posti nido è assolutamente insufficiente. In Lombardia è garantito l’acceso a questo servizio solo al 10% dell’utenza potenziale, a fronte del 64% della Danimarca e del 29% della Francia. L’Unione Europea propone di raggiungere la copertura del 33% entro il 2010 in ogni paese: un traguardo ambizioso che si potrà perseguire a patto che diventi una priorità delle politiche pubbliche. È necessario investire nuove risorse finanziarie sulle politiche per la famiglia, sostenendo le azioni degli enti locali e delle agenzie del terzo settore impegnato a realizzare forme di inclusione sociale. <br> <br>Dobbiamo anche riflettere sul fatto che la nostra Regione da un lato può vantare un tasso di natalità in linea con quello nazionale (l’Italia ha 1,26 figli per donna contro una media europea di 1,47) ma dall’altro ha il primato degli abusi sui bambini (fonte Telefono Azzurro-2003) essendo, secondo i dati del Ministero dell’Interno, la regione più a rischio per l’accattonaggio minorile gestito da organizzazioni criminali. La Lombardia ha registrato, nel giro di un anno, il raddoppio dei reati di violenza sessuale compiuti da minorenni (fonte Procura dei Minori di Milano). Inoltre, il fenomeno dei reati commessi dai minori di 14 anni e quindi non imputabili


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven mar 18, 2005 09:42 am 
Lombardia in arancione<br>Cari amici vi preghiamo di diffondere -grazie!- <br> <br>COLORIAMO di ARANCIONE LA LOMBARDIA PER LA VITTORIA DI RICCARDO SARFATTI <br> <br>cari simpatizzanti del candidato Presidente Riccardo Sarfatti, <br>anche i simboli sono importanti!! <br>Mancano poco più di due settimane al 3 aprile. Ci vogliono segnali di unità e di solidarietà per far vincere Riccardo. <br>Dobbiamo far RISPLENDERE la nostra regione, dare un forte segnale di discontinuità rispetto alla grigia Lombardia di Formigoni. <br>Mettetevi una sciarpa arancione (per i più calorosi ve ne sono anche in seta e in poliestere), <br> <br>per informazioni, rvolgetevi al Comitato Sarfatti - Via Pergolesi 15 Milano - Tel.02 45485147/8 <br> <br>W SARFATTI PRESIDENTE <br> <br> <br>Associazione Nuove Regole Milano Europa <br>Centro Formazione Politica <br>Via Cosimo del Fante, 13 <br>20122 Milano <br>tel. 02 58325661 <br>fax 02 58434329 <br>http://www.formazionepolitica.org


