Oggi è gio nov 23, 2017 20:22 pm


Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar mag 18, 2004 16:07 pm 

Iscritto il: lun feb 13, 2012 15:01 pm
Messaggi: 2
domanda importante 2<br>QUALE TEMA POTREBBE RIMUOVERE PREGIUDIZI E RESISTENZE DA PARTE DELLE GIOVANI GENERAZIONI EUROPEE IN MERITO ALL'ENTRATA DEI NUOVI PAESI NELLA UE?? <br>sto raccogliendo informazioni e pareri per la realizzazione di una pubbl progresso A FAVORE dell'entrata. quindi cio' presumerebbe un atteggiamento abbastanza ottimista. ma se non lo sei non fa niente.


Top
Non connesso Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 19, 2004 08:35 am 
Re: domanda importante 2<br>1) pregiudizi. <br>La rimozione di pregiudizi è cosa lenta e difficile, avviene a livello generazionale, decenni dopo deceni. <br>Non esiste "tema", a mio avviso, che possa illuminare uno che soffre di pregiudizi, facendogli considerare il suo errore. <br>Se cosi' fosse sarebbe in grado di operare un giudizio sul pre-giudizio e questa è una contraddizione di termini. <br>Anzi puo' essere controproducente perchè chi soffre di pregiudizi solitamente non lo sa (o si illude di non averne) e reagisce in modo brusco e secco ad un messaggio che lo accusi, implicitamente o esplicitamente di pregiudizio. Sarebbe già un successo se reagisse con resistenze, vedi sotto. <br> <br>2) Resistenze. <br>Qui il caso è diverso. Occorre studiare quali livelli di resistenza si sviluppano (solitamente sono classificati in 5 o 6 livelli diversi, a seconda degli autori degli studi su queste cose) e per ogni livello si deve studiare un appropriato metodo per superarla. <br> <br>Eventualmente cerco qualcosa e te lo metto qui. <br>Di norma comunque le resistenze esplicite possono essere superate offrendo in cambio qualcosa oppure con tecniche di transfert, trasferendo l'insicurezza su altre cose. Per esempio il bambino che fa resistenza per andare a scuola, puo' andarci con il suo orscacchiotto o con la sua macchinina, usate in questo caso come trasfert affetti domestici. Il problema era allora il "distacco" e la resistanza era una resistenza al distacco. Ogni resistenza quindi andrebbe studiata a se'. <br> <br>Saluti, <br>Francesco


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 19, 2004 08:48 am 
Re: domanda importante 2<br>Per tutto il tema delle resistenza al cambiamento e come superarle (in terminidi comunicazione) è utile leggere: <br>http://www.psicoaiuto.it/camborg/ <br> <br>Ciao, <br>Francesco


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 19, 2004 08:51 am 
Re: domanda importante 2<br>Non capisco quel: "pregiudizi e resistenze da parte delle giovani generazioni". <br>Mi sembra che il problema della resistenza all'ingresso di nuovi paesi nell'UE, sia un problema più legato agli ultra cinquantenni che ai giovani. <br>Mi sbaglio? <br> <br>ciao <br>Babar


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 19, 2004 09:12 am 
Re: domanda importante 2<br>La resistenza al cambiamento è tipica di stati d'ansia per insicurezza sul futuro. <br>Questo è piu' facile in momenti di crisi, in chi lavora o chi si appresta a farlo, se teme che qualcuno possa portargli via il lavoro. <br>Forse anche i pensionati hanno problemi ma minori risoetto a chi lavora. <br>Certo che un cinquantenne teme dipiu' di essere scalzato dai processi produttivi da una ondata immigratoria <br>Ma non è l'unico. <br> <br>Ciao, <br>Francesco


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer mag 19, 2004 09:17 am 
Re: domanda importante 2<br>Ho ritrovato un vecchio testo sul tema della resistenza al cambiamento (un testo di Goldratt). <br> <br>[Start QUOTE] <br>========== <br>Il primo livello di resistenza: sollevare problemi che hanno una cosa <br>in comune - non è in nostro potere: i fornitori sono inaffidabili, i clienti <br>cambiano sempre idea all’ultimo minuto, il personale non è adeguatamente <br>formato, la direzione ci impedisce.... <br>[Fino a quando non si rimuove questo, è come parlare al muro] <br>Il secondo livello di resistenza: sostenere che la soluzione proposta <br>non porterà i risultati sperati. <br>[La soluzione che proponi è ovvia per te, non agli altri. Quando riesci a <br>superare questo livello comincia la vera frustrazione. Vai a sbattere direttamente <br>contro il seguente] <br>Il terzo livello di resistenza: “Si, Ma...” Sostenere che la soluzione <br>proposta porterà all’insorgere di effetti negativi. <br>[Devi avere molta pazienza e resistenza per combattere questo. Oppure <br>essere fortunato ad essere nato con una tonnellata di carisma. Quando <br>lo hai superato non hai ancora vinto la guerra] <br>Il quarto livello di resistenza: Sollevare ostacoli che impediranno <br>l’implementazione. <br>[Se riesci a superare questo livello la persona è dalla tua parte, ma..] <br>Il quinto livello di resistenza: sollevare dubbi sulla collaborazione <br>degli altri (o peggio, non sollevarli affatto) <br> <br>[End QUOTE] <br>========= <br>Nota: le indicazioni tra parentesi tonde e quadre sono nel testo originali, non mie precisazioni. <br> <br> <br>Per alcuni, ed io sono d'accordo, esiste un livello prima ancora del primo, che possiamochiamre zero: <br>Negare semplicemente che esita il problema. <br> <br>Il testo di Goldratt si riferisce al cambiamento in azienda ma è ovviamente applicabile in ogni contesto umano. <br> <br>Ciao, <br>Francesco


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer giu 09, 2004 18:45 pm 
Re: domanda importante 2<br>Hai trovato spunti e informazioni? <br> <br>Nel caso, riferisci pre qui, a ricerca ultimata. <br> <br>Grazie, <br>Francesco


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Theme created StylerBB.net
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010