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 20, 2005 02:25 am 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:00 pm
Messaggi: 200
Re: Lombardia : Scontro tra diverse radicalità<br>Le Elezioni Lombardia : scontro tra diverse radicalità . <br> <br>Le elezioni regionali in Lombardia rappresentano uno scontro tra modelli politici culturali e idee sul lavoro completamente e radicalmente diversi . <br> <br>Dal punto di vista strategico la prima questione riguarda la partecipazione o per essere più precisi la Democrazia Diretta .Il centro destra vive di un a politica passiva basate sulla delega istituzionale, il futuro dell’Ulivo dovrebbe essere la Democrazia Diretta . <br>I Corpi Intermedi e La Democrazia Diretta. <br> <br>In una regione come la Lombardia che nella sua storia passata ha avuto momenti importanti di cambiamento e anche di laboratorio politico, congiunti con una forte realtà produttiva ha prodotto nel passato una borghesia ‘progressista’ ed oggi una realtà di ‘moltitudini ‘ individuali e parcellizati, queste moltitudini sono oggi i Corpi Intermedi ,il programma afferma ‘ la partecipazione ……di tutti i corpi intermedi espressione della società civile’ questa affermazione necessità per il futuro sviluppi organizzativi ed sviluppi analitici . <br>I corpi Intermedi sono aree di autonomia sociale tra i ‘corpi fordisti’ ed le elite burocratiche , che nelle realtà economiche evolute hanno una capacità organizzativa e gestionale fondamentale per una società democratica. <br>Perché in Lombardia questa impropria ‘classe’ è in crisi ? <br>Perché a livello regionale la ‘classe politica’ è rimasta la stessa della prima repubblica , Formigoni è un autorevole rappresentante di quella classe politica . <br>Questa classe politica ha strumenti linguaggi e comportamenti che tendono a ‘bloccare ’ l’autonomia sociale ed individuale dei Corpi Intermedi . <br>L’impasse che vive la regione Lombardia deriva dal continuismo con le strutture politiche e culturali delle prima repubblica. <br>Se vince il centro sinistra la vera scommessa sarà tra NUOVE FORME di partecipazione e gestione degli apparati amministrartivi, economici e sociali . <br>Se vince il centro sinistra la scommessa sarà come gli utenti ( sindacato, consumatori, comitati ) verranno coinvolti nella gestione degli apparati . <br>La governance aziendali e sociali dovranno essere la ‘ nuova frontiera ‘ della regione Lombardia . <br> <br>Nel capitolo Sviluppo ed Innovazione è importante l’istituzione del Fondo per l’innovazione regionale , ma è necessario precisare le politiche dal lato dell’offerta , per mettere in rete piccole e medie aziende e dare loro ‘una consistenza da grande azienda’ è neccessario aprire una discussione su nuovi strumenti di politica industriali quali per esempio l’agenzia regionale per l’outsourcing si tratta di un ente che ha il compito di costruire delle aziende che negli distretti gestiscano in modo unitaria i servizi ( dall' amministrazione alla logistica ) queste aziende o consorzi vedono la partecipazioni di associazioni di categoria e di sindacati . <br> <br>Nel Capitolo ‘ Linee di Politica del Lavoro’ l’analisi contro gli eccessi della precarietà del lavoro è condivisibile ma una politica innovativa a livello regionale passa attraverso strumenti di job creation. <br>La creazione di nuovi contratti di lavoro per il lavoro sociale ( assistenza agli anziani , persone con handicap ) , si tratterebbe di contratti che prevedono dei veri stipendi ma esenti da costi differiti esenti da costi previdenziali e fiscali , questi contratti sostituiscono l’improduttiva indennità di disoccupazione e annullerebbero qualsiasi forma di disoccupazione e avrebbero una alta produttività per la società. <br>L’ organizzazioni di questi lavori avrebbe un suo naturale strumento nelle cooperative sociali . <br> <br> <br>Sulla SCUOLA lo scontro è EPOCALE. <br> <br>Se vince l’ulivo la scuola sarà la scuola pubblica con compiti istituzionale dettati dalla carta costituzionale una SCUOLA UNITARIA e di tutti, una scuola fatta di cattolici di laici di neoliberisti di comunisti di mussulmani di buddisti di suore di omosessuali di neri cinesi logobardi una scuola delle differenze per un progetto unitario ma non umico. <br> <br>Se vince Formigoni con i suoi buoni scuola i cittadini della Lombardia si dovranno assumere la responsabilità di chiudere per cinque anni la SCUOLA PUBBLICA. <br>In quanto il problema NON è dei cattolici, la questione della scuola cattolica è una questione vecchia e superata roba da prof. Bottiglione!! <br>La realtà odierna è completamente diversa , la scuola dei buoni-scuola porta alla privatizzazione del sistema scolastico, ed il problema emergente non sono le ‘preghierine’ di alcune suorete ai bambinetti ( che comunque non fanno male) e poi ..abbiamo il vaticano in casa , la questione è altra <br>Se ci sono le scuole cattoliche finanziate allora in Lombardia ci saranno le scuole mussulmane islamiche e ovviamente le scuole ebraiche, ma la fortissima comunità protestante evangelica cosa farà ? <br>Ma non è solo un problema di integralismo religioso anche nel fronte laico ci sarà per esempio l’intervento della confindustria con una propria scuola , ma la sinistra non è solo la ‘sinistra ministeriale’ e burocratica esiste ormai una nuova sinistra ed quindi in Lombardia ci sarà anche una SCUOLA laica basata sui valori dell’analisi sociali utilizzando metodologie di provenienza marxista e anche su nuove forme di cultura manageriale. <br> <br>A questo punto coloro che nel centro destra nei partiti di forza italia e allenaza nazionale ma anche della lega Nord ritengono che la scuola pubblica sia il luogo NATURALE della crescita di tutti dei poveri e dei ricchi un luogo di UNITA dentro lo Stato ITALIANO riflettano e comunque vada si dovranno assumere le loro responsabilità . <br>Vi sono nel programma altre problematiche con analisi molto concrete ( sanità, trasporti, accoglienza, casa) ma forse per il momento dovremmo fermarci e riflettere sulla NOSTRA SCUOLA pubblica , la nostra scuola di centro destra la nostra scuola di centro sinistra.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun apr 11, 2005 00:32 am 
Re: Lombardia : Scontro tra diverse radicalità<br>SERVE AIUTO!!! <br> <br> <br>Dati Ministero dell'Interno <br> <br>Formigoni : <br>2000 3355803 voti <br>2005 2606687 voti - 749116 voti <br> <br>Sarfatti ( Martinazzoli + Nesi nel 2000 ) <br>2000 1802676 voti <br>2005 2126189 voti + 323513 voti <br> <br>Altri <br>2000 222102 voti <br>2005 146695 voti - 124483voti <br> <br>Totale <br> <br>2000 5380381 voti <br>2005 4880571 voti - 499810 voti <br> <br>Il differenziale di affluenza a parita' di aventi diritto ridurrebbe i voti di circa 120000 <br> <br>Dove sono finiti i restanti 380000 che mancano <br>Sono diminuiti gli aventi diritto? <br>Sono aumentate le schede bianche o nulle? <br>Qualcuno mi sa rispondere ? <br> <br>Saluti <br> <br>allanfra


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 41 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